Recensioni :: Romanzo :: Twilight

Copertina di Twilight Titolo originale: Twilight
Autore: Stephenie Meyer

Anno: 2005
Nazione: USA
Lingua: Inglese
Traduzione in lingua italiana: Luca Fusari
Editore: Fazi

Genere: Fantasy, Romantico, Ritardo mentale
Pagine: 443

È da circa un anno che sento parlare, di solito in termini entusiastici, di questo Twilight. Ho voluto aspettare che si concludesse la trilogia, con l’uscita di New Moon ed Eclipse, per iniziare a leggerlo. Nel caso si fosse rivelato un bel romanzo non avrei dovuto aspettare neanche un giorno per leggere il seguito!
Poi ho scoperto che nel frattempo la Meyer aveva messo in cantiere altri due romanzi, Breaking Dawn e Midnight Sun, ma ormai Twilight l’avevo comprato.

Al termine della lettura di Twilight avevo il cuore che mi batteva forte forte, e un turbine di sentimenti mi sconvolgeva. Sentimenti difficili da raccontare, e perciò, da brava aspirante scrittrice, cercherò di mostrarli:

Se vedessi la signora Stephenie Meyer appesa per una mano al cornicione di un palazzo di nove piani, le schiaccerei le dita.

Twilight o del Romanticume

Io sono una persona cinica, ma non per questo disdegno le storie romantiche, specie quelle di ambientazione fantastica. Ho riletto il manga di Video Girl Ai non meno di dieci volte, e non riesco mai a trattenere le lacrime quando Yota regala il vestito ad Ai o quando loro due festeggiano il primo compleanno di lei nel nostro mondo.

Video Girl Ai Capitolo Sesto
Video Girl Ai Capitolo Sesto: Il primo appuntamento con Yota indossando il vestito che mi ha regalato. Clicca per ingrandire

Perciò non mi ha mal disposta sapere che Twilight aveva a che fare con vampiri adolescenti innamorati. È vero, diversi neuroni si sono suicidati solo per l’argomento, ma in generale ero pronta a lasciarmi andare e frignare alla fine. Non è successo e anzi alla fine ero nera, perché Twilight è un pessimo romanzo.

La copertina giapponese di Twilight
La copertina dell’edizione giapponese di Twilight

La storia è la seguente: la signora Swan si è appena risposata con un giocatore di baseball professionista. Per questo dovrebbe essere sempre in viaggio al traino del nuovo marito, invece rimane a casa, ad accudire la figlia diciassettenne, Isabella (“Bella”).
Bella comprende il disagio della madre e per farla contenta decide di andare a vivere con il padre naturale, Charlie, capo della polizia di una minuscola cittadina, tale Forks.
Forks è un grumo di case in mezzo ai boschi, e uno dei luoghi più piovosi d’America. Le giornate sono sempre buie e grigie. La povera Bella, non appena si rende conto di dov’è finita, si pente subito della propria generosità, ma ormai il danno è fatto.

Uno dei principi cardine della narrativa è il conflitto. Nella buona parte dei casi tale conflitto è la lotta del protagonista, l’eroe, per vincere un problema (il cavaliere ammazza il drago che aveva rapito la principessa). Senza conflitto non c’è storia: se il drago non rapisce la principessa non c’è conflitto e non c’è niente da raccontare.
Qual è il conflitto in Twilight ? Bella è una ragazza carina ma non troppo, intelligente fino a un certo punto, goffa, insicura, timida, né ricca, né povera. È una persona qualunque. Questo è l’eroe. Il problema è: riuscirà una persona qualunque ad abituarsi alla vita in una piccola cittadina? Riuscirà a farsi nuovi amici a scuola? Si sentirà accettata?
Non è un granché, specie per una storia fantasy, ma la Meyer non è interessata a raccontare alcunché e infatti il problema è risolto per pagina 40 o giù di lì: Bella ha già un paio di amiche e ben quattro spasimanti, tra i quali il Ragazzo Più Bello della Scuola.
Infatti Twilight non è narrativa, Twilight è pornografia per ragazzine sceme.

Pornografia: niente a che vedere con il sesso, del tutto assente nel romanzo, è pornografia in quanto la storia non importa, importano solo le immagini in sé, costruite apposta per suscitare determinati sentimenti. Twilight, al pari di un film porno, è una sequenza di scene slegate, costruite apposta per appagare certe fantasie. Se si vuole un esempio meno crudo lo si può paragonare a un documentario sugli ornitorinchi: non vuol narrare niente, vuol solo mostrare un’ora d’immagini di ornitorinchi, per gli appassionati di ornitorinchi.

Ornitorinco
Ornitorinco

Ragazzine sceme: perché, Dio Santo, se una ha un minimo di fantasia è capace da sola d’immaginarsi di arrivare in una nuova scuola ed essere subito adorata da tutti, compreso il Bello di turno. Ci arrivo persino io. Quando butto dei soldi in un romanzo, voglio qualcosina in più, voglio che la mia fantasia sia aiutata da quella dello scrittore, manipolatore di fantasie per professione. Invece la Meyer non ha niente di più da offrire: lei è una qualunque, lui è il più bello di tutti. Lei ama lui e lui ama lei. Fine della (inesistente) storia.

Ma… ma lui è un vampiro!
Persino la Meyer, forse rileggendo una prima stesura, dev’essersi accorta che senza un qualche minimo elemento d’ulteriore interesse il romanzo non avrebbe venduto. Perciò, tanto per essere Originale (O maiuscola), ha deciso di rendere il Più Bello della Scuola un vampiro!

Ridi, Ridi ché la Mamma ha fatto gli Gnokki!

Vediamo cosa comporta essere vampiri nell’universo di Twilight:
I vampiri sono tutti bellissimi, per citare la protagonista: “bellezza assurda… sovrannaturale… dio greco… ecc. ecc.” Per citare una sagace commentatrice su iBS.it, Edward, il vampiro amante di Bella, è: trp gnokko.

Relativity di M.C. Escher
Esempio di bellezza assurda: forse anche M.C. Escher era uno gnokko!

Essere dei vampiri gnokki implica l’immortalità. Avere forza, agilità e resistenza molto superiori a quelle umane. Avere i sensi molto più sviluppati e quando si compie la mutazione si ottiene anche un potere bonus: c’è il gnokko che predice il futuro, il gnokko che può influenzare lo stato d’animo altrui e il gnokko Edward è un telepatico.
Una piccola nota su questi poteri bonus: sono stati inseriti senza alcuna logica, solo perché servivano alla trama, tanto che Edward può leggere nella mente di chiunque, umano o gnokko, ma non nella mente di Bella. Un classico esempio di regola creata ad hoc e irrealistica, chiaro sintomo di pigrizia o stupidità da parte della Meyer.

Gli gnokki, nell’universo di Twilight, non devono neanche temere la luce del sole, non temono croci, aglio, acqua santa, non temono niente. In più non sono neppure obbligati a bere sangue umano, possono sopravvivere nutrendosi di animali. Né pare perdano l’anima o diventino malvagi: la sete di sangue può portarli a gesti inconsulti, ma volendo sanno trattenersi.
Perciò la domanda è: perché non divengono tutti gnokki? Qual è la fregatura? La Meyer non lo dice, ma io ho capito quale sia, e tutta da sola (sono furba!) Ho ragionato su questo particolare: Edward è nato nel 1901, è diventato gnokko nel 1918, la storia è ambientata nel 2005, Edward è ancora al Liceo! In altre parole credo che gli gnokki siano ritardati mentali.
Non che Bella sia molto più sveglia. Insomma, se io scoprissi che il mio ragazzo ha cent’anni ed è uno gnokko, una delle prime domande sarebbe:
«Che cazzo ci fai ancora al Liceo?!»
Bella invece china la testa, tutta rossa di vergogna, e mormora fra sé: «km 6 bello!». Bella vive in stato d’imbarazzo perenne vicina a Edward, e la loro conversazione ne risente molto.

Bella è un’eroina d’altri tempi. Come se il femminismo, Sailormoon, Ripley e Buffy non fossero mai esistiti. Bella è fragile sia fisicamente, sia moralmente. Ogni piccolo contrattempo la riempie d’insicurezze e la porta sull’orlo di una crisi di pianto. È svenevole nel senso letterale del termine. Alla vista del sangue sviene. Dopo una corsa a perdifiato sviene. Per un bacio sulle labbra sviene.
È indifesa, e per fortuna che c’è il suo gnokko sempre pronto a proteggerla! Lo gnokko la salva da un incidente stradale e subito dopo da quattro manigoldi che volevano violentarla. La scena della tentata violenza è da manuale: Bella se ne va a zonzo, dopo il tramonto, per il quartiere più malfamato della città. Viene importunata da quattro mascalzoni ma lo gnokko accorre a salvarla! M’immagino la Meyer mentre cancella la riga dove è scritto che Bella indossa una minigonna e poi gongola: «Sì, ottimo! Adesso non è più una scena banale!»

In realtà fra Bella ed Edward non c’è nessuna complicità, nessuna passione. È la storia d’amore più deprimente che abbia mai letto. Per ritornare a Video Girl Ai, sembrano Moemi e Takashi. Lei è innamoratissima e lui è gnokko (qui nel solo senso di “molto bello”), ma non c’è nient’altro.

Video Girl Ai Moemi & Takashi
Video Girl Ai: Momento d’imbarazzo fra Moemi e Takashi. Clicca per ingrandire

Non hanno niente in comune, nessun interesse, nessun progetto, il loro amore è come i confini tracciati con la squadra di certi stati africani: amore per decreto.
Non a caso, l’unica scena che contenga un minimo di sentimento è la cena al ristorante italiano. Il sentimento è la vanità di Bella, stuzzicata dal fatto che la cameriera, molto più carina di lei, la invidi, perché accompagnata da uno gnokko
Quando Bella ed Edward escono assieme non si divertono mai. Non c’è mai neanche un pizzico di allegria o ironia. È solo un generico amore, perché sì e basta.
Fra l’altro non possono neppure andare oltre al semplice bacio, perché, come spiega lui: gli gnokki sono troppo esuberanti come fisico e troppo scalmanati quando si eccitano, Bella non uscirebbe viva da una notte d’amore con uno gnokko.

Un altro punto che rimane oscuro per parecchio è l’attrazione di Edward verso Bella: d’accordo, perché così l’autrice ha voluto, ma qual è la scusa? La scusa è che Bella puzza (visto che succede a trascurare l’igiene personale?) Bella puzza di sangue in maniera particolare, tanto da far imbizzarrire tutti gli gnokki che incontra. E da questo nasce anche il guaio che occupa le ultime 60 pagine circa del romanzo: uno gnokko barbone cattivo decide di mangiarsi Bella!
Queste ultime 60 pagine sono anche più sconclusionate e patetiche del resto. Appare subito ovvio che il thriller e l’azione non sono nelle corde della Meyer. In più, non sapendo come cavare dagli impicci la protagonista, usa il classico Deus Ex Machina: all’ultimo istante Edward arriva a salvare la sua Bella, saltando fuori da un macchina rubata. Gli gnokki buoni uccidono lo gnokko cattivo e tutti vissero felici e contenti, almeno fino al prossimo romanzo.
Non manca neanche l’imprescindibile scena con lo gnokko che accompagna Bella al ballo di fine anno. Oh, che romantici! E poi nel giardino dietro la scuola si promettono di non lasciarsi mai! Che carini!

Liceali pronti per il Prom
Liceali americani pronti per il Prom o Ballo di Fine Anno: Una tradizione demente che spero non attecchisca mai da noi!

Tecnicismi

Dal punto di vista tecnico la Meyer narra in prima persona, immedesimandosi in Bella, al passato. Il romanzo è molto raccontato, più che mostrato, ma qui non se ne può fare una colpa all’autrice: data l’insignificanza degli eventi, è meglio così. Anzi, se proprio tagliava il romanzo in blocco e non lo pubblicava era meglio!
I dialoghi sono atroci. La Meyer riporta parola per parola le minuzie che si scambiano i personaggi, senza rendersi conto di costruire spesso lunghi dialoghi di sole minuzie:

«Perciò ti piace?». Non era intenzionata a desistere.
«Sì», tagliai corto.
«Voglio dire, ti piace davvero?».
«Sì», ripetei, e stavolta arrossii, sperando che i suoi pensieri non registrassero quel dettaglio.
Ne aveva abbastanza dei monosillabi. «Quanto ti piace?».
«Troppo», bisbigliai.

Mi ami, ma quanto mi ami? E non aggiungo altro, altrimenti poi comincio ad agitarmi, mamma si preoccupa e devo prendere le pillole che mi annebbiano la vista.

C’è solo un altro particolare che vorrei far notare: lo stile della Meyer è semi-professionale, ovvero segue, per quel che la limitata sua intelligenza le consente, quelle tre-quattro regolette della narrativa, e basta questo a creare un romanzo leggibile. Rimane uno schifo, ma è uno schifo scorrevole. Cioè la Meyer scrive almeno un romanzo giudicabile. Tanti “scrittori” nostrani paiono dotati di maggior talento, ma poco importa se non si possiede un minimo di tecnica. Se il lettore crepa di noia a pagina 10 le buone idee non emergeranno mai.

Tirando le somme

Tirando le somme: Twilight è immondizia. Non comprerò gli altri romanzi della serie e credo mai più niente scritto dalla Meyer, che spero s’impicchi.

Dimmi Chi Sono i Tuoi Fan e Ti Dirò Chi Sei

Inauguro con questa recensione una nuova rubrica, che potrebbe apparire d’ora in avanti anche in altre occasioni. Avverto subito che tale rubrica è basata sul sarcasmo e sul prendere in giro il prossimo. Lo scopo è più che altro personale: farmi sentire più intelligente delle mie coetanee e in generale del pubblico. Se la cosa vi crea problemi, passate oltre.

Una torta di compleanno
Questa rubrica è autocelebrativa, come fosse il mio compleanno!

Spesso leggo i commenti su iBS.it dopo che ho comprato un romanzo. Mi divertono sempre, specie quelli entusiasti e sgrammaticati. Vediamo un po’ Twilight cosa ci riserva…

pasquale
Sara’ pure un libro per ragazzi, ma per un neo 5oenne come me e’ stato piacevolissimo leggerlo tant’e’ che sono certo che adesso acquistero’ anche gli altri due della trilogia. Voto 4,5
Voto: 5 / 5

No comment.

Antonella
Da quando ho letto twilight la mia vita è cambiata…ho perfino lasciato il mio moroso! Il seguito l’ho letto in un giorno!! Sentivo troppo la mancanza di Ed quando è andato via e le volte in cui Bella sentiva la sua voce mi sollevavano…era come riprender fiato dopo un’immersione…Mentre leggevo sospiravo, il cuore ha rischiato più volte di andare in tachicardia…soprattutto nel tredicesimo capitolo del primo! Quanto sono triste pensando che nella realtà cose del genere non possono esistere…ma non mollo! Sarò per sempre in attesa del mio Edward…
Voto: 5 / 5

Antonella, racconta la verità: è il tuo moroso a esser scappato a gambe levate!

Ely
1 sola parola: STUPENDOOOOOOOOO!!!!!! è 1 dei pochi libri che mi ha fatto sobbalzare ad ogni pagina, attirandomi peggio di una calamita… leggendo “Twilight” credo di aver sviluppato 1 vera e propria passione per i vampiri (vegetariani, s’intende!)… e dire ke prima ne aveva il terrore! Ecco: 1 esempio di come i libri riescono a farti crescere! Senza dubbio, poi, Edward è 1 personaggio fantastico… oserei dire, e credo che in molti siano d’accordo con me su questo punto, che ci vorrebbero in circolazione + ragazzi come lui!!!!!!!
Voto: 5 / 5

Ely, lo so che sarà una notizia dura da mandar giù, ma fatti forza. Guardami negli occhi, segui le mie labbra: i vampiri non esistono!

VANIA
…inconsciamente invidiabile, sorprendentemente appassionante, involontariamente coinvolgente…… praticamente BELLO!!!! [...]
Voto: 5 / 5

Wow?

MARTIN@
…Per tutti coloro che desiderano evadere dalla realtà… e immergersi in un sogno!!sognare fa bene a tutti: per questo consiglio vivamente questo libro a chiunque!!……….Soprattutto a chi è ancora alla ricerca del proprio EDWARD CULLEN!!!!!
Voto: 5 / 5

Sei sicura che i sogni ti facciano bene Martin@? Io avrei qualche dubbio…

fra
Ragazzi, non capisco ki nn legge qst libro e ki dice che è brutto…tt hanno il diritto di dire la propria ma…come si fa a dire che twilight è brutto!!!è assolutamente il libro più bello k io abbia mai letto!!! è magico, fantastico, indescrivibile…in una parola…UNICO!!!All’inizio la copertina mi ha incurosito e l’ho letto come x sfidare le mie amike ke lo giudicavano dalla copertina…e dopo il primo capitolo…non riuscivo + a separarmene!! [...]
Voto: 5 / 5

fra, dovresti seguire i consigli delle tue amike, finché ne hai ancora.

barbara
non sono una ragazzina e mi sono approcciata a questo libro unicamente perchè mi è arrivato in regalo(a Natale ma non mi decidevo a leggerlo) pensavo fosse un libro unicamente per adolescenti…….mi sbagliavo…non c’è età per i veri sentimenti……sono rimasta incantata da edward… lui che si mette sempre al secondo posto dopo la sua Bella…..chi non vorrebbe un uomo così….un amore così, finalmente un libro vero sull’amore che và oltre alla fisicità……sarà che sono un’inguaribile romantica ma io sono rimasta affascinata da questa storia.
Voto: 5 / 5

barbara non sei un’inguaribile romantica. Inguaribile sì, ma non romantica.

*Cle*
Twilight… In Assoluto Il Mio Libro Preferito..! L’Ho LeTTo In PochiSSimo Tempo E Dovevo Continuamente Impormi Di SmeTTere Perchè Non Volevo Che DuraSSE TroPPo Poco…! Appena L’Ho Finito L’Ho RileTTo Di Nuovo!Questo Libro Riesce DaVVero A Incantarti,è ImpoSSibile Non Divorarlo! è DaVVero Fantastico,La Storia Affascinante,I PersonaGGi X NuLLa PiaTTi Al Contrario Di Come Sono Stati Definiti… Ki Non Si Riconosce In BeLLa? E Ki Non VoRReBBe Un Edward TuTTo Suo? Il Libro Non è Un Semplice Armony E Ve Lo Dice Una Ke Non è Una Grande Fan Dei Libri Alla MoCCia&Co… L’Elemento Fanstasy Lo Rende Unico! L’Unica PeCCa? Il Finale Un Pò TroPPo Veloce…! AspeTTo Con Ansia Il Seguito,New Moon! Ve Lo Consiglio ;-)
Voto: 5 / 5

Anch’io ho un consiglio per te *Cle*, questo libro: Le Lettere MAIUSCOLE e le Lettere minuscole: Una Splendida Avventura!

Martina
E’ il più bel libro che abbia mai letto… è favoloso mi ha suscitato delle emozioni fortissime… Io l’ho letto perchè me l’hanno presentato quelli del libernauta… Mi hanno affascinato subito con la trama allora l’ho comprato e nn me sn pentita affatto!!!!!!! [...]
Voto: 5 / 5

Non so chi sia ‘sto “libernauta” ma sono sicura che non dovrebbe girare a piede libero!

Erika
Ok ragazzi, ve lo dice una che di libri se ne intende e come…non per vantarmi, ma non credo che ci sia qualcuno che abbia letto tanti libri quanti ne ho letti io…e devo dire che Twilight è il libro più bello, interessante, coinvolgente, emozionante che si trovi nella mia vasta biblioteca… [...]
Voto: 5 / 5

Ok, Erika, concordo con te che leggere tutti i romanzi di Geronimo Stilton sia stata un’impresa, ma, mi spiace dirtelo, c’è gente che ha letto ancora più libri! Lo so, incredibile!

green day
ho letto il libro in 6 gg sl xke ero impegnata anke con i compiti etc, altrimenti in 2gg l’avevo finito!! x vari motivi: 1.Edward (è impossibile essere cosi gnokki) 2.la storia è bellissima 3.ed è scritta molto bene 4.vi siete accorti ke a tt quelli ke hanno letto “twilight” è piaciuto da matti?? un motivo ci sarà,,, [...]
Voto: 5 / 5

Il motivo ha un nome: John Langdon Down, che nel 1862 descrisse l’omonima patologia.

twilight lover eragon.nihal @ noto-fornitore-di-email-gratuite.com
Twilight. Già sl il nome ispira e x ki nn conosce bene l’ inglese si tratta di ql momento prima ke inizi il giorno, nè notte nè giorno, ma twilight… ho letto qst libro in 1 giorno e 1a notte, ho dormito sl 4 ore! nn potevo nn finirlo e il giorno dp ho telefonato a tt qll ke conoscevo x consigliarglielo! [...]
Voto: 5 / 5

Di questa squilibrata ho lasciato quasi intatto l’indirizzo e-mail. Direi non ci sia miglior commento.

violsa
ho iniziato a leggere qst libro due giorni fa e sn quasi a fine…ogni momenti è buono x leggere dalle lezioni in classe alla sera a letto!! un libro stupendo…ai livelli di 3msc e potrebbe anke superarlo!!!!
Voto: 5 / 5

Come, come, come?! Potrebbe superare Tre Metri Sopra il Cielo ?! No, non è possibile! Perché l’amore tra Step e Babi è trp qlcs!!!!!!!!!!!

EmAnUeLa
weee…salveeeeeeee!!!!!!!!! beh, ke dire su twilight??????? e 1 dei libri + belli ke abbia mai letto… e io d libri ne ho letti tanti… qndi immaginate!!!!!!!! [...]
Voto: 5 / 5

Ci provo, Emanuela, ma davvero non riesco a immaginarmi come tu abbia letto tanti libri. Sarà un limite mio.

greta
UN CAPOLAORO DEL FANTASY DECISAMENTE UNO SPLENDORE PERDERSI FRA LE SUE RIGHE E SOGNARE DI ESSERE TRA LE BRACCIA DI EDWARD A PARTE TUTTO HO LETTO GLI ALTRI COMMENTI ED E’ STATO DETTO DAVVERO DI TUTTO SONO FELICE CHE CI SIANO PERSONE CHE ANKORA SANNO APPREZZARE LA BELLA LETTURA E RIESCONO A PROVARE ANCORA DELLE EMOZIONI COSI’ FORTI COME E’ SUCCESSO A ME HO LA RECENSIIONE DI NEW MOON IN INGLESE E MI SENTO MALE A LEGGERLA PERCHE SO CHE NON E’ TUTTO D’UN FIATO COME LEGGERE IN ITALIANO … COMUNQUE QUEL PO’ CHE HO LETTO PROMETTE BENISSIMO PER CHI LEGGERA’ LA MIA RECENSIONE TENETE D’OKKIO LA MIA MAIL PERCHE PRESTO LEGGERETE DI ME STO SCRIVENDO ANKE IO UN LIBRO MOLTO INTERESSANTE E DEL GENERE SONO UN APPASSIONATA DI VAMPIRI DESCRITTI NELLA NOSTRA GENERAZIONE SALUTI AGLI ESTIMATORI
Voto: 5 / 5

Da leggere tutto d’un fiato. È uno degli esercizi per chi vuole diventare sommozzatore.

Debby
Ho finito stamattina di leggerlo in inglese, purtroppo l’ho scoperto tardi, ma dopodomani avrò già fra le mani New Moon. Mi sono ritrovata a spegnere la tv per quindici giorni, per leggerlo con calma. Ho riletto da capo ogni capitolo tre volte, per non farlo finire troppo presto, e la mattina mi sono svegliata sempre pensando “Ma perchè non ho scritto io una cosa così bella?”. A parte la tensione sentimentale (e anche erotica) tra i protagonisti mi sono ricordata tante emozioni dell’adolescenza, quando ogni ragazzo di cui ti innamori sembra sovrumano, bellissimo, irraggiungibile. Ho letto gli ultimi due capitoli in treno e (senza dare spoilers), mi hanno passato i fazzolettini per asciugare le lacrime. Detto tutto ciò, confesso: ho quasi quaranta anni!
Voto: 5 / 5

Debby per me sei come la stella cometa, a indicarmi la direzione da non seguire.

Eleonora
In libreria era nel settore “libri per adolescenti”???????. Allora o sono matti in libreria, o io mamma di 30 anni ho crisi di identità. Adesso lo custodisco gelosamente per i miei figli, non ho dubbi che alle future generazioni piacerà come a noi. Non scrivo altro, è già stato detto tutto o quasi…
Voto: 5 / 5

Ti posso dire che non sono matti in libreria. Il resto lo lascio alla tua immaginazione!

Ary_Bimba
oddio..ho iniziata a leggere qst libro ieri e l’ho finito pk ore fa..qnd nn leggevo nn potevo fare a meno d pensare al libro..d averlo letto m sn totalmente depressa,non so perkè..ero felice ma anke triste xk anche io vorrei una storia così..nn importa se i vampiri non esistono,non imposta se una ks del genere non capiterà mai..in tt la my vita ho letto un sakko di libri..e qst è assolutamente il + bello k abbia mai letto..100 volte più bello..c’è un seguito? [...]
Voto: 5 / 5

Cara Bimba, se tu avessi seguito le lezioni di aritmetica alle elementari, sapresti che aver letto 2 libri non significa averne letti un sakko. Studia!

JUMA JUMA
SE FOSSE 1 FILM ITALIANO NN AVREI DUBBI:SCAMARCIO NEL RUOLO DI EDWAED E KATY LOUISE SAUNDERS NEL RUOLO DI BELLA!!!!IDENTICI!!!!
Voto: 5 / 5

Se Juma Juma fosse un essere umano non avrei dubbi: lobotomia.

eugenia
unicooo….durante la lettura mi ha tolto il fiato..lo consiglio a tutti. è stata una tempesta di continue emozioni!!! ora ho soltanto un grosso dubbio..non è che esistono i vampiri?!?!brr..però mi piacerebbe 1 kasino fare conoscenza di creature così delicate,armoniose..cosi facili da amare!! [...]
Voto: 5 / 5

eugenia confonde i vampiri con i maialini da latte.

GIAMAICA BRASINI
IL LIBRO MI HA AFFASCINATA!VORREI TANTO SAPERE SE NE FARANNO UN FILM E…QUANDO ESCE NEW MOON?IO E LA MIA AMICA C SIAMO LETTERALMENTE LITIGATE EDWARD…E HO VINTO IO!CMQ GRAZIE X IL BELLISSIMO LIBRO!!! W TWILIGHT!!!!!!!!!!!!!!! P.S.POTETE INVIARMI IL GIORNO IN CUI ESCE NEW MOON?è X 1 AMICA!!!
Voto: 5 / 5

Giamaica, se molli il tasto shift e scrivi l’indirizzo della tua amica, t’invieremo il giorno tutto intero!

ambra
questo libro mi fu dato in una maniera totalmente strana ero a farmi 1 giro quando 1 ragazza mi si avvicinò porgendomi la copia piccola del volume la sera iniziai a leggerlo poi scropi che mi appassionava sempre di piu a tal punto k passavo 5 ore a leggere per poi finirlo solo in 2 giorni e mezzo..che altro posso dire che se esistesse 1 personaggio come edward io pure me ne sarei innamorata perdutamente……
Voto: 5 / 5

Questo commento ha una trama più interessante del romanzo. Cioè Ambra era a spasso per i fatti suoi quando una misteriosa ragazza l’affiancò porgendole una copia in miniatura di Twilight ? Affascinante!

Ma questi erano i giudizi di ragazzine cerebrolese. Chissà cosa ne pensa una scrittrice, il cui romanzo d’esordio è stato recensito su questo blog (lascio al lettore scoprire chi sia):

Bello, bello, bello, capace di trasportare nella dimensione adolescenziale con una pacatezza incredibile. Il tempo torna indietro e si torna nuovamente ragazzi alle prese con i primi terribili approcci, il batticuore, i primi amori. Tutto si tinge di rosa, il brutto diventa bello, l’orrore diventa amore. Ed é questo a parer mio il punto di forza di questo romanzo: una ragazza innamorata di una creatura incredibile, ma a suo modo desiderosa di riscatto seppur mantenendo tratti sintomatici della sua specie.

Non posso che farti i miei più sentiti auguri, cara “scrittrice”: se hai intenzione di scrivere altri romanzi ne avrai bisogno!


Approfondimenti:

bandiera IT Twilight su iBS.it
bandiera EN Il sito ufficiale di Twilight
bandiera EN Il sito ufficiale di Stephenie Meyer
bandiera IT Uno dei (troppi) siti italiani dedicati a Twilight
bandiera IT Un altro dei (troppi) siti italiani dedicati a Twilight

bandiera IT Video Girl Ai su Wikipedia
bandiera EN M.C. Escher su Wikipedia

 

Giudizio:

Edward è uno gnokko!!! +1 -1 Gli gnokki sono ritardati mentali.
-1 La protagonista è un’idiota.
-1 Una storia d’“amore” senza passione o divertimento.
-1 Al di là dell’“amore” c’è solo noia.
-1 Dialoghi degni dell’asilo.
-1 Il finale “thriller” è ridicolo.
-1 La Meyer ha scritto altri libri.

Sei Gamberi Marci: clicca per maggiori informazioni sui voti1

«Chiara, Chiara, quante volte ti ho detto di non metterti al PC a scrivere recensioni senza aver prima preso le tue medicine!» «No, mamma, non le voglio le pillole! No, no, no, no!»

Scritto da GamberolinkLascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

1.485 Commenti a “Recensioni :: Romanzo :: Twilight”

Pagine: « 15 14 13 12 [11] 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 » Mostra tutto

  1. 1085 Sakura87

    La Hamilton volevo leggerla. Se non altro perchè va al sodo, cosa che la Meyer, esasperatamente, tenta di evitare. Ma credo che non lo farò perchè mi sembra una saga irritante già dalla descrizione.

    @Folgo: intanto grazie :D

    Hai detto che la Meyer frulla ingredienti di sicuro successo. Beh è molto difficile fare quel frullato. Ti garantisco che se fosse cosa facile saremmo pieni di libri sul mercato della stessa efficacia nel catalizzare l’attenzione oceanica che ha ottenuto la Meyer.

    Ma, a mio parere, il mercato é pieno di roba simile: Moccia, Vampirella, il bacio del Vampiro, i libri della Troisi, i libri di Paolini (questi ultimi, traparentesi, mi piacciono molto).
    Si sceglie il pubblico, si scelgono gli elementi più apprezzati, si frullano, come ha detto Iku.
    Si sceglie il pubblico femminile giovane amante delle lovestory: prendiamo il figo, prendiamo la protagonista banale -identificazione rulez!-, prendiamo le catchy lines (ovvero tutte quelle frasi stucchevoli di rito), prendiamo qualche tragedia mentale, qualche ostacolo e l’happy end: ecco il libro per ragazze. Non c’è bisogno che ti dica io che, visto il pubblico poco abituato a leggere che abbiamo in Italia, qualunque libro con questi ingredienti venda. La Meyer ha aggiunto un elemento pseudodark: Ottimo! Così viene attratta anche la fetta di pubblico emoposer o darkposer.
    Scegliamo adesso invece il pubblico giovanile unisex amante del fantasy, la maggior parte del quale Tolkien l’ha visto al cinema e che si crede esperto perchè ha letto ben sei libri della Troisi e magari i tre di Paolini.
    Nel caso di un pubblico femminile prendiamo un’eroina cazzuta, bella ma non troppo -ma corteggiata, formosa ma non troppo, mascolina ma in grado di tirar fuori a piacimento un’innata femminilità che impressionerà tutti gli uomini presenti. E forte, ovviamente. Prendiamo le creature fantasy, spesso e volentieri denaturizzate, prendiamo la quest, il nemico finale che viene sconfitto, qualche morte perchè è un fantasy e ci deve stare. Ovviamente prendiamo anche una lovestory banale nata durante l’avventura, aggiungiamo un pizzico di magia e shakeriamo bene tutto. Ecco il fantasy per ragazze. Vogliamo renderlo adatto anche ai maschi? Un po’ d’azione in più, un po’ d’amore in meno, e vestiamo l’eroina con abiti succinti.
    Nel caso di un pubblico prevalentemente maschile, prendiamo un ragazzo banale che diventa un superuomo superando i vari ostacoli, mettiamoci tanti duelli, tante figone, più o meno amore a seconda del target (in caso di target più alto aggiungiamo anche un po’ di sesso o presunto tale). Tanto sangue, morti, il nemico finale sconfitto.
    Ecco il fantasy per ragazzi. Dare maggior importanza alla lovestory lo renderà adatto anche alle ragazze.

    Perchè negare che la quindicenne media vuole i cuoricini e il quindicenne medio le mazzate? I giapponesi l’hanno capito già da tanto, e hanno creato riviste per ragazzi e per ragazze che pubblichino manga per ragazzi e per ragazze.
    Apri la rivista e sai già quello che ci troverai dentro.
    Ciò non inficia sul fatto che ci sono manga capolavori.

  2. 1084 Diarista incostante

    @ folgorata/perfavorefavorino flounders

    Non è rigidità mentale. Semplicemente mi aspetto da un libro che sia fatto bene, e secondariamente mi auguro che mi piaccia. Tutto qui.

    Riguardo alla rece.
    Non so se è questo il luogo, comunque. Non ti posso fare nessuna recensione: non sono mai riuscita ad arrivare in là più di tanto con nessuno dei suoi libri ed è passato diverso tempo. Tutto quello che posso dirti è quanto segue.

    Serie Anita.
    C’è questa Anita che si dà da fare con un vampiro e un licantropo. Man mano che il tempo passa, di libro in libro, diventa irragionevolmente sempre più potente, cazzuta e insopportabile. Anche qui come in twilight il sentimento secondo me fa acqua, cioè molte parole, ma sostanza poca (sorry ikustang88, evidentemente abbiamo un metro differente).
    C’è azione ma non mi ha appassionata, il che potrebbe essere un problema mio.
    Uno dei momenti clue del fetish sta in non so quale volume in cui la prode Anita viene vestita di cinghie di cuoio e stivaloni da drag queen (più un mantello? Non ricordo) e viene spedita in un’arena a fare da incentivo lussurioso per il suo boyfriend mannaro. Altro particolare a metà tra il fastidioso e il ridicolo è il fatto che l’altro amante, il vampiro, chiami Anita ma petite ogni tre parole, per ricordarci che lei è piccola e lui è un fico francese settecentesco o che so io.
    La cosa peggiore della serie è che anche qui, come in altri libri tipo brisingr, i personaggi sono tutti autocelebrativi, e diventano sempre più potenti/forti/fichi solo perchè è (teoricamente) esaltante leggere di Anita che diventa da semplice risvegliante una cazzuta negromante o qualcosa del genere.
    Il primo libro si legge ancora, dopo è tutta discesa verso l’inferno.

    L’altra serie.
    Qui la tendenza a fare del sesso il centro focale del libro, già emersa nella serie di Anita, sfocia in un sex-fantasy in cui la protagonista se la fa a turno (ci sono proprio dei turni) con maschi di varie specie e fattezze (ma tutti molto virili, eh), credo per rimanere incinta.
    Nobile scopo, per carità, senonchè durante uno degli amplessi uno degli amanti diventa una foca. Niente paura: subito dopo esce dalla pelle di foca. Poi ci rientra e ballonzola qui e là per la stanza, e poi piangono/ridono, si coccolano un po’, e finisce a pizza e fichi. Non ricordo bene.

    Nota personale: la Hamilton non ha gusto per i vestiti. Abbiglia la gente in modo ridicolo, o antiquato. E non sto parlando di Jean-Claude che va in giro vestito in marsina e pizzi, parlo proprio delle eroine.

    Sicchè mi sono detta che in fondo io la signora hamilton possiamo vivere vite separate e gliel’ho data su.

    Prima che qualche fan di LKH si scagli contro di me: ribadisco che non ho letto nel vero senso della parola i libri, quindi le mie parole sono tacciabili di superficialità. E’ che io mi annoio alla svelta, tutto qui.

  3. 1083 ikustang88

    …non che per questo io critichi le persone a cui le ciliege piacciono, eh? ^_-

  4. 1082 ikustang88

    @folgorata
    K. Hamilton è una signora (donna? ragazza? Cribbio, ha 45 anni…) che scrive libri fantasy-horror. Attualmente ha all’attivo due serie, con due protagoniste completamente diverse:

    - Anita Blake (ammazzavampiri, risvegliante, sentimentalmente coinvolta con un lupo mannaro e un vampiro, grilletto facile e senza paura)
    - Meredith Gentry (principessa delle fate, investigatrice dell’occulto, sentimentalmente coinvolta con una serie abbastanza lunga di fate maschili)

    In entrambe le serie si spara, c’è pathos, c’è azione, c’è “schifo serio”, i vampiri sono fedeli alla tradizione e le fate NO. Le fate sono cattive, alcune, sono maliziose, sono sadiche… E, cosa ben più interessante, c’è pane. TANTO pane…^_-

    Eh si, metafore culinarie…^_^ fagioli per pranzo? Veramente erano per cena, comprendimi, ho preso in mano la cucina da un mese…è tanto grave mangiare fagioli? Nel Klondike lo fanno…
    (come siamo arrivate a parlare di fagioli? ^_- in ogni caso lo faccio per esigenze di spazio, non hai idea di cosa ti ariva a casa quando sei nella mia situazione…)(…hai letto la seconda mail, no?)

    Sarebbe bello se qualcuno si fosse fatto scrupoli a non pubblicare la Mayur. Ma tant’è…tu non ti saresti divertita, e noi non ci saremmo ritrovati tutti qui a ciacchierare amabilmente…^_^ va bene. Se me lo permetti cercherò di dedicarmi anche io ai frullati, quando avrò più tempo. E mente più libera. Poi ne riparleremo.

    Ecco perchè non mi era venuta in mente l’idea delle ciliege!! …a me le ciliege non piacciono.

  5. 1081 folgorata

    @Sakura87
    Sì, concessa la battutina-ina. Mi fai sempre tanto ridere. Intendo davvero.
    A proposito: ma RICCARDO che si scusa per aver scritto un’aggressione con l’apostrofo… È una presa per il ciro, vero?

    @ Diarista incostante
    Anche noi avremmo voluto mangiarcelo il pane. Non ti dico quando, dopo quattro libri, si scopre che la Meyer risolve la scena madre con un’elisione!
    Sì comunque ho capito, vuoi la sostanza dell’amore… Forse, sai, dopotutto, ad essere ciniche potrebbero essere proprio le lettrici di Twilight.

    Sull’amore che è dare: pensi che Bella ed Edward non si donino a vicenda, non superino ostacoli non si proteggano.
    Questo non lo condivido. Il tutto è descritto senza grande arte ma queste dare amoroso c’è.

    Mi dici che non hai la corazza dura come ci aspetterebbe da un crostaceo par tuo. Ho detto “dura corazza”, non la faraonica “dura cervice” del pentateuco! Non alludevo pertanto ad una durezza di cuore quanto ad una certa rigidità mentale (non che sia meglio; d’altra parte io ammettevo di essere rincoglionita).

    Chi è questa K.Hamilton? Scus. Me la recensisci per favorino?

    @Ikustang

    Dici che leggere Meyer è come mangiare al McDonald. Mm. Io direi che è come mangiare ciliege.

    Fagioli per pranzo? Dieta a zona, dieta Montignac, sei toscana, sei messicana…?

    Oggi, eri in vena di metafore culinarie. Hai detto che la Meyer frulla ingredienti di sicuro successo. Beh è molto difficile fare quel frullato. Ti garantisco che se fosse cosa facile saremmo pieni di libri sul mercato della stessa efficacia nel catalizzare l’attenzione oceanica che ha ottenuto la Meyer. Non penserai che l’editoria potrebbe pubblicare romanzi di sicuro successo ma che non lo fa per scrupolo. Vero?

    @Riccardo
    A me piace molto Twilight ma ti faccio notare che senza la provocazione di Gamberetta non sarebbe nata questa discussione che è tra le più generose e criticamente stimolati che ci siano in rete.
    Senti ma tu sei veramente un maschio-o? E ti è piaciuto Twilight e sequel? Mettilo sul biglietto da visita, aggiungendo che puoi garantire primi baci non deludenti. Sto dicendo sul serio. È meraviglioso che tu esista (se risali ai post dell’ultima settimana forse il messaggio ti sembrerà meno criptico).

  6. 1080 ikustang88

    Ciao Scatcat!!

    …volevo dire, c’è di megli al mondo, che scrivere c’è di megli quando invece si intende c’è di meglio…^_^

  7. 1079 ikustang88

    Riccardo, you’re welcome!!
    ^_^ non preoccuparti. Diciamo che…certo, avremmo anche potuto dire semplicemente così, ma ci siamo anche soffermati, tutti quanti sull’esempio che da un libro del genere. Sei stato sul sito suggerito dall’Ispettore Vicesindaco Antani?

    Ecco, sono rimasta allibita. Se la nostra cara Muyer doveva scrivere il suo libro perchè tutte queste cose accadessero, beh, era meglio lasciar stare, e che si desse al building-climbing sotto le finestre di Gamberetta. Si, Riccardo, noi possiamo dire “c’è di megli al mondo” e prendere in mano un buon libro con la consapevolezza di chi sa di cosa sta parlando…però ci sono sempre, in giro per il mondo, Twilighter che, ti rimando al mio precedente intervento,

    prendono Twilight per oro colato elevandolo all’altezza dei cieli ed eleggendolo come miglior libro del mondo e unico degno di essere chiamato libro

    e questo mi sembra se permetti allarmante. Soprattutto perchè, pensando all’infinito piacere che è la lettura e alle potenzialità che nasconde (…folgorata parlava di adolescenti sui libri. Parole sante!!) mi risulta molto fastidioso, MOLTO, pensare a quelle ragazzine che esauriscono la loro spinta letteraria su Twilight. E non parlo solo di lettura, ma anche di scrittura.

    E ora spero tanto che Gamberetta faccia qualcosa per questa pagina che ci mette tre ore a caricarsi, così possiamo passare da “recensione di Twilight” a “riflessioni sul fenomeno Twilighters”. Che dite?

    Ah, finalmente ho un blog. A tutti coloro con i quali ho amabilmente chiacchierato finora… ^_^ ho un blog!!

    E a Sakura87…ho finito i modi assurdi con cui scrivere Mayar!!

  8. 1078 Scatcat

    Quanti post :)!

    @Riccardo: i problemi di una ragazza che sogna di innamorarsi di Edward Cullen sono quelli del mio post più in alto. Sui problemi di chi sbava dietro a Costantino invece non ti saprei dire :)!

  9. 1077 Riccardo

    Ps: Mi scuso anche per lo svarione grammaticale: Un’aggressione, con l’apostrofo, il post l’ho scritto in fretta, madornale errore di distrazione. :-)

  10. 1076 Riccardo

    Ikustang88: Mi dispiace se il mio commento è sembrato arrogante. Capisco che dopo le parole grosse che sono volate a destra e a manca si cerchi di riportare la discussione ad un livello ragionevolmente pacato. Quindi grazie, non credo che avrò bisogno di un disegnino. :-D
    Ad ogni modo, non credi anche tu che se Gamberetta si fosse limitata a dire che a lei Twilight non è piaciuto (ci sta) e che si trovano moltissimi libri di qualità superiore, sarebbe stato tutto più semplice? La violenza che è stata impiegata sia da lei, sia dai fan della Meyer per sostenere le proprie opinioni è ingiustificabile. Tu mi sembri una persona saggia ed equilibrata, dimmi se sbaglio. La letteratura è, a mio avviso, uno svago, che allo stesso tempo ci arricchisce interiormente. Non stiamo parlando di calcio, o della scadente politica italiana, perchè dobbiamo applicare anche alle discussioni sui libri la stessa rabbiosa cattiveria nell’espressione delle proprie opinioni? Il fatto che la Meyer scriva o meno non mi cambia la vita, purchè le sue opere non siano l’unica offerta editoriale esistente. Allora ne sarei alquanto disturbato. :-)
    Viviamo nella società del reality, dove conta solo l’esteriorità, che male c’è se una ragazzina di tredici anni sogna di innamorarsi di Edward Cullen invece di sbavare dietro a Costantino?
    Insomma, questo clima da guerra santa che aleggia nel blog, non lo capisco. Confrontiamoci serenamente, di gente che dovrebbe impiccarsi ce n’è un bel po’, ma non è certo una scrittrice.
    In ogni caso mi scuso con te per la prima riga del mio commento, sono partito a razzo e ho sbagliato nel modo di pormi.
    Io credo che Twilight sia un modo gradevole di ingannare il tempo, e sono d’accordissimo con te nel sostenere che di sicuro non è un capolavoro. Mi scuso di nuovo, la mia non voleva essere un aggressione. Pensavo solo che si volesse far finta di nulla su certe frasi di Gamberetta che, è innegabile, non stanno né in cielo nè in terra. La critica negativa è sempre giusta, ma deve essere accompagnata da una certa educazione e da molto rispetto. Non ricordo chi l’abbia detto, ma così finiamo con l’assomogliare a quegli pseudo-critici di Buona Domenica che si accapigliano sul Grande Fratello. Questa sì che è espressione di NON-cultura.

  11. 1075 nella

    ammetto io per prima che la mayer fa un uso improprio della figura del vampiro che generalmente ha davvero poco delle caratteristiche che gli attribuisce la scrittrice.
    io twilight l’ho letto, fondamentalmente mi è piaciuto.
    la storia benchè semplice è abbastanza coinvolgente.
    il linguaggio, anche se non è paragonabile a quello di scrittori + elevati, è scorrevole.
    è vero, non ha aggiunto niente di innovativo e fantasioso, ma se non ha altro ha saputo sfruttare in modo diverso e insolito le figure dei vampiri e dei licantropi.
    in conclusione la mayer non ha inventato nulla di nuovo e sicuramente ci sono scrittori molto più validi di lei, ma non credo che il libro sia da buttar via a priori.
    e inoltre ribadisco che a mio parere le opinioni altrui andrebbero rispettate anche se diverse dalle nostre perchè nessuno puù dire ad un’altra persona cosa è bene o no leggere.
    ognuno ha i suoi gusti e credo che essi siano alquanto soggettivi, vale per i libri e ale anche per la vita in generale.

  12. 1074 ikustang88

    ribadisco che un conto è esprimere la propria opinione e un conto è lasciar trasparire che la mayer è una pseudo scrittrice banale e tutte le persone che trovano la saga di twilight interessante siano solo delle prsone dalle limitate capacità e celebrolese.

    tutto qui.

    …e anche questo è vero. Non è carino dire ad una persona che può impiccarsi, soprattutto se non ha fatto cose poi così gravi (…e cosa mi dite della violenza delle Twilighter?) . Però devi ammettere che “pseudo scrittrice” se lo merita…non giustifico ogni singola parola di Gamberetta, ma condivido alcune sue critiche, e ribadisco il mio parere, ancora e all’infinito: i frullati li so fare anche io. L’unico merito che posso dare alla Miyer è di essere furba. E tutte le persone che prendono Twilight per oro colato elevandolo all’altezza dei cieli ed eleggendolo come miglior libro del mondo e unico degno di essere chiamato libro sinceramente mi sembrano persone di limitate conoscenze e senso critico. Punto. Non ho niente contro chi l’ha letto, gli è piaciuto e riconosce che non è il massimo capolavoro della letteratura internazionale. Quindi non ho niente contro di te. Solo, la tua affermazione

    persone che, differentemente da te, hanno almeno un briciolo di fantasia e di bravura nel mettere + parole in fila dando loro un senso compiuto

    dava l’impressione che anche tu fossi tra le Twilighter per le quali i libri stanno diventando un ossessione. E’ importante, a mio parere, mantenere un certo senso critico. Quindi non condividerei, nel caso tu lo sostenessi, l’idea che la Meyar sia “fantasiosa e brava a scrivere”.

  13. 1073 nella

    bè,visto che non sono una che lancia il sasso e poi sparisce,ecco che rispondo.
    io non ho sparato a zero su nessuno ma trovo che le cose si possono dire in tanti modi e dubito che quelli utilizzati da gamberetta siano per così dire civili!
    a prescindere da ciò è vero. il modo di scrivere della mayer non è il massimo, e si può trovare decisamente di molto meglio, ma dal dire ciò al dire che si dovrebbe impiccare… ne passa di acqua sotto ai ponti.
    tanto per rispondere a ikustang88…decisamente ho molto di meglio da fare, e non trovo che la critica mossa da gamberetta sia in alcun modo oggettivo.
    ribadisco che un conto è esprimere la propria opinione e un conto è lasciar trasparire che la mayer è una pseudo scrittrice banale e tutte le persone che trovano la saga di twilight interessante siano solo delle prsone dalle limitate capacità e celebrolese.
    tutto qui.

  14. 1072 ikustang88

    “qui stiamo, almeno adesso, cercando di discutere civilmente”

    …e l’ho detto apertamente, la prossima volta ti faccio un disegnino…almeno, ci provo.
    Ah, avevo scritto crecando…mi correggo.
    Comunque si, l’ho letta la recensione. In ogni caso…io non le ho dato addosso. Ho ribadito un concetto su cui discutiamo da un pezzo…
    Il modo in cui scrive la Meyir non è il massimo. Punto.

  15. 1071 Riccardo

    Ikustang 88: Discussione civile???? L’hai letta la recensione???? Io non sono un fan di Twilight ma Gamberetta si augura che la Meyer SI IMPICCHI. Ora, come da una recensione dove si fanno battute del genere nasca una discussione civile io non lo so proprio. Il tono usato da Nella non si discosta molto da quello usato da Gamberetta nel suo articolo. In fondo, si raccoglie quello che si semina. :-)
    Sakura 87: Ho letto buona parte dei commenti ed i sassi non sono mancati né da una parte né dall’altra. Mi dispiace ragazzi ma è stata Gamberetta ad esasperare i toni per prima. Dare addosso a Nella non cambierà la cosa.

  16. 1070 ikustang88

    ^_^ ovvero?

  17. 1069 Diarista incostante

    @ikustang88

    Oddio la Hamilton… Lì ben che mi ci è voluta la strategia bignami per andare avanti.

  18. 1068 ikustang88

    Whaa Whaa Whaa…

    @folgorata, scusami, forse sono andata un po’ oltre…mi sono sbrodolata addosso, come direbbe la mia amata prof di latino. Il mio gnaaah era un commento al mio stesso post, che effettivamente andava oltre la critica oggettiva e si riduceva ad un “il mio istinto mi dice che Twilight non è un granchè come libro…”, che non è un granchè come commento, oggettivamente. Mi scuso. Mi sono fatta prendere la mano, e ho pubblicato il commento senza pensarci troppo su.

    Per tagliare la testa al toro pubblico il mio indirizzo, così puoi mandarmi il tuo, se ti va bene.

    ikustang88@hotmail.it

    @Scatcat, come sempre la tua argomentazione è impeccabile e concordo in pieno.

    @folgorata, ancora. Mamma? Spiegati meglio…^_^
    In ogni caso effettivamente hai ragione sulla letteratura popolare. Alla fine siamo d’accordo anche su questo. Ci sono cose che vengono fatte anche se non sono…perfette. Pe eaempio, anche io mangio al McDonald, qualche volta. Ma ho appena scoperto un McDonald biologico a due passi da casa mia…

    @Sakura87
    …povera Maiyer…^_^

    @Nella
    …innanzitutto vorrei sapere a chi cavolo ti stai riferendo…
    …e poi…qui stiamo, almeno adesso, crecando di discutere civilmente, nessuno spara a zero, tranne te. Noi abbiamo tutti di meglio da fare (tranne me che ho appena bruciato i fagioli del pranzo) e tu? Non ho letto ogni singolo post su questa discussione, ma mi pare che la maggior parte delle critiche siano costruttive (…eh, se solo la Miyer si degnasse di venire a trovarci…) e soprattutto basate su parametri oggettivi. Non trovi? Evidentemente no…

    Per quanto riguarda la fantasia e la bravura…qui non si tratta di bravura o fantasia. Se tu mi elencassi cinque cibi per cui vai pazza, io potrei prenderli, metterli in un frullatore e poi darteli da mangiare. Questo è esattamente quello che ha fatto la Meyar. Pornografia, come si diceva. Sono capace anche io di prendere questi elementi, amore, vampiri, bellezza, pericolo, e mescolarli insieme perchè il pubblico ne vada pazzo. Anzi, ti dirò di più. Laurell K. Hamilton ha fatto la stessa cosa, ma il risultato è senza ombra di dubbio più gradevole.

    E ricordo a tutti, presenti e non, che siamo su un blog, non in un sms.

  19. 1067 Sakura87

    Ah, se mai nella ripasserà di qui (molte di quelle che lanciano sassi simili poi scompaiono), mi piacerebbe che spiegasse in cosa Gamberetta ha grammaticalmente sbagliato.
    Detto da una che scrive x xke +, sono molto curiosa.

  20. 1066 Sakura87

    E’ squisito come, dopo mille commenti e passa di discussioni più o meno articolate, continuino ad arrivare ancora interventi come quelli di nella.

    [Ed è squisito come io e altre continuiamo a risponder loro]

  21. 1065 nella

    a prescindere dal fatto che hai sbagliato grammaticalmente metà delle parole che hai scritto, credo che tu sia una delle tante che, non avendo di meglio da fare, si mette a sparare a zero su persone che, differentemente da te,hanno almeno un briciolo di fantasia e di bravura nel mettere + parole in fila dando loro un senso compiuto.
    a parte questo c’è da evidenziare il fatto che, anke se non ti piacciono i libri della meyer, dovresti evitare commenti del tipo “impiccatevi” ecc xke fondamentalmente non sei decisamente nessuno x poterti permettere certe cose.
    per finire ti dico che io ho letto twilight e non lo trovo poi così osceno. e prima che tu possa dire che sono una delle tante che non sa leggere niente di meglio sappi che probabilmente ho letto molti libri di cui tu non conosci neanche l’esistenza.
    quindi impara a fare critiche costruttive e fondate prima di parlare solo x dare fiato alla tua boccuccia di rosa.
    ah…una che si firma gamberetta dovrebbe solo tacere!

  22. 1064 Diarista incostante

    @folgorata

    1) Non era una domanda retorica. Leggendo il libro mi sono davvero chiesta che cavolo li tenesse assieme. E’ scritto così male che non riuscivo (nè riuscirei adesso rileggendolo) a cogliere il nocciolo dell’attrazione. Prendo atto che non possono fare a meno l’un dell’altra perchè hanno un buon odorino e la pelle liscia liscia. Ma mi pare davvero esplicato male, oltre che un motivo esile in sè.
    Come dire: mi sazio col profumo del pane appena sfornato. La Meyer forse, io no. Io il pane me lo voglio mangiare. E non è una metafora sessuale, parlo della sostanza del sentimento.

    2) Insisto. L’amore anche se non fa poesia dirlo è azione, pisciate in faccia o meno (ma che schifo, chi era ‘sto tizio? No, aspetta, non lo voglio sapere).
    Amore è dare, e per dare devi fare, oltre che pensare. Amore è avere cura di qualcuno, è sacrificio, è crescere, è un sacco di cose che possiamo fare a meno di elencare o tiriamo sera.
    Non è invece “miamimaquantomiami, mipensimaquantomipensi, mistaipensando?iotantotanto”. Quelle sono le cottarelle adolescenziali. O Twilight, a scelta.

    Comunque sia, non è una questione di dura corazza. Io se il libro fosse stato scritto come si deve mi sarei sciolta come la neve al sole. La lettera d’amore della Shine è uno dei miei libri preferiti, Orgoglio e pregiudizio anche, ho visto Notthing Hill almeno venti volte. Sono una romanticona! Di quelle che sorridono gigione quando leggono un libro o vedono un film in cui due innamorati vivono una storia d’amore.
    Ma dev’essere una cazzo di storia d’amore coi controcoglioni, e scusa il francesismo. Non una baggianata totale descritta coi piedi e tenuta su da un po’ di sputo e tanto nastro adesivo.

    Ripeto, andava scritto meglio, o non scritto. La Meyer ha fatto meno del minimo sindacale quando ha messo assieme Twilight, e questo per me è intollerabile. Ma direi che s’era già capito.

    Ad ogni modo, prendo atto che anche se sei sana di mente ti piace tanto Twilight. Ci sono più cose in cielo e in terra e bla bla bla. Che in effetti è vero.
    Buone letture (non è ironico, lo specifico perchè non si sa mai).

  23. 1063 Sakura87

    @folgorata: :D come hanno già fatto notare, non mi permetterei mai di puntualizzare errori di distrazione e di battitura. Perciò don’t worry.

    Posso fare una battutina in tal senso? Ina Ina Ina?
    In questi mille commenti ho visto storpiare nome e cognome della Meyer in duemila modi diversi xD

  24. 1062 Dark

    ah ti prego di scusarmi folgorata, avevo frainteso le tue parole, in effetti non ho ancora letto Breaking Dawn, e mi è sembrato che stessi criticando il mio modo di scrivere…
    comunque ripeto: sto cercando di essere obbiettiva, non di lodare o “sbrodare” un libro e la mia “aggressività” è dovuta al fatto che mi è sembrato appunto che la gente qua sia stata aggressiva, tutto qui… ;)

  25. 1061 folgorata

    Vabbeh, ho digitato furiosamente e ho sparato. Il post precendente è, a proposito di quanto si diceva poco sopra, pieno di svarioni. Chiedo Venia.
    Sakura please.

  26. 1060 folgorata

    @ diarista incostante

    Alleluia, alleluia, qualcuno si è preso la briga di rispondermi nel merito e punto per punto.
    Diarista incostante mi ha dato atto di molti dei miei argomenti passati e pur tuttavia insiste su alcuni punti:
    La saga di Meyer è scritta in modo piatto e la trama è insulsa e irritante.

    Bisogna chiarirsi su un punto, io ho tentato di spiegare i fattori per cui il libro ipnotizza, incatena, tanta genta ma soprattutto perché ha stregato me. E sul punto, più che giustificare o magnificare il libro sono disposta a mettere sul piatto i miei fattori psicologici. Abbiamo parlato di onanismo immaginativo, di autodistruttismo, di legami misteriosi onrico letterari tra Eros e Thanatos. Tutto questo non intende difendere il libro, intende spiegarne le dinamiche.
    Un libro a mio avviso non può mai essere difeso. Perche deve risultare appagante all’unico insidancabile giudizio di chi lo legge.
    È questo il dato sui non potremo mai trovare una composizione anche tra persone civili. Il disgusto o il piacere ricevuto nel leggere Twilight rappresenta un punto di non ritorno per le opinioni di entrambi gli schieramenti. Ciò che allora forse è in ballo è il giudizio sul modo di essere del lettore.
    E’ stupido o minus abens chi ama Twilight?
    E’ arido o schematico chi lo detesta?
    Nescio sed fieri sentio et excrucior. Forse insomma un po’ sì, entrambe le cose. Io sono disposta ad essere una mezza rincoglionita a patto che i crostacei ammettano di avere dura corazza.

    ANCORA @ DIARISTA INCOSTANTE
    Tu chiedi: perchè Edward e Bella non possono fare a meno l’uno dell’altro? Immagino che la tua fosse una domanda retorica. Comunque.
    Edward e Bella hanno un’attrazione di pelle, hanno bisgno fisico l’uno dell’altro. Per motivi proprio come dire di odore, sapore, temperatura, aspetto e così via…

    @Scatscat
    Scatscat è come sempre efficacemente aggressiva. Bene non mi piace copiare e ripresentare pezzi di messaggi altrui. Mi sembra nel rispondere faccenda di poche lettere. Così riassumo. Nel caso tuo caso (i libri per ragazzi non parlano solo d’amore come fanno quelli per ragazze ed è per questo motivo che le ragazze non ci si trovano quando si baciano), oltre a riassumere ho tradotto saltando molti passaggi, ma, assolutamente senza alcuna scorrettezza manipolativa perché dal contesto era chiaro il mio intervento di riformulazione.

    Cara scatscat, hai assolutamente ragione Twilight fa male alla vita.
    Sostieni che la mia teoria che rifletta alcune eccitanti dinamiche sessuali è destituita di fondamento perché nella vita i ragazzi che accampano scuse se la danno a gambe
    Che Bella è un modello femminile in cui è obrobrioso/diseducativo riconoscersi.
    Etc..
    Allora sono d’accordo su tutto. In particolare sono d’accordissimo che non solo non si può trovare in Twilight un qualche suggerimento per vivere meglio ma anzi, si trovano suggerimenti per vivere malissimo anzi per morire. Che cos’è dopotutto, questo scherzare col fuoco che alla fine ti brucia? E come se Bella facesse il filo a un malato di Aids, ci facesse un figlio e vivesse felice, contenta e sieropositiva. Brutale ma è così.

    Ad Iku dico: Mamma
    Mi sono chiesta se per caso sono condizionata dal valore che ha per il mio lavoro la commerciabilità di un libro. Ma mi sono risposta di no. Il Codice da Vinci mi fa, non mi piace anche se ha ventuto moltissimo. Duqnue rimane il fatto che Twilight mi ha fatto vivere un appagante SOGNO COLLETTIVO. Beh cosa mi impedisce di giudicare l’operazione una riuscito esempio di letteratura popolare. Hai presente “Scandalo al sole” vecchio film pruriginoso sullo stile di Twilight. Beh era riuscito, secondo me. “Laguna blu” mi faceva, non mi piaceva affatto.

    @ DIARISTA INCOSTANTE
    Dal tono generale stiamo andando sullo pscicologico:
    L’amore è azione non meditazione me lo diceva la mia simpatica psicologa a 25 anni quando mi disperavo per certo Alessandro che si faceva fare la pipì in faccia da una collega di studi e poi me lo aveva anche detto!

    @ ScatScat
    Sul perché le girs rimangano sempre un po’ deluse dal primo bacio in genere, credo che gli psicologi tirino in ballo la mancanza del principio di realtà . Una sostanziale immaturità per cui le ragazze invece di rapportarsi con ragazzi veri della loro realtà, coltivano paradigmi irreali e irraggiungibili.

    @Dark
    che ne so io quanti anni hai. Era una battuta sui neonati vampiri che sono particolarmente assetati di sangue. Non hai letto Breaking Down? Volevo dire, simpaticamente, ma vedo con esiti disastrosi, che sembravi un tantino aggressiva.
    La neonatalità si riferiva non alla tua età anagrafica che, ripeto, non conosco, ma all’acuto argomento di Monichina secondo cui gli interventi veementi delle twilighters si giustificano coll’aver appena finito di leggere la recensione di Gameberetta e poi invece nei posto successivi questa irruenza rientra. Tutto qui. Era una neonatalitò riferita al tuo ingresso nel forum.

  27. 1059 Dark

    per cominciare avrei qualcosa da chiedere a folgorata: what’s the matter with you? in altri termini: qual è il tuo problema? se ho capito bene dalla pseudo-lettura dei tuoi commenti, sei molto più grande di alcuni di noi… ma questo non ti da il diritto di darmi della neonata, UNO perchè non conosci la mia età, DUE perchè non mi conosci per niente e TRE perrchè in questo caso potrei darti della VECCHIA (e altre cose, ma per educazione mi limitero’ a dire vecchia e basta)… ah e un’altra cosa: giustifica il tuo “commento” invece di parlare tramite metafore ironiche!

    @ sakura
    “No, intendevo dire che non costituiscono un bel metro di giudizio per quanto riguarda la valutazione di Twilight.
    Per farmi capire, la Divina Commedia è molto apprezzata dagli studiosi, e di certo non dalle migliaia di studenti che sono costretti a studiarla. Ma ciò non toglie che sia un capolavoro.
    Twilight piace a tantissime ragazzine di quindici anni.
    Eppure questo non rende Twilght migliore della Divina Commedia.”

    Concordo, e infatti non ho mai detto ne pensato che Twilight fosse meglio della Divina Commedia, che sia ben chiaro.. non c’è modo di paragonare le due “opere”.

    “Questo senz’altro (infatti un po’ ovunque ci si sta lamentando del fatto che tra chi giudica Twilight un capolavoro ci sono ragazzine che hanno letto ben poco).”

    Sinceramente (e come l’ho detto nel mio commento di ieri sera) parlando obiettivamente non ho mai detto che Twilight fosse un capolavoro, ma mi piace lo stesso, e penso che sia un libro piacevole e accattivante sopratutto per chi ha una grande immaginazione come me.
    In questo modo ti permette di evaderti e di “vivere” in un altro mondo per qualche ora, il tempo della lettura. D’altronde lo sto leggendo in inglese ed è molto più interessante cosi. Comunque non cambiero’ idea sulla recensione di gamberetta perchè secondo me ha superato i limiti della buona educazione. E preferisco precisare che è un MIO parere, onde evitare altri malintesi.

  28. 1058 Scatcat

    @ikustang: già letto “Ancora dalla parte della bambine”, grazie :).

    @folgorata: devo pregarti di non attribuirmi sentimenti tuoi di trent’anni fa, tipo odio per gli uomini. O le donne. O i chihuahua (no, lo ammetto: i chihuahua mi fanno senso).

    Il problema principale di Twilight, e del personaggio di Bella in particolare, è che pone come modello alle adolescenti un comportamento che le farà inevitabilmente soffrire.

    1) Confusione tra sesso e amore: come ha fatto notare folgorata, quello di Bella ed Edward non è amore, ma attrazione sessuale. Però viene spacciata per amore, in piena linea con pregiudizi stile “l’amore è passione, l’amore scocca a prima vista, l’amore fa svenire e il cuore fa bum bum”.

    2) Il sesso in Twilight è pessimo. Passa anche qui l’idea “tutto e subito”, si baciano e Bella ha un orgasmo, fanno sesso la prima volta ed è tutto perfetto. In realtà, come abbiamo sperimentato tutti, il primo bacio è un caos salivoso, si sbatte il naso, i capeli si incastrano negli occhiali ecc., e quando si inizia a fare sesso si è naturalmente imbranati e si migliora con la pratica. E qui parte il trip “Non è stato bellissimissimo come doveva! Sarò normale?”

    3) L’amore fa soffrire! Se Edward non c’è, Bella soffre e tenta il suicidio. Se c’è, è felice ma al contempo si flagella per la propria inadeguatezza. Non ride mai.

    4) L’amore fa soffrire 2: se il moroso ti rimepie di lividi mentre fate sesso e ti scardina le articolazioni tu sei solo felice di quanto lui ti ami.

    5) La perfezione: l’uomo ideale non deve apparire perfetto ai nostri occhi innamorati, deve esserlo effettivamente. Tutti quelli che non lo sono (genitori, compagni di scuola, chihuahua) sono disprezzabili a priori e non contano nulla, da cui il legittimo stupore di Bella: sapendo benissimo di essere insulsa, si aspetta di essere trattata come lei tratta gli altri (come un mocho vileda).

    6) Il comportamento dell’uomo ideale: l’uomo ideale ha degli alti motivi che lo spingono a non iniziare una storia/non fare sesso/ecc. Ora, nella vita reale degli anni 2000 uno che accampa scuse per non stare con te è uno che non ne vuole mezza. Cfr “Cara, io amo te, con mia moglie non c’è più niente ma è malata/abbiamo dei figli/non abbiamo figli e resterebbe sola/non sono alla tua altezza”, e via pianti e lacrime. Conosco una tizia che va avanti così da 12 anni, per dire. Perchè lui è l’uomo della sua vita.

    7) L’incapacità: Bella è un’incapace. Non sa fare nulla di significativo, ma la cosa tragica è che non in grado di imparare a fare nulla. Tutto in lei è capacità innata o acquisita durante l’infanzia: il personaggio è bloccato. Ricorda quelle bambine che alle elementari si rifiutano di fare la divisione perchè “non lo so fare”. E’ statica: tutto il mondo di Twilight lo è. Vuole diventare una vampira appunto per non cambiare mai.

    Naturalmente questi sono problemi che esulano dall’aspetto letterario del libro, ma contribuiscono a farne una storia noiosa e irreale.

  29. 1057 Sakura87

    @Dark:

    Cioè…mi stai dicendo che queste ragazzine di 15 anni non costituiscono un “bel metro di giudizio” perchè non hanno molta esperienza in quanto riguarda la lettura (sono disposta a concordare con questa idea), ma poi mi dici che non serve saper scrivere per spiegare perchè un libro è brutto..

    No, intendevo dire che non costituiscono un bel metro di giudizio per quanto riguarda la valutazione di Twilight.
    Per farmi capire, la Divina Commedia è molto apprezzata dagli studiosi, e di certo non dalle migliaia di studenti che sono costretti a studiarla. Ma ciò non toglie che sia un capolavoro.
    Twilight piace a tantissime ragazzine di quindici anni.
    Eppure questo non rende Twilght migliore della Divina Commedia.

    Per riprendere il tuo esempio sulla pasta: se non hai mai mangiato pasta in vita tua e che la prima volta che qualcuno ti fa mangiare la pasta viene scotta, forse non te ne renderai nemmeno conto visto che non ne conosci il gusto…

    Questo senz’altro (infatti un po’ ovunque ci si sta lamentando del fatto che tra chi giudica Twilight un capolavoro ci sono ragazzine che hanno letto ben poco). Ma io parlavo di cucinarla, la pasta, non di saperne riconoscere il sapore: perchè devo sapere scrivere per giudicare negativamente un libro? Semmai devo sapere leggere.

    E poi mi dici che se gamberetta non è capace di scrivere non è affare mio, ma praticamente leggendo ogni critica ti tutte le persone che sono daccordo con gamberetta mi sono resa conto di una cosa: volete avere il monopolio su questo sito, perchè NOI non possiamo esprimere il nostro pensiero senza farci insultare, voi invece siete i migliori…

    Mah, questo non l’ha detto nessuno. Ognuno è libero di scrivere dove vuole e quello che vuole.
    Se avessi voluto essere infantile, avrei risposto ‘Questo è un sito che critica Twilight, quindi non rompete le scatole, come non volete rotte le scatole da chi non apprezza il libro in un forum in cui se ne decantano le lodi’.
    Casualmente, sono sempre stata contraria a una simile visione. Ciò non toglie che io reputi inutile andare in un forum di fan della Meyer e dire ‘Sapete, a me non piace’.

    Ops, leggo solo ora che Purple riguardo al secondo punto ti ha già risposto. Grazie a lei xD la riquoto ovviamente.

    Ps. Ieri mi sono messa d’impegno nonostante lo studio, e sono riuscita a produrre un commento decente a Eclipse. Proprio non mi usciva, ma meritava una recensione, viste le assurdità della seconda metà del libro.

  30. 1056 Diarista incostante

    @ folgorata
    Ho letto quasi tutti i tuoi post (essendo interventi lunghi faccio un po’ fatica a starti dietro, sono al lavoro) e incredibile ma vero ti rispondo, violando il tacito accordo con me stessa che recitava “ho chiuso con twilight e ammiratrici medesime, basta, ho una vita da spendere meglio”.

    Non sono d’accordo con te, l’avrai già capito.

    Twilight parla di sesso? Mah, diciamo che parli di sesso. Ne parla male, perchè a me non ha trasmesso un singolo brivido eccitatorio.

    E’ un fantasy? Non credo, di certo è un libro brutto. Tu pensi che qui lo denigriamo perchè lo consideriamo un fantasy, cosa che secondo te non è. Io non lo classifico nemmeno, invece. Non è un problema di “i vampiri sono un’altra cosa” o “questo fantasy non è abbastanza fantasy”. Io dico che questo libro doveva centrare un bersaglio (pubblico che ama il rosa) e che lo fa in modo sgraziato e grossolano.

    E’ scritto male, è sviluppato male, è noioso (la tua “Buona lana” ha ragione: poca azione, tanta noia. L’amore è azione non meditazione).
    Si rivolge alle donne che amano i rosa, di qualsiasi età. Ebbene, io non disdegno il rosa intelligente (conosco e apprezzo la Heyer da quando avevo… toh proprio 15 anni! Adesso sono in dirittura d’arrivo per i 36). Eppure twilight mi ha fatto venire un nervoso inenarrabile.
    La Meyer doveva fare meglio.

    Ha preso il vecchio clichè della bella e la bestia e l’ha stiracchiato qui e là per adattarlo al ventunesimo secolo, senza efficacia, senza originalità, senza spessore. La stessa favola della bella e la bestia è più avvincente ed emozionante.

    Ma insomma: perchè si amano ‘sti due allocchi? Cosa pensano l’uno dell’altra? Cosa sentono? Perchè non riescono a starsi lontani? Dove diamine è lo strazio? Leggo che i personaggi stanno tanto male, ma nel farlo io già non ci credo, perchè le emozioni sono scritte e comunicate con una piattezza e un’inverosimiglianza tali che leggere dei dolori di Bella fa solo venire il latte alle ginocchia.

    Possibile che stia a me che leggo riempire i vuoti? Possibile che debba andare a leggermi una fanfic per sapere cosa dovrei teoricamente infilare nella testa e/o nel cuore di Edward?

    Lo ripeto: il libro andava scritto meglio o non scritto.

    Anche il linguaggio è di una povertà sconsolante, ma la caratterizzazione dei personaggi fa veramente acqua. In quanto alla storia, non c’è storia. Nel senso che non esiste proprio, non succede un tubo.

    Il rosa è letteratura di genere, va bene. Risponde a bisogni precisi, va bene. Ma può farlo meglio di così.
    Con più credibilità, con caratterizzazioni migliori, con dialoghi e sintassi efficaci.
    Con personaggi che alzino meno gli occhi al cielo, sbuffino poco, e anche con meno batticuori. Se la storia funziona il batticuore sai chi ce l’ha e quando, senza bisogno che venga specificato a chiare lettere ogni dieci parole. E ti si comunica. Qui invece l’elettrocardiogramma è rimasto piatto piatto.

    Non capisco come sia possibile che a te, che sembri in possesso delle tue facoltà e di sana e robusta costituzione, sia potuto piacere. Cioè, anche io mangio da McDonald’s ogni tanto, però non riesco a fare altrettanto con i libri. Come diamine hai fatto?

  31. 1055 ikustang88

    Grazie folgorata!! ^_^
    per l’anarchia concordo in pieno…tra me e il mio sogno di scrivere seriamente c’è solo un ostacolo, scrivere con costanza, regolarmente, e finire le storie che inizio, quindi…se non è anarchia questa…

    Come faccio a contattarti senza che nessuno si appropri impunemente della tua mail?

    Per i libri…non saprei, mi veniva da dirti che sono tutti libri seri con i quali ci vuole impegno e determinazione per arrivare alla fine…e che Twilight sia troppo facile da leggere, come qualcosa che scorre automaticamente nella testa…ma mi sembra un commento un po’ idiota, pensandoci. da quando in qua la lettura dev’essere pesante e impegnativa per valere qualcosa?

    Forse il termine che cercavo è “facilmente fruibile”. Se un libro diventa troppo facilmente fruibile, poi si riduce alla stregua della televisione, o dei film. Manca quel processo che rende i libri così misteriosi e interessanti…Se un libro è scritto secondo i desideri di tutte le ragazzine di 15 anni, allora non è niente di nuovo…è un sogno collettivo.

    …gnaaah…

  32. 1054 Purple Pixie

    Lo so, non c’entro nella vosta discussione quindi ignoratemi pure, però:

    se non hai mai mangiato pasta in vita tua e che la prima volta che qualcuno ti fa mangiare la pasta viene scotta, forse non te ne renderai nemmeno conto visto che non ne conosci il gusto…

    Appunto, mangiato, non cucinato. Non serve cucinare per sapere che la pasta è scotta, ma se non l’hai mai mangiata potresti non sapere la differenza. Che tradotto significa: non serve saper scrivere per sapere che un libro è brutto, ma se non hai mai letto un libro (o ne hai letti pochi) fai fatica a capire la differenza tra un buon libro e uno orrendo, o scotto. La metafora pastasciuttara regge ancora a favore di Sakura, oltre ad avermi messo fame XD. In fondo basta che l’assaggiatore abbia un buon metro di giudizio sui sapori, non che sappia cucinare al livello di uno chef di fama internazionale.

    Comunque voi non capite, la Meyer è una scrittrice coraggiosa! Perché potete pensarla come volete sul libro, ma ci vuole coraggio per far dire ad un vampiro (non leggete se non volete rovinarvi la sorpresa)
    che non vuole fare sesso prima del matrimonio
    Almeno io personalmente non avrei mai avuto il coraggio di scrivere qualcosa di simile, anzi non ci avrei proprio mai pensato XD, alla faccia di chi dice che la storia è banale ù_ù
    Ok, ho fatto abbastanza l’idiota, posso anche salutarvi sperando di non essermi fatto odiare da nessuno. Prima o poi forse un giorno chissà leggerò twilight e magari potrò tornare qua a commentare più seriamente.

    P.S. per il riferimento a Shakespeare, almeno lì trombano entro breve O_O (in genere), prima, dopo o durante il matrimonio! Senza neanche bisogno di spargere odore di sangue a chilometri di distanza XD Sto degenerando, meglio smettere…

  33. 1053 folgorata

    @ Scatcat
    Molte grazie per le spiegazioni sui “falsi amici”.
    Tu usi un argomento molto insidioso e difficile da sgrimaldellare: le regazze resterebbero deluse nel passare ai fatti con un principe in carne ed ossa perchè per le eroine l’amore è ragione di vita (come dicevano una volta i baci perugina), mentre per gli eroi è solo un’avventura.
    Anche io lo pensavo sai, a ventanni. E sono stata durissimamente protesa a guardare gli uomini con disprezzo e a farne solo delle avventure. Ahinoi ci si riesce benissimo.
    Perchè tanto più la ragazzina era romanticamente sognatrice tanto più mollava a calci nel sedere dei ragazzotti che letterariamente (allora i maschi leggevano TEX) relegavano l’amore a semplici avventure.
    Poveri ragazzoni e maledette ragazzine.
    Insomma non bisogna confondere i piani. Come ho avuto modo di ripetere fino a stufarmi, qui è di sesso che si parla e nel linguaggio metaforico della letteratura rosa, va in scena il processo di lenta nuncupaizione dell’amante da parte dell’eroina. Non è colpa della Meyer se la sessualità feminile funziona come la tela di ragno, prima un filo poi un altro filo, poi un altro filo ancora… E più la mosca si avvcina al centro della tela, tanto più il ragno nel suo angolo gongola e si compiace. Il segreto dello Gnokko è che fa la mosca meravigliosamente. Dice: «Ah se solo potessi non sai come di strapazzerei tutta, di adopererei proprio (in onore di Sakura/ossignur), se solo potessi. Perchè ti voglio sai ti bramo, proprio non vivo senza te… ma proprio non posso. Si però spetta che ti faccio un caro…»

    @ Grace

    Concordo con tè: Twilight impnotizza, droga e intossica, non solo le ragazzine di 15 anni.
    Sul fatto incidentale che il successo di Moccia sia immeritato non posso esprimermi perchè non ho mai letto niente. E’ quel genere “mi piaci un casino” che insomma, mi repelle a pelle. Ma magari invece è grande letteratura popolare. Dovrei leggerlo per dirlo.

    Grace dice che Twilight non sa parlare d’amore. Concordo; parla di sesso. E’ un romanzo di genere rosa… quindi è una specie di onanismo letterario etcc… (se sei in vena di masochismo trovi le mie numerose disamine tecnico lettararie di Twilight tra i commenti di questo dicembre, gennaio, poco più in su insomma)

    @ ikustang88
    Nei detrattori di Meyer colgo in generale una tendenza a perorare l’importanza della disciplina. Beh io sono un’anarchica. Anche nel mio rapporto con le lettere. Grazie comunque Iku, per l’attenzione che hai dedicato al mio post.

    Gli argomenti di Iku sono tanti:
    Sono gernazionalmente tarda per i manga.
    ll libro per me scritto meglio è un saggio La nube e il telaio di Elemire Zolla, e rimanendo in tema mi piace molto anche Cadmo ed Armonia di Calasso. Ma questi sono saggi. Io soprattutto leggo saggi e sono quelli che costituiscono la mia intelaiatura, per cui poi mi ricordo i singoli titoli che rimangono incardinati nella strutturazione del mio pensiero. Per quando riguarda i romanzi ti do quattro titoli ma sono sicura che tra qualche giorno mi verrà in mente qualche titolo ancora più bello. Beh comunque pace. Allora: Cento anni di solitudine di Marquez, Elogio della Malinconia (Meldini), Nostra signora delle vertigini (Meldini), La variante di Luneburg (Maurenzig); Le imperfezioni (Varesi).

    Mi puoi spedire quello che vuoi, poi ti manderò tutto il folgorata-pensiero sul tuo lavoro. :-)

    Secondo Iku il ragazzo che si abitua a leggere male viene allontanato dalle buone letture.
    Da piccola (dagli 8 ai 18 anni) avevo in casa una sterminata libreria, mi divertivo a frugarci dentro convinta che ci fosse qualcosa di prezioso. Ho fatto l’errore di aprire “Guerra e Pace”, sono arrivata alla prepazione della sala da ballo in cui Natascia… E… ho deciso che non avrei mai più letto un classico russo nella mia vita. E così è stato. Non mi chiedere come si faccia a fare il mio mestiere senza aver letto i classici russi…
    Non lo so. (Ho letto “La montagna incantata” di Mann, se può un po’ farmi perdonare). Poi mi capitò in mano “La ragazza di Bube” di Cassola, ne lessi un po’ di pagine e decisi che nella mia vita non avrei mai più letto i piemontesi (E così i Pavese e i Fenoglio me li sono giocati); mi cascò tra le mani “Uomini e no” di Vittorini e decisi che era proprio tutta la letteratura post resistenziale che non faceva per me Marotta compreso… Poi magari capita anni dopo, di sbattere contro un Testori e trovarlo grande… E allora magari qualcosa recuperi.
    Sempre in quella stessa libreria, ho trovato le “Novelle per un anno” di Pirandello… e ho letto molto se non tutto di Pirandello; mi è capitato di aprire un altro libro e trovarci la descrizione di un uomo che si trasformava in scarafaggio e decisi che Kafka mi sarebbe molto piaciuto…
    Non credo che un caso personale possa stabilire una regola, ma credo che questo esempio di vita vissuta valga quanto, se non di più, un’argomentazione astratta. Ah ecco un altro libro che mi è piaciuto moltissimo “Il Mago” di Somerset Maugham… ma se avessi letto prima Oscar Wilde, non avrei mai preso in mano un libro di Maugham e mi sarei giocata tutta la letteratura inglese che adoro.

    @ Sakura
    ok, per libro romantico intendevo libro di genere rosa e sì, mi ricordo che mi era piaciuto Jane Hear di Austin ma questo Twilight mi ha intossicata come nessun altro. Libri di approfondimento sentimentale ce ne sono tantissimi e migliori, mi piace Mishima e la Cardenal, ma…, intendo dire come romanzo rosa, questa saga mi piace proprio.
    A proposito di letteratura spagnola il titolo corretto di Ongaro era “La versione spagnola”

    @ Dark
    Concentrati Dark, lo sei, sei una neonata con indomabile sete di sangue… ma pensa a Carlile, la sua gentilezza la decisione di non azzannare gli umani sul collo… Ce la puoi fare… posta i tuoi commenti come farebbe lui… intendo dire, con il suo stile un zinzino più pacato.

  34. 1052 Dark

    scusate ma volevo rispondere a una parte di quello che ha scritto Grace ;) non che il tuo commento non sia un buon commento, anzi mi è piaciuto, ma avrei qualcosa da ridire quando dici (quoto) :”Una storia d’amore in cui la suddetta ragazzina è semplicemente tramortita dal fascino estremo di questo damerino perfetto, e annulla la propria persona in funzione di lui; una storia in cui sono costretta a seguire costantemente i suoi pensieri (Edward, sei fortunato a non riuscirci, credi a me!) e mi ritrovo solo con una continua sfilza di sviolinate sulla sua bellezza e la sua perfezione, e questo viene spacciato per amore. Due persone che si conoscono da dieci minuti e si giurano amore eterno sulla base del semplice piacersi da morire a pelle. Questo non è amore, è l’infatuazione ossessiva delle grandi cotte giovanili.” Da quanto hai scritto se ho capito bene tu non consideri che questo sia amore… bè è vero che anch’io quando ho visto il film (ho visto prima il film) mi sono detta “mah mi sembra strano, mi pare troppo veloce come modo di innamorarsi” pero’ sei hai letto almeno UN libro di Shakespeare, ti sarai resa conto che ogni volta che si parla di due personaggi che si amano, si amano solo ed esclusivamente per il loro aspetto fisico.. e certe volte arriva un personaggio e vedendo un’altro personaggio se ne innamora e fa una specie di monologo dove esprime i suoi sentimenti… e questo te lo posso dire perchè in quanto mi piace Shakespeare e ho letto alcuni dei suoi libri, ti posso dire che c’è questo genere di somiglianza tra la storia d’amore tra Edward e Bella e alcuni dei personaggi di Shakespeare… il punto che hanno in comune è l’amore a prima vista, e un sentimento che non si sanno spiegare ma si amano lo stesso… voila voila

  35. 1051 Dark

    @ Sakura (risposta a quello che mi dicevi)
    Allora allora allora…non so da dove cominciare…

    Per prima cosa so benissimo che quando si pubblica un libro, si è sottoposti alla critica dei lettori, ma in questo caso gamberetta non si è limitata a fare una critica.. è andata oltre i limiti della critica insultando sia i lettori che la meyer in persona. Comunque non ripetero’ quello che ho già detto perchè ho l’impressione di giocare a “giro giro tondo quanto è bello il mondo…”

    Quoto quello che hai scritto: “quindi secondo te decrivere dettagliatamente perchè un libro non piace è sbagliato. Secondo te dovremmo tutti dire:’Non mi piace, è banale”. Ti sembra una recensione questa? Questo è un parere, e nemmeno corretto finchè non lo sai giustificare.”
    Non mi sono fatta capire IO questa volta: se hai letto bene quello che ho scritto sopra, ho detto io stessa che bisognava dare spiegazioni (quello che gamberetta ha fatto più o meno) MA come dicevo c’è una differenza tra quotare un libro e spiegare perchè non ti è piaciuto, e insultare la scrittrice, i lettori e fare quello che gamberetta ha fatto, e non mi vengono nemmeno le parole per descrivere il sentimento che provo e che ho provato leggendo la sua cosi detta “recensione”.

    Adesso ci tengo comunque a precisare che contrariamente a tutta la gente che ho visto scrivere qui, io cerco di essere obiettiva e non giudicare chi lascia commenti (contrariamente a molta gente che pensa che ha la scienza infusa). Quando mi chiedi se conosco la meyer in privato per dire se è imbecille o no, ti rispondo “no”, ma perchè io non avrei il diritto di dire che non è imbecille e gamberetta ha il diritto di dire che lo è?

    Un’altra cosa: sei in contraddizione con te stessa e con quello che dici, quoto due dei tuoi interventi:
    1. “2. Se un libro piace a molti non vuol dire che è un buon libro, anzi, oserei dire, visto che molte delle fan (non tutte, attenzione) che amano Twilight hanno meno di 15 anni e avranno letto si e no tre libri in vita loro, non costituiscono un bel metro di giudizio.”
    2. “3. Che Gamberetta non sia capace di scrivere non è affar tuo, dato che non serve saper scrivere per spiegare perchè un libro è brutto, come non serve a me saper cucinare per dire a mia mamma che mi ha scotto la pasta.”
    Cioè…mi stai dicendo che queste ragazzine di 15 anni non costituiscono un “bel metro di giudizio” perchè non hanno molta esperienza in quanto riguarda la lettura (sono disposta a concordare con questa idea), ma poi mi dici che non serve saper scrivere per spiegare perchè un libro è brutto.. bè secondo me è molto facile criticare la gente suprtutto davanti a uno schermo di computer, pero’ penso che una persona possa realmente fare una critica che puo’ essere presa sul serio solo se ha qualche esperienza in materia di quello che critica. Per riprendere il tuo esempio sulla pasta: se non hai mai mangiato pasta in vita tua e che la prima volta che qualcuno ti fa mangiare la pasta viene scotta, forse non te ne renderai nemmeno conto visto che non ne conosci il gusto…
    E poi mi dici che se gamberetta non è capace di scrivere non è affare mio, ma praticamente leggendo ogni critica ti tutte le persone che sono daccordo con gamberetta mi sono resa conto di una cosa: volete avere il monopolio su questo sito, perchè NOI non possiamo esprimere il nostro pensiero senza farci insultare, voi invece siete i migliori… mah… che gamberetta sappia scrivere o meno non è un mio problema, anzi me ne frego altamente, ma allora che non dica che tutte le ragazze che hanno letto il libro sono delle “sceme” quotando il suo termine… perchè anche se sincermante non mi sento colpita dalla sua critica (tra l’altro perchè ho più di 15 anni e abbastanza esperienza per poter parlare un minimo in materia di libri), mi sento in dovere di parlare obiettivamente in nome di queste ragazzine a chi piace sognare…

    Non farti l’avvocato del diavolo perchè onestamente non ne vedo l’interesse anche perchè ripensandoci mi sto dicendo che sto perdendo tempo su questo sito, nessuno vuol cercare di raggionare senza arrabbiarsi e secondo me è una situazione triste, arrivare a questo punto solo per un libro… che poi secondo me non è cosi male.. a proposito un ultima domanda: chi di voi l’ha letto in inglese? non vi siete chiesti piuttosto se non era il traduttore italiano che non sa tradurre un libro come si deve? e comunque parlo in quanto la traduzione è una delle mie “specialità”.. detto cio’ ti saluto e buona notte

  36. 1050 Sakura87

    #Folgorata:

    Mi è sembrato di cogliere una qualche curiosità sul fatto che io abbia letto altri libri e sulla natura della mia adesione all’opera della Meyer.

    No, io non insinuo nulla, solo che volevo spiegata questa parte del tuo precedente post:

    O per lo meno le crederò quando leggerò una storia che si dimostrerà capace di ottenere un altrettanto grande coinvolgimento romantico con una maggiore qualità letteraria.

    Di primo impatto ho pensato che intendessi che non esiste libro d’amore scritto bene capace di coinvolgere in tal modo il lettore.

    Ma non puoi intendere questo, giusto?
    No, perchè…boh, dato che ho davanti il libro di Letteratura spagnola dell’Ottocento mi vengono in mente circa una decina di titoli d’amore scritti da autori a cui la Meyer non potrebbe nemmeno leccare le scarpe. E stiamo parlando di Letteratura Spagnola, la cui vena romantica (nel senso di sentimentale) è un po’ scarsa.
    Se poi parliamo di letteratura inglese…di letteratura francese…
    Ecco, non spreco altro tempo nemmeno a citare.

  37. 1049 Ispettore Vicesindaco Antani

    Comunque il twilight-fenomeno mi preoccupa assai. Negli USA, ci sono state aggressioni nel nome di twilight.

    http://twilightsucks.proboards.com/index.cgi?board=fangirls&action=display&thread=5175

    è in inglese, ma vale la pena di leggere, è in continuo aggiornamento. Insomma, manco fosse la Bibbia o il Corano…

  38. 1048 ikustang88

    Allora…

    @folgorata:
    Si, lo so che Monichina ha 11 anni e tu 40…^_^ ma mi interessava sapere la sua opinione a proposito dei libri della Mayer, la sua opinione oggettiva sul modo in cui scrive. Anche io sono romantica. Amo alla follia le smancerie, gli “smenamenti” alla “ti amo ma non posso amarti” e tutte le storie d’amore annodate e contorte (…chi di voi ha letto “Secret Unrequited Love?” Manga…), però i libri della Mayer sono effettivamente pornografia sentimentale, e non mi sono piaciuti. Detto questo, giro la domanda anche a te, dopo aver letto il tuo Ms…qual’è il libro meglio scritto che tu abbia mai letto? La mia risposta è la saga dell’assassino di Robin Hobb (…che a queste latitudini nessuno ha mai letto, mi pare…).

    Leggendo le tue parole (…specialmente la parola EDITORE…) ho avvertito il desiderio fortissimo di spedirti qualcosa, ma mi sono fermata, non volendo offendere nessuno. ma mi piacerebbe. Sono sempre in cerca di critiche. In ogni caso mi dispiace molto per le tue oche e le tue verze. Le verze mi piacciono, e anche le oche (…ma in un senso diverso…).

    Hai ragione, è difficile far leggere la gente (…lo so bene, quando ero a scuola mi prendevano per un’aliena a causa del mio naso sempre nei libri…) e tu lo sai meglio di noi, immagino. E sicuramente da libro nasce libro. Ma come ho già scritto in precedenza, il primo libro che una persona prende in mano è importante. E se è bello da leggere, ma scritto male, ha delle ripercussioni sulla mente di chi lo legge. o appena avuto una visione di quelle ragazzine (…senza offesa perchè lo sono stata anche io…) che, abbandonate le parole della Meyer si spostano su altri libri, e se ne allontanano disgustate perchè “non sono come Twilight, sono difficili da leggere, sono impegnativi, non sono scritti bene”. E’ l’imprinting. Per questo bisognerebbe far leggere ai bambini, fin da piccoli.
    E anche se ringrazio il cielo che finalmente gli adolescenti hanno il naso nei libri (…e sono sicura che qualche ragazzina passerà indenne dallo svezzamento di Twilight e giungerà sana e salva ad altri lidi…), mi chiedo se sia giusto chiudere un occhio sul titolo.

    …e mio zio che poveretto si preoccupava che sua figlia (peraltro già ben salda nei suoi gusti letterari) leggesse un libro che recava, sulla copertina, “la mela del peccato originale”…

    @Scatcat
    (…grande pseudonimo…^_^)
    Quello della figura protagonista è un altro grosso problema. Ti rimando al libro “Ancora dalla parte delle bambine”, una lettura decisamente interessante. Tutti dicono che i giovanissimi sono terreno fertile, terra malleabile per chiunque voglia piegarla alle sue convinzioni e idee (…che figura infelice…terra malleabile…mi scuso…). Bella non è un buon esempio. Chissà cosa pensava la Mayer quando l’ha caratterizzata. Bisognerebbe proprio chiederle in base a cosa ha tracciato la trama dei libri. Sembra un frullato di elementi destinati ad un sicuro successo. Pornografia, come si diceva.

    @Grace
    Tanto peggio!! Con le tue parole hai centrato il punto.
    Innanzitutto l’effetto ipnosi (…che spero non sia così diffuso! Cavolo…altrimenti basta che il primo idiota si rimetta a scrivere di vampiri e ripartiamo da capo…) (…bisognerebbe pagare qualcuno che lo faccia con serietà. Che lo faccia con coscienza. Che “disintossichi” le Twilighter…).
    E i tuoi commenti sulla trama sono decisamente azzeccati. Diamo da mangiare queste cose alle ragazzine spacciandole per vere. Una volta credevo che i libri contenessero la verità e la serietà che la televisine spesso non aveva. Buonanotte….

    @Laura
    Si. Nemeno io credo che le adolescenti siano tutte cretine. Ma Twilight è in sostanza esattamente quello che le adolescenti vorrebbero leggere. E che senso ha una materializzazzione cartacea di ciò che già sogni, dove ogni parola o capitolo segue il tuo desiderio? Non è un libro, è…realtà virtuale. Nei libri bisognerebbe assaporare ogni parola, con aspettativa, con attesa…non bere ogni frase perchè è quello che vogliamo, come un drogato che sa quello che lo aspetta.

    Cavolo, spero di non essere andata troppo oltre. In questo forum c’è decisamente gente che pensa, e questo è molto stimolante…

    PS: la ia domanda è sempre valida anche per Monichina…^_^

  39. 1047 Laura

    Gamberetta, ti adoro!

    E ti confesso una cosa che, visto il meraviglioso e originalissimo “incipit del commento”, ti stupirà:

    ho letto i 4 romanzi della saga della Meyer.

    Tutti di fila, così non so più dove finisce uno e comincia l’altro.

    E la storia, nella sua totalità è passabile, a tratti mi ha commossa e coinvolta perfino, MA:

    - sono d’accordo con te su gran parte della recensione di Twilight, soprattutto sulla faccenda della pornografia e degli ornitorinchi. Preciso inoltre che, collegato a questo punto…

    -…o io sono molto perspicace (ahahah) o, come nella prima fatica della Troisi, l’unico colpo di scena è la totale assenza di colpi di scena. Qui però è “quasi totale”. Succede infatti quasi esattamente ciò che la lettrice si aspetta…

    -…ma forse no! Perchè tu ed io abbiamo “sbagliato”. Ci siamo dimenticate il target probabile. E non voglio dire con questo che tutte le adolescenti siano necessariamente cretine. Dico invece che è statisticamente più probabile che caschino totalmente nel documentario sugli ornitorinchi e parteggino per lo Gnokko, lo amino, lo sognino, vogliano “crederci”. Perciò VOGLIONO che la storia prosegua così (quale storia?, pernserai giustamente…eh, cambia, c’è il non-colpo-di-scena, te l’ho detto)

    In sostanza, salvo la Meyer, ma per la saga nel suo complesso, perchè è riuscita, nonostante tutto, a regalarmi 2 o 3 personaggi che pochi si filano e sono ben caratterizzati e ovviamente meno Gnokki degli Gnokki totali. E anche loro erano proprio come li volevo.

    La saga tuailaitica per me è “narrativa da ombrellone”. Scorre. Non ti insegna niente. Ma può essere piacevole, a seconda dello spirito con cui la leggi (in passato avevo provato a iniziare Twilight e l’avevo abbandonato prima di arrivare alla mensa scolastica).

    Complimenti per il blog, gran bel lavoro (mi state evitando delle letture agghiaccianti, preferisco leggere voi! Magari imparo pure qualcosa)

  40. 1046 Grace

    Questi libri della Meyer hanno fatto divorare ai ragazzi migliaia di pagine! Scusate, ma questo è un piccolo miracolo e quando accade non si può non valutare anche che “da libro nasce libro”.

    Se vuoi ti faccio l’elenco di quante ragazze ho sentito dire o visto scrivere “Leggere? Sì sì, io leggo. Ma solo Twilight. Lo finisco e lo ricomincio in continuazione.”
    Dovendo tener conto dell’effetto ipnosi, si potrebbe anche dire che Twilight è “pericoloso” per la psiche adolescenziale, e tenerne conto nell’andare a scriverne una recensione. Solo che sarebbe una sciocchezza, perché nel valutare la qualità di un libro, l’ultima cosa di cui si deve tener conto è la reazione di massa (anche perché altrimenti, Moccia sarebbe un salvatore dei nostri tempi. E’ come dare merito a qualcuno di aver dato un pezzo di escremento di vacca a mio figlio che fa i capricci per mangiare. “Eh, sai, è così difficile farlo mangiare, almeno manda giù qualcosa. Magari si fertilizza come i pomodori.”).

    Non dico che non sia importante e apprezzabile lo sforzo di esprimersi con correttezza. Dico che lo svarione è in agguato per tutti, nessuno escluso. E che non si può crocifiggere nessuno alle proprie piccole o grandi mancanze letterarie. Anche perchè questo rende la lettura e la scrittura qualche cosa di ansiogeno ed elitario. Il che non condivido.

    Mi permetto di dirti che secondo me hai frainteso l’intento di Sakura. Se tu avessi scritto “apprezabile” invece di “apprezzabile”, tanto per fare un esempio, non credo affatto che lei ti avrebbe sottolineato l’errore. Ma scrivere in linguaggio sms non è uno “svarione”, è una precisa intenzione, un’ormai conclamata (e detestabile per me) abitudine giovanile di martoriare la lingua italiana, nonché una mancanza di rispetto se lo si fa nel discutere con persone che non conosci e che si suppone si aspettino tu scriva nella loro lingua.

    Non conosco però ragazze o donne che lo abbiano letto e che non abbiano amato la saga della Meyer.

    Io ne conosco a decine, ed è inutile dire che sono anch’io tra queste. Non solo non l’ho “amata”, ma l’ho trovata di un irritante che in pochi, davvero pochissimi libri mi è capitato di riscontrare, forse in nessun altro libro. E adesso non sto parlando di difetti stilistici, di buchi narrativi, di banalità e tutta la compagnia cantante. Sto parlando solo e semplicemente di trama.
    Una ragazzina inetta, annoiata dalla vita, incapace di apprezzare le persone se non sono belle e affascinanti oltre misura (cos’avranno fatto di male quei poveri ragazzi della sua scuola, oltre all’essere dei normali diciassettenni, anche un po’ troppo gentili e disponibili verso di lei che a malapena ne calcola la lucina sul proprio schermo radar?!), una ragazzina che ha una vita vuota, priva di interessi, priva di passioni, e la cui unica occupazione è lamentarsi di qualunque cosa stia facendo. E’ una protagonista che può coinvolgermi? Per niente. Mi fa solo venire voglia di tirarle un mattone in testa.
    Una “storia d’amore” in cui la suddetta ragazzina è semplicemente tramortita dal fascino estremo di questo damerino perfetto, e annulla la propria persona in funzione di lui; una storia in cui sono costretta a seguire costantemente i suoi pensieri (Edward, sei fortunato a non riuscirci, credi a me!) e mi ritrovo solo con una continua sfilza di sviolinate sulla sua bellezza e la sua perfezione, e questo viene spacciato per amore. Due persone che si conoscono da dieci minuti e si giurano amore eterno sulla base del semplice piacersi da morire a pelle. Questo non è amore, è l’infatuazione ossessiva delle grandi cotte giovanili. Niente di male nello scrivere un libro su questo argomento, per carità. Ma non se viene spacciato per “grande amore”. Perciò io, da persona romantica e amante dei sentimenti veri, mi sento irritata da questa favoletta spaventosamente superficiale e boccio senza appello la trama di Twilight, perché (udite udite quella che sicuramente troverete un’eresia) la Meyer sa parlare soltanto di attrazione e infatuazione, ma è incapace di descrivere l’amore.

  41. 1045 Scatcat

    “terrific” vuol dire proprio “fantastico” in inglese, senza ambiguità. Si dice che è un falso amico perchè è una parola che sembra simile all’italiano ma ha un significato completamente diverso.

    Quanto al fatto che non esistano femmine che non apprezzano la storia della Meyer, eccomi qua! Mi sono annoiata a morte senza immedesimarmi neanche per mezza pagina, e ti dirò di più: il fatto che abbia tanto successo tra le ragazzine mi preoccupa molto per il modello di ragazza/donna proposto da Bella, ovvero “non muovere mai un dito in nessuna circostanza tanto arriverà l’ammore e tutto sarà perfetto”. Ogni sua minima iniziativa, fosse anche solo lavarsi i capelli, è in funzione di quello che Lui fa o pensa. Siamo nel 2009. Non mi stupisce che non si trovino quando si baciano al cinema: nei romanzi per ragazzi le ragazze, se ci sono, non sono certo l’unico scopo della vita.

  42. 1044 folgorata

    @ ikustang88
    E’ possibile che volessi rivolgerti a me Folgorata e non a Monichina con il tuo Ms. Perchè Monichina ha 11 anni non 40!

    @ Ferrarelle
    Intendi dire che “terrific” è un aggettivo ambivalente tipo “mostruosa”? E con l’inciso (falso amico) intendevi spiegare che King ha giocato sull’ambivalenza?

    Scusa perchè il nick, ti piace l’acqua minerale?

    @ Monichina
    trovo molto intelligente il tuo invito a contestualizzare tutte le invettive nella reazione a caldo alla recensione di Gamberetta di chi non ha letto commenti del forum e non ne ha constatato i toni.

    @ Sakura
    Non dico che non sia importante e apprezzabile lo sforzo di esprimersi con correttezza. Dico che lo svarione è in agguato per tutti, nessuno escluso. E che non si può crocifiggere nessuno alle proprie piccole o grandi mancanze letterarie. Anche perchè questo rende la lettura e la scrittura qualche cosa di ansiogeno ed elitario. Il che non condivido.

    @ Tutti
    Mi è sembrato di cogliere una qualche curiosità sul fatto che io abbia letto altri libri e sulla natura della mia adesione all’opera della Meyer.
    Premetto che ho scelto il nick Folgorata non a caso perchè non ci sono tutta.
    Comunque.
    Sono un piccolo editore e per le vacanze del’ultimo Natale, ho letto i cinque della Meyer (su cui mi sono molto spesa e nel dettaglio nei post precendenti), due libri di Stieg Larrson che ho trovato un po’ ammiccanti nella denuncia della violenza sulle donne ma dotati di un personaggio femminile fantastico; ho letto un autore che vuole essere ripubblicato; ho letto “La morte della Pizia” di Durennmatt che ho trovato eccessivamente pavido nel compiacere un certo politicamente corretto, ho letto Ruiz Zafon “L’ombra del vento” che ha grande scrittura ma niente storia. Adesso ho lì “Narciso e Boccadoro” di Hesse che mia figlia vuole assolutamente che legga. A lei è molto piaciuto. Mi sono scaricata dalla rete e letti in inglese “Midnight Sun” della Meyer e la Fan Fiction “The Lion and the Lamb” di tale Alphie. Questo quando sono in vacanza.

    Quando lavoro leggo le stravaganze a volte intelligenti di chi aspira a pubblicare, leggo saggi di filosofia e storia medioevale, e testi giuridici.

    Sempre nel campo delle mie letture per diletto ho intenzione di procurarmi “La verisone sbagliata” di Ongaro.

    Ho anche scritto e pubblicato professionalemente articoli e libri. Nessuno di successo.

    Insomma leggo e scrivo invece di vivere, e tra un libro e l’altro litigo con figlia e marito. Sempre tra un libro e l’altro, prima che le volpi mi sterminassero le oche e i caprioli riducessero il mio orto di cento verze in un camposanto di 100 bastoncini bianchi, mi occupavo di oche e di verze.

    Non so se questo fa di me un autorevole esperto sul valore di Twilight. Se lo fossi, avrei azzeccato nella mia vita di editore un titolo di grande successo. E invece i libri della casa editrice raccolgono a volte grandi recensioni ma non si schiodano dalle mille copie max.

    Dopotutto quello che veramente conta è la mia reazione di lettrice. E’ così difficile far leggere la gente. Sopratutto gli adolescenti. Questi libri della Meyer hanno fatto divorare ai ragazzi migliaia di pagine! Scusate, ma questo è un piccolo miracolo e quando accade non si può non valutare anche che “da libro nasce libro”. Un ragazzo che ha superato il rapporto con la carta stampata viziato dalla visione esclusivamente scolatica… un ragazzo che ha scoperto il piacere della lettura, cercherà altre pagine, altri libri, magari pagine e libri che trovano anche l’approvazione di Gamberetta e Sakura.

  43. 1043 ikustang88

    @ Monichina

    In effetti non hai tutti i torti, però la maggior parte delle Twilighter da questa impressione. E chiaramente c’è differenza tra smaniare per un libro al punto da non poter vivere senza e trovarlo romantico e piacevole da leggere. No? Chiaramente chi ha quarant’anni reagisce in modo diverso…

    Monichina, i libri della Meyer sono decisamente e assolutamente i più belli che tu abbia mai letto? Più ben scritti, in specifico?

  44. 1042 Gamberetta

    @.:Monichina.:. Ho avuto molto da fare e ne avrò ancora per qualche giorno. In quanto a rispondere ai commenti in particolare questi su Twilight sono semplicemente troppi, ci passerei la vita. Inoltre nel blog si parla di molti altri romanzi, a mio parere più degni di attenzione.

  45. 1041 Sakura87

    @Folgorata: Mi riferisco a quando Bella, mentre si prepara alla consegna di diplomi, esclama: ‘Ah! Ho capito!’ . Righe di suspance. Alice: ‘Cosa hai capito?’. ‘Che il vampiro entrato in camera mia e quelli di Seattle appartengono allo stesso gruppo!’
    Mi sono sentita come stordita, te lo giuro, perchè pensavo che fosse palese. Evidentemente no, dato che, passi Bella, ma non ci avevano pensato nemmeno Alice nè Edward.
    Meravigliosamente emblematica anche la scena in cui Alice, prima della battaglia, appare tesissima nei confronti di Bella, potrebbe aver avuto una visione. Mi scappa la battuta: ‘Ma guarda un po’, magari s’è offesa perchè non le hanno detto del matrimonio’.
    Non l’avessi mai pensato.
    Alice era veramente offesa perchè non la volevano invitare al matrimonio.
    Mi sono sentita veramente stupida.

    Per il resto, folgorata, le mie correzioni grammaticali non vanno solo a scapito di chi non apprezza Twilight, e i miei amici potrebbero loro malgrado testimoniare. Sono profondamente, e intendo proprio profondamente, infastidita dal linguaggio sms e dalla poca cura grammaticale di chi scrive e di chi parla. E’ una deformazione ‘professionale’, credo, che mi viene dal fatto che fino a poco fa scrivevo e leggevo fanfiction e, mentre io leggevo e rileggevo e curavo la forma dei miei scritti, vedevo moltissimi casi sconvolgenti di incuria. Se fossi una professoressa d’italiano e mi consegnassero un tema con una sola K, credo seriamente che potrei segnarmi il nome del malcapitato studente su un taccuino e ricordarmene al momento dei voti di fine anno.
    La verità è che ormai alle elementari non si insegna più nemmeno l’italiano. Sono finiti i tempi in cui la maestra mi faceva scrivere trenta volte nel quaderno la stessa parola che avevo sbagliato a scrivere.
    Parlo da vecchietta zitellona, ma in realtà non ho nemmeno ventidue anni.

    Infine, folgorata:

    Non conosco però ragazze o donne che lo abbiano letto e che non abbiano amato la saga della Meyer. Condivido tutte le eccezioni sollevate da Gamberetta sulla qualità letteraria… ma sapete che cosa vi dico? Io non ci credo che la storia non le sia piaciuta. O per lo meno le crederò quando leggerò una storia che si dimostrerà capace di ottenere un altrettanto grande coinvolgimento romantico con una maggiore qualità letteraria.

    Eccomi. A me la storia non è piaciuta affatto.
    E credo di aver già dato a intendere perchè.
    Infine, mi vedo costretta a chiederti di spiegare meglio l’ultima frase, quella sul grande coinvolgimento romantico, perchè non vorrei risponderti in maniera banale.

    Forse intendi per quanto riguarda la narrativa contemporanea per adolescenti?

  46. 1040 DelemnO

    Non conosco però ragazze o donne che lo abbiano letto e che non abbiano amato la saga della Meyer.

    Oh, eccomi qua. Non sono riuscita ad andare oltre pagina settanta, l’ho trovato piatto, insulso e mal scritto. Vuoi un’autografo?

  47. 1039 Elisa

    Ciao, ho letto la tua recenzione……..m’e’ piaciuta un monte, ed e’ tutto verissimo. Ho letto tutti e 4 i libri, francamente mi sono piaciuti ma, una volta letto il tuo commento fra Bella e Edward sono a fare la conta a chi e’ piu’ stordito. E’ la prima volta che scrivo in un blog (tu dirai questa dove vivee!) e’ che sono un po’ imbranata con i computer……….Ma torniamo a noi, twilight mi e’ piaciuto insomma m’e’ scorso bene, si…….una storia per ragazzi per passare un po’ le ore che non hai nulla da fare (poche), certo non m’ha cambiato la vita ma gli do un voto positivo………………….e comunque penso anche che dietro al gran chiasso che e’ stato fatto intorno a questo libro ci vuole anche qualche commento che lo stronchi………………….

  48. 1038 ferrarelle

    @Folgorata, veramente King dice che il modo di scrivere della Rowling è “terrific” ovvero formidabile (è un falso amico). Gli avevano chiesto se il suo successo di pubblico degli ultimi 35 anni aveva preparato la strada a quelli della Rowling e della Meyer e credo abbia voluto rimarcare le differenze tra le due.
    Personalmente non mi potrei esprimere, lette le recensioni e vista la mole della saga meyeriana per ora mi dedico ad altro…

    @Gamberetta: ho letto Il Vangelo secondo Biff e mi è piaciuto davvero molto, grazie per il consiglio.

  49. 1037 .:Monichina.:

    mi scuso anticipatamente per il poema,ma avendo tempo ho voluto commentre tutti i post ^^”

    Sakura:
    W la disney x sempre XD

    Glorelen:
    Quoto pienamente!

    Tempesta:
    Ah aha ,fai proprio ridere!sèèèèèèè……

    Veronica:
    Anke io adoro twilight,ma definirlo il MIO libro,mi sembra un po’ esagerato!
    1_perkè inanzitutto non l’hai scritto tu.a meno ke tu sia la Majer sotto falso nome.
    2_perkè anke se comprendo cosa intendevi nn devi esagerare,perkè alla fine si confode la realtà con la fantasia e si finisce col passare la vita da zitella aspettando il proprio Edward XD

    Drest:
    Non è comprensibile per te che nn ami twilight,ma per me ke l’adoro è comprensibilissima(veronica) nel fare certe osservazioni.
    Se rileggete il mio primo post ank’io mi sono espressa + o – in questi termini,post dopo post,xò, i miei toni sono diventati più pacati percè ho esposto mejo le mie argomentazioni e ascoltato le vosre.quindi è molto comprensibile una simile sfuriata,soprattutto se fatta a caldo dopo aver letto la recensione.Io avrei scritto molto peggio se così fosse stato,infatti mi sono scritta un commento dopo averla letta,ma nn l’ho pubblicato xkè nn ero in me in quel momento,ero così arrabbiata ke andavo in giro per casa senza smettere di correrre e dire
    “ma quella lì ha letto ho solo sfogliato?”
    “mai ho incontarto persona + ignorante”
    “la odio profondamente!!!”
    Cose ke adesso non direi mai appunto perckè sn calma e consapevole del fatto ke un libro può piacere o n.(anke se ankora mi sento moloto offesa ddai ripetuti insulti fatti nella recensione alle fans e alla Majer)

    Talen:

    Per la serie: ammazza e stupra pure, ma non insultare il MIO libro!

    Ecco,esattamente quello ke dicevo prima

    Folgorata:
    Mi impegno solenemente a scrivere senza troppe abbreviaxioni^^
    comunque mi trovo ancora una volta a quitare in pieno con te !
    (un altra cosa ke abbiamo in comune io ADORO la rowling!!!!)

    Ikustang:
    Non pensi ke tra le lettrici dell Majer ce ne sia qualcuna ke abbia letto anke qualche altro libro?
    Ad esempio me,ma (spero nn si offenda se la tiro in causa)soprattutto folgorata che ha più di 40 anni?Ma certo saranno stati 40 anni ad aspettare di leggere twilight senza prima leggere niente ?

    Dark:
    Mi trovo a quotare Sakura.Gamberetta ha fatto bene a spiegare il perchè non le piaccia il libro minuziosamente,così noi abbiamo potuto dissentire da lei in alcune parti e magari assentire in ltre,cosa impossibile se avesse detto solo “Twilight non mi piace perkè è banale”,il mio commento sarebbe stato”e invece a me piace” e fine.punto.invece così si è potuta instaurare una conversazione.

    Folgorata:
    I maski non li capiremo mai! ^^
    A volte viene da pensare se nn sian di un altra specie rispetto alle femmine XD

    Gamberetta:
    come mai non scrivi più e non commenti i nostri post?

  50. 1036 folgorata

    @ Gorelan
    :-)

    @ Sakura/Ossignur

    A quale colpo di scena di Eclipse ti riferisci?

    @Ferrarelle
    S.King nello stesso contesto qualifica come terrificante anche la Rowling, che a me pare scrivere magistralmente a differenza della Meyer che è effettivamente un po’ molle.

    @ Tutti

    Sapete che c’è? In generale è misserimo deprecare le sviste, le incompetenze ortografiche o sintattiche nel criticare il pensiero altrui.

    E’ un atteggiamento capzioso. E’ la negazione della dialettica. E’ come affrontare uno schermidore con la pistola. E come dire non mi interessa combattere, ti voglio solo uccidere.

    È un atteggiamento che si spiega solo con una grande aggressività e nessun interesse, ma proprio nessuno, per un libro che sta facendo sognare migliaia di ragazze giovani e vecchie.

    Immagino che la motivazione di alcuni sia quella di far capire e condividere i motivi per cui il libro ci piace e che la motivazione di altri sia di spiegare e condividere i motivi per cui il libro risulta irritante e stucchevole.

    È vero, io sono una di quelle che ritiene che una storia come questa non possa non piacere. Tanto è vero che ho imposto di leggerlo anche a mio marito. Ma a lui è piaciuta solo la parte dell’inseguimento finale, quella che a me è piaciuta meno.

    È uno dei motivi per i quali quando ci si trova per la prima volta a baciare un ragazzo in un cinema, non è mai come ce lo eravamo sognato. Gli uomini hanno un’idea del loro ruolo e di ciò che si aspetta una ragazza così lontanto dall’idea che ne hanno le donne! Avevo sperato che un piccolo libro tanto spudoratamente emotivo potesse spiegare qualcosa anche ai figli di Marte. Ma non c’è riuscito.

    Non conosco però ragazze o donne che lo abbiano letto e che non abbiano amato la saga della Meyer. Condivido tutte le eccezioni sollevate da Gamberetta sulla qualità letteraria… ma sapete che cosa vi dico? Io non ci credo che la storia non le sia piaciuta. O per lo meno le crederò quando leggerò una storia che si dimostrerà capace di ottenere un altrettanto grande coinvolgimento romantico con una maggiore qualità letteraria.

  51. 1035 Sakura87

    @ovviamente nella prima parte volevo scrivere:

    Gamberetta ha giustificato la sua punto per punto, come hai visto.

    (non ‘giudicato’, lapsus)

  52. 1034 Sakura87

    Allora, mi rendo conto di non essere stata chiara…
    Tu quoto il precedente post parola per parola, è che non mi andava di ripetere cose dette già da me e da altri nei mille e passa commenti precedenti al tuo.

    come puo’ una persona portare tanto odio a un libro come lo fai tu… è UN LIBRO!!! e tu ti accanisci contro un libro.. non ho mai visto una cosa simile…

    Non è odio. E’ ironia, satira, è una recensione. Accanimento ? La Meyer pubblica: si espone al giudizio altrui. Nessuno pubblica e si aspetta di non ricevere critiche negative. Gamberetta ha giudicato la sua punto per punto, come hai visto.

    quello che non riesco a capire è come mai sei tanto odiosa, perchè per fare una descrizione detagliata di tutto il libro e trovargli un difetto in ogni minimo dettaglio come lo fai tu, ci deve essere molto odio in te… ti bastava dire sempliemente che il libro non ti è piaciuto perchè trovi la storia troppo “banale”,

    Ecco cosa intendevo nel mio precedente intervento: quindi secondo te descrivere dettagliatamente perchè un libro non piace è sbagliato. Secondo te dovremmo tutti dire: ‘Non mi piace, è banale’.
    Ti sembra una recensione questa? Questo è un parere, e nemmeno corretto finchè non lo sai giustificare.

    cioè mi pare di leggere la critica di una bambina gelosa di un libro che ha fatto successo

    Ossignur. Ripeto.
    Se la mamma mi scuoce la pasta e le dico che fa schifo, non è invidia perchè io non so cucinare la pasta. E’ perchè la pasta scotta mi fa schifo.

    cmq oltre il fatto che secondo me on avresti dovuto essere cosi diretta nei tuoi propositi

    Ah, davvero? E perchè?

    e cioè dare dell’imbecille alla meyer, perchè tu non la conosci e secondo me vale + di te….

    Ah, sì? Tu conosci la Meyer nel suo privato per dire che non è imbecille?
    Per me potrebbe essere un’agente della Croce Rossa, una brava madre e una brava casalinga, ma ciò non toglie il fatto che se in Eclipse -faccio un esempio perchè lo sto leggendo in questi giorni – mette un colpo di scena che i lettori hanno capito duecento pagine prima, si mostra imbecille.

    almeno lei ha avuto il coraggio di scrivere un libro (e anche + di uno) e ha fatto un successone (anche se a te non è piaciuto) e la cosa + importante è che il libro è piaciuto a una maggioranza di persone.. tu invece secondo me non saresti cpace nemmeno di scivere un capitolo di una storia potabile…

    1. Non ci vuole ‘coraggio’ per scrivere un libro.
    2. Se un libro piace a molti non vuol dire che è un buon libro, anzi, oserei dire, visto che molte delle fan (non tutte, attenzione) che amano Twilight hanno meno di 15 anni e avranno letto sì e no tre libri in vita loro, non costituiscono un bel metro di giudizio.
    3. Che Gamberetta non sia capace di scrivere non è affar tuo, dato che non serve saper scrivere per spiegare perchè un libro è brutto, come non serve a me saper cucinare per dire a mia mamma che mi ha scotto la pasta.

    Infine:

    Poi un’altra cosa: non lanciare frecciate e non sparare osservazioni che non hanno niente a che vedere in questo contesto, tipo ” “+” lasciali nei quaderni a quadretti” perchè sinceramente (anche se mi ha fatto ridere) penso che non abbia niente a che fare nel tuo commento, anche perchè io non mi metto a criticare o corregere la gente che fa errori di grammatica come “o” invece di “ho” oppure errori di tipografia… quindi i tuoi commenti “puerili” tieniteli per te ;) grazie

    Ahm, scusa, mi prudono le mani quando vedo come è degenerato l’italiano.
    Tu hai tentato di correggere Gamberetta che stava esponendo la sua opinione.
    Perchè io non dovrei correggere te? A proposito, gli errori di tipografia sono gli errori di stampa. Forse ti riferivi a quelli di ortografia ;)

    ^Simona^

  53. 1033 Dark

    mi rivolgo a sakura87:
    Innanzitutto non ho detto che una buona recensione è dire “questo libro non mi piace”. Poi tu che mi parli di spiegare, ti consiglio di cercare la definizione di questa parola su un vocabolario perchè c’è una differenza tra spiegare e insultare. Per me una spiegazione è dire ad esempio questo libro non mi piace perchè secondo me l’autore non scrive bene, oppure questo libro non mi piace perchè la storia è troppo banale o non lo so, mi sono annoiata o altre cose… e dare esempi, poi comunque ci sono altri esempi di “spiegazione” ma mi limito a dare questi. Qua invece non si parla di semplici “spiegazioni” ma anche di insulti, e secondo me non si puo’ insultare una perosna che non si conosce… (in questo caso Stephanie Meyer)

    Poi un’altra cosa: non lanciare frecciate e non sparare osservazioni che non hanno niente a che vedere in questo contesto, tipo ” “+” lasciali nei quaderni a quadretti” perchè sinceramente (anche se mi ha fatto ridere) penso che non abbia niente a che fare nel tuo commento, anche perchè io non mi metto a criticare o corregere la gente che fa errori di grammatica come “o” invece di “ho” oppure errori di tipografia… quindi i tuoi commenti “puerili” tieniteli per te ;) grazie

  54. 1032 Sakura87

    Ah, quindi Dark, per te una buona recensione è dire ‘Questo libro non mi piace’.

    Spiegare perchè per te è solo accanimento.

    Wow, complimenti.

    Ah, un’ultima cosa…un post non è un’operazione matematica.
    I ‘+’ lasciali nei quaderni a quadretti.

  55. 1031 Glorelen

    @ Folgorata
    Non mi riferivo a te riguardo ai pruriti vaginali. Sinceramente non mi sono letta i 1000 e rotti post di risposta alla recensione, quindi non so cosa tu abbia detto o meglio, non conosco il folgorata-pensiero… La mia era una replica alla recensione.
    Ciao

  56. 1030 ikustang88

    ….aweful?

    @dark
    Ti rimando al mio intervento.

  57. 1029 dark

    I just cannot believe it!!! that’s aweful!!!!!
    mah io non capisco certe persone…non capisco te!!!! ma come ti permetti di giudicare una persona che nemmeno conosci!!!! e sopratutto : come puo’ una persona portare tanto odio a un libro come lo fai tu… è UN LIBRO!!! e tu ti accanisci contro un libro.. non ho mai visto una cosa simile… poi secondo me sarai pure il genere di persona che fa la fiera davanti al pc ma quando si tratta di dare spiegazioni davanti al gran pubblico non c’è + nessuno… bah, questo non è un mio problema… quello che non riesco a capire è come mai sei tanto odiosa, perchè per fare una descrizione detagliata di tutto il libro e trovargli un difetto in ogni minimo dettaglio come lo fai tu, ci deve essere molto odio in te… ti bastava dire sempliemente che il libro non ti è piaciuto perchè trovi la storia troppo “banale”, ok, è un tuo diritto, mica puo’ piacere a tutti, ma basta, fermati qua… non c’è bisogno di farne tutta una descrizione ma poi con una cattiveria mai vista prima d’ora… anche io penso che ci sono alcuni estratti che avrebbero potuto essere migliori, ma penso che la storia in sè è interessante.. poi ognuno ha i propri gusti ma non come lo fai tu… cioè mi pare di leggere la critica di una bambina gelosa di un libro che ha fatto successo… bah…
    cmq oltre il fatto che secondo me on avresti dovuto essere cosi diretta nei tuoi propositi, penso che ci sia un’altra cosa che non HAI IL DIRITTO DI FARE, e cioè dare dell’imbecille alla meyer, perchè tu non la conosci e secondo me vale + di te…. almeno lei ha avuto il coraggio di scrivere un libro (e anche + di uno) e ha fatto un successone (anche se a te non è piaciuto) e la cosa + importante è che il libro è piaciuto a una maggioranza di persone.. tu invece secondo me non saresti cpace nemmeno di scivere un capitolo di una storia potabile…
    comunque penso che mi fermero’ qua perchè anche se ho espresso la mia opinione, penso che non serve a niente parlare a persone come te…

  58. 1028 elmastro

    L’ho definito un “casto harmony adolescenziale in salsa vampiresca”.

    Pensavo fosse un commento caustico e definitivo per questo libro.
    Poi ho letto la tua recensione…

    Gamberetta ti amo!!!!!! (intellettualmente, of course)

    PS
    Ho letto il secondo libro (ero a casa immobilizzato dalla vergogna e da un gesso… ed avevo l’ebook…).
    Poi mi sono deciso a leggere anche il primo (solo a metà però! giuro!).

    Ti prego, recensisci anche il resto della serie…

  59. 1027 ferrarelle

    Salve a tutti,
    volevo solo segnalare che Stephen King si è espresso in merito al lavoro di Stephenie Meyer. È una “recensione” asciutta e abbastanza netta.
    Chissà, forse è soloinvidioso. ;)

  60. 1026 ikustang88

    @ VeRoNiCa

    …complimenti, una lista così lunga di cattiverie la vedo davvero di rado! …nonchè gli errori, chiaramente. Nemmeno gli spazi dopo la punteggiatura sai fare.

    Sognare e sorridere? Ci sono altre cose che stanno dietro il sognare e sorridere, cose che hanno a che fare con la superficialità e il pensiero, e il senso critico. C’è differenza tra dire che un libro è “piacevole da leggere” e farne la propria ragione di vita, o considerarlo la Bibbia.
    Personalmente ho letto i primi tre libri, e credimi, non mi ricordo una sola parola di quello che ho letto. C’è differenza tra lettura d’intrattenimento e libri per cui vale davvero la pena di dannarsi l’anima, e i libri della Mayer non sono tra quelli.

    Non stiamo dicendo che non sono “belli da leggere”. Obiettivamente non sono capolavori. E il problema è che se chi prende in mano un libro per la prima volta ha tra le mani un libro simile, chiaramente i suoi canoni non saranno validi.

    Dimmi. Su che punti di riferimento ti basi per venire a dire a noi che questi libri sono meravigliosi eccetera eccetera? Che libri pensi che abbiano letto tutte le tue compagne “twilighter”? Chissà che libri devi aver letto per trovare Twilight ecc. così eccelsi.

  61. 1025 Sinner

    Ciao Gamberetta, sono un nuovo arrivato.

    Mi ha consigliato questo blog un amico via forum, onestamente, lo trovo meraviglioso.
    Adoro la tua vena sarcastico\zitellica e credo che controllerò più spesso questo sito prima di leggere qualcosa, perchè, seppur dovendo leggere tra le righe, tra un insulto(sempre comunque elegante e di classe), dai dei consigli che reputo utilissimi.
    Comunque il paragone tra Twilight ed il Porno è meraviglioso, complimenti.
    Ed anche la recensione di Bryan di Boscoquieto e blablabla mi ha fatto morire.
    Stima.

    A presto.

  62. 1024 folgorata

    @monichina
    Abbiamo tante cose in comune ma se scrivi così abbreviato, io, data l’età, non ci capisco una bt mnch!

    @Gorelan
    condivido tutto ma spero che non mi attribuisca di aver detto che Meyer sollecita proruti vaginali nelle ragazzine perchè non avresti capito il folgorata-pensiero

    @Sakura
    non siamo sulle medesime posizioni letterarie, ma i tuoi commenti brevi mi scompisciano: “ignori la tua lingua madre”

    @Gamberetta
    scrivo una fantiction su Twilight e ti ho dedicato un piccolo passo:

    Malgrado le ghirlande fossero state portate evidentemente da Emmet, Rosalie sembrava assolutamente all’oscuro di ciò di cui si trattava. Il nasino leggermente lentigginoso era arricciato mentre osservava più da vicino uno degli imbuti della ghirlanda che Alice le aveva appena messo attorno al collo. Ne stava annusando uno:
    «L’odore non è sgradevole…» in quel mentre Rosalie vide una zanzara, un vero evento per un vampiro privo di qualsiasi attrattiva per un insetto emofago. Rosalie aveva ancora lo sguardo ipnotizzato dall’audacia del piccolo insetto dal ventre gonfio e traslucido, pieno di sangue… …umano.
    Rosalie era tanto stupita che Bella temette che la zanzara si precipitasse tra le fauci di sua nuora. Invece l’insetto ripiegò verso uno dei fiori della ghirlanda di Rosalie e… scivolò all’interno.
    «Presto, prendila» rise Alice.
    «Che cosa?» chiese Rosalie schifata.
    Alice non se lo fece ripetere due volte e, con pollice e indice, estrasse dall’imbuto l’insetto che si divincolava. Se lo mise in bocca, succhiò e ripose nel posacenere un guscio vuoto come quello di un minuscolo gamberetto grigio.
    «Sangue! -esclamò trionfante- Sangue umano!»

  63. 1023 Talen

    *Stephenie

  64. 1022 Talen

    Sono cattiva?na mi sa di no,mi sto mooooolto mantenendo perchè non ti conosco ma nn puoi offendere il MIO libro!

    Per la serie: ammazza e stupra pure, ma non insultare il MIO libro!



    Ma il libro non l’aveva scritto Stephanie Meyer?

  65. 1021 Sakura87

    E ignori la tua lingua madre.

  66. 1020 Drest

    Non sei cattiva, sei incomprensibile.

  67. 1019 VeRoNiCa

    tesoro bello di mamma tua,beh,si fa per dire,mi sa ke ti hanno cresciuto in uno di quegli orfanotrofi alla Voldemort style e ora sei bianca e snza vita e tutti ti sfottono e brami contro tutti perchè gli altri sanno sognare e tu no..cioè,nn sono razzista mi dispiace per le persone che hanno una mente limitata come la tua,povera immagino i bigliettini che fai a Natale (auguri e bla bla bla di polemiche inutili sul fatto che il pandoro ti fa chiatta!)…ya ma per favore già una che si chiama come un mollusco!gamberetta,sarai pure rossa come il tuo simile,sai quanta pass ‘o russ’ ti fanno,senti se vuoi ti consiglio un libro:”come rendersi infelici” parla delle persone come te se vuoi,se sai leggere,dato che penso ke il tuo compito nella vita sia quello di convincerti di essere migliore degli altri solo perchè nn scendi di casa e la parola altri con te è ugual alla bontà di un CAVOLO A MERENDA…aspetta ma forse non hai una casa :oh no!aspetta mi dispiace,vabe sei un gambero al massimo te la fai con le cozze amiche tue e invidiate gl umani che sanno sognare,che sanno sorridere…
    Sono cattiva?na mi sa di no,mi sto mooooolto mantenendo perchè non ti conosco ma nn puoi offendere il MIO libro!apri la tua mente limitata tesorino o diventerai come il bimbo de:”il sensto senso”! baci baci esserina

  68. 1018 Tempesta

    Ups, mi sono accorta che il link non si vede ma io l’avevo messo :S

    Scrivo l’Url normalmente…

    http://img261.imageshack.us/img261/8312/06022009092tv0.jpg

  69. 1017 Tempesta

    Ho letto quasi tutti i commenti tempo fa (ci ho messo qualche giorno!) , ma non avevo niente da aggiungere a quanto detto da Gamberetta nella sua bellissima recensione che condivido al 100%.
    …Però giusto ieri, passeggiando, ho visto una cosa che…Mi ha fatto iniziare a sghignazzare e a pensare a Gambery Fantasy!
    Lascio la diapositiva…Della serie un’immagine vale più di mille parole!!

    PS: stiano tranquilli i censori, trattasi di istantanea effettuata in una grande libreria al centro di Roma.
    PPS:…Ora che ci penso non so se violo qualche regola, se si mi dispiace ditemelo che cancello subito tutto!

    Ciao!

  70. 1016 Glorelen

    Una volta tanto mi trovo a dissentire da te, Gamberetta.
    E pensare che per parecchio ho dato retta alla tua recensione girando al largo dai libri di Stephenie Meyer! Poi una mia amica me ne ha parlato in termini entusiastici (lei ne aveva letti già due e stava finendo il terzo, Eclipse), fidandomi dell’opinione di questa amica ho comprato Twilight.
    La lettura è scivolata via in un paio di giorni mentre diverse sensazioni mi attraversavano, ma tra le quali non vi erano nè disgusto, ribrezzo o altro di negativo. Forse un po’ di irritazione per l’imbranataggine di Bella (inciampa di continuo…). Non mi è dispiaciuto, è stata una lettura rilassante, un romanzo carino, una storia d’amore molto dolce. La curiosità di andare a vedere come finiva la storia mi ha fatto comprare New Moon e… il giorno dopo ho comprato Eclipse e… un paio di giorni prima di finirlo ho preso anche Breaking Dawn. Sicuramente i romanzi successivi sono di livello superiore ma va bene così perchè la storia segue un suo naturale crescendo di pathos, azione, sensualità e horror (Breaking Dawn ha dei passaggi piuttosto forti).
    La storia dei vampiri di Sthephenie Meyer ha una sua originalità che si distacca dall’iconografia classica dei vampiri di Stoker e Le Fanu per avvicinarsi più ai vampiri di Anne Rice. Edward Cullen è un moderno Louis, tormentato dal conflitto tra la sua indole di cacciatore implacabile e il suo rispetto per la vita umana, convinto di essere una creatura dannata e senz’anima e perciò condannata per sempre a essere un outsider, vivendo la sua immortalità al fianco degli umani senza poterne condividere le emozioni e la quotidianità. Condannato per l’eternità a essere solo. Finchè conosce Bella. Il fatto che il sangue di Bella abbia un odore così irresistibile mette per la prima volta Edward con le spalle al muro, mettendo in dubbio l’intera filosofia su cui si basa la sua esistenza. Edward fugge, ma poi ritorna per cercare di affrontare i suoi demoni, per vincere la bestia che è dentro di lui, perchè in fondo vuole quello che ogni uomo desidera e brama: l’amore.

    Tutto il resto che hai tirato in ballo: gli GNOKKI, il CEREBROLESO, le TEEN-AGER IN CALORE sono argomenti opinabili.
    - I VAMPIRI SONO GNOKKI – certo e lo spiega lo stesso Edward a un certo punto: il vampiro ha un bell’aspetto, ha un buon odore, è irresistibile come certe piante carnivore dai colori sgargianti, dal profumo e dal nettare invitanti ma letali per la preda che ne è irresistibilmente attratta.
    - IL CEREBROLESO – Edward è nato nel 1901 e va ancora al liceo. E’ una copertura per poter vivere una vita pseudo normale in una minuscola cittadina (sempre legato a quel bisogno di non perdere la propria umanità) . Ormai è al penultimo anno di high school, poi l’intero clan sarà costretto a migrare perchè, chiaramente, nessuno di loro invecchia e la cosa comincerebbe a insinuare dubbi negli umani.
    - LE TEEN-AGER IN CALORE – e allora? E’ normale che una ragazza di quindici anni sbarelli leggendo Twilight. Io ne ho 34 e anche io mi sono ritrovata emozionata dopo la lettura di certi passaggi, ma la mia età mi permette di analizzare meglio queste emozioni ed esporre il perchè siano state suscitate, le ragioni che hanno spinto la mia mente ad apprezzare questi romanzi. Se avessi avuto anche io 15 anni mi sarei infervorata senza esprimere chiaramente le mie ragioni. E’ una questione di maturità (nel senso anagrafico), di esperienza, magari anche di un bagaglio culturare un po’ più consistente (sempre dovuto all’età). Non vedo in Twilight nè negli altri libri della Meyer un preciso intento di suscitare pruriti vaginali nelle ragazzine. Non credo che Mr Darcy susciti pensieri del tutto casti in una lettrice… eppure Jane Austen non ha fatto altro che far muovere e parlare un personaggio, come la Meyer con Edward Cullen.

  71. 1015 Sakura87

    No, lasciamo in pace il Topolino dai xD lo adoravo da piccola e lo leggo ancora se mi capita tra le mani. La Walt Disney è veramente una cosa che non ha età.

  72. 1014 .:Monichina.:

    hiha:
    commeno sl 1 cosa,xkè x il resto sarei ripetitiva visto il fatto ke hai detto le stesse cose dialogate in precedenza.
    manga=fumetti=disegni pe rbambini=minnie e topolino
    sono daccordo cn te,non mi sembra affatto giusto giudicare gamberetta solo perchè legge manga,si possono conciliare passioni diverse….per essere attinenti?carlisle è un vampiro e fa il medico!
    Ma comunque non è vero che minnie e topolino sn per bambini..io leggo topolino..certo ho 11 anni…ma su opolino scrivono lettere persone di 21…40…

  73. 1013 Hime

    Sono senza parole.
    Ho letto tutte le recensioni e mi sono resa conto che molte persone davvero amano parlare a vanvera!
    Tanto per iniziare:ho letto Twilight. Non dico che sia orribile,ma per certo è costellato da un’infinita serie di banalità,frasi fatte,situazioni bollite e cose trite e ritrite.
    L’elemento passionale non esiste,il senso tragico o dell’orrido ancora meno…
    Alcune note:
    1)pornografico si intende appunto qualcosa che vive di una serie di immagini,senza una storia valida a supporto. In questo senso è vero che il libro lo è,perche si fonda su una serie di situazioni preconfezionate.
    2)Ho letto vari commenti ostili sui manga!E mi hanno fatto veramente inca**are come una iena!Come osate definire i manga come se fossero spazzatura!Anzitutto in genere si tratta di storie ben articolate e dettagliate che appoggiano tavole splendide.
    Quindi Gamberetta ,essendo(oltre che una grande lettrice)anche una lettrice di manga non avrebbe diritto di recensire un libro!
    Non ho parole di fronte a tanta ignoranza!
    La gente vive di preconcetti melensi,fritti e nauseabondi tipo
    manga =fumetti=disegni per bambini=Minnie e Topolino.
    Ma dai…come si può??Molti manga sono veri e propri capolavori universalmente riconosciuti e mandano dei messaggi importanti e non banali.
    A questo punto credo che conoscere sia il presupposto fondamentale per esprimere un’opinione.
    3)E’ vero, la Meyer rivoluziona(o meglio stravolge) il tradizionale universo dei vampiri. Io non credo che di questo le si possa fare una colpa dato che se non ci fossero le variazioni sul tema sarebbe tutto molto noioso. Quel che invece mi ha urtato di questi OGM(da lei chiamati Vampiri) è la sconcertante perfezione,quasi che la corruzione che li ha toccati fosse stata un gran colpo di Cul*!
    A questo punto dov’è il tormento?il desiderio?La penalizzazione di questa vita “tanto orrida”!
    Che brutta cosa essere dei fighi da paura,che non invecchiano,sbrilluccicano al sole,essere forti e resistenti come dei cingolati,essere veloci come fulmini e aggrazziati come ballerine. Ma tu pensa che sfiga!e che tormento atroce!
    E poi diciamocelo:fossi stata nel protagonista neppure io avrei vampirizzato Bella…pensa che pacchia stare per l’eternità con una piattola lacrimosa con una capacità di uscire dagli schemi pari a
    zero.
    EPPURE…non ho ancora letto gli altri libri…MA sento che lui la vampirizzerà!AHAHAHAHAH…La Meyer non vorrà lasciare a bocca asciutta tutte le ragazze che sognano questo momento.
    E poi questi vampiri…diciamocelo…a me sarebbero piaciuti di più se fossero stati dei bevitori di sangue umano. Insomma perchè farli andare contro la propria natura?
    E poi che due palluzze questa storia dell’odore di Bella. La scrittrice non ha per niente sviluppato bene l’esplosiva potenzialità del rapporto vittima- carnefice.
    Poteva davvero essere un libro senza precedenti,ma la Meyer si è giocata il materiale che aveva in maniera appena decente.
    Condivido Stephen King quando dice che non è originale e il suo scrivere è poca cosa.
    Gamberetta ti quoto. Hai la mia solidarietà anche per quanto riguarda “Le abominevoli cronache” di Licia Troisi.

  74. 1012 alice90

    sono a metà libro…. oh, ma è proprio brutto, cavoli. Me lo sto trascinando da circa un mese.
    Concordo con tutto ciò che ha scritto Gamberetta ed è vero che tra Bella e Edward non c’è passione. Non hanno nemmeno una cosa in comune e la dolce scoperta di alcuni caratteri dell’altro si riduce in un interrogatorio in macchina, noiosissimo tra l’altro.
    Odio Edward, per me è troppo inverosimile come personaggio e lo detesto quando, ogni due righe, c’è scritto che ride o sorride. Mi vien voglia di strozzarlo.
    Poi ci sono mille altre schifezze, ma non posso dilungarmi.
    Ciao

  75. 1011 .:Monichina.:

    èda un po’ ke nn scrivo….commenterò in generale….bè…ironia nn tanto…l’ironia si capisce…ma lei ha espressamente detto,come frase iniziale,senza prima dire niente”se vedessi la mejer attcata a un cornicione le schiaccerei le dita”(o qualcosa del genere)….
    Io e fologorata abbiamo tante cose in comune,anche senza considerare l’età!
    Ho 11 anni,ma nn sn stupida!Ovviamente nn voglio fare l’esploratrice!adesso!la mia ispirazione sarebbe cuoco…o qualcosa che abbia a che fare con le lingue…
    comq secondo me le abbreviazioni sn belle per comunicare parole e pensieri velocemente
    Ora dv andare…ciao a tt!

  76. 1010 Zanchetta

    Cavolo ha già detto tutto Kib.. Posso soltanto sedermi davanti al pc e quotare in pieno..
    personalmente se un ragazzo venisse da me e provasse soltanto a intraprendere una delle innumerevoli conversazioni scritte dalla Meyer se ne andrebbe con un occhio nero e una gamba fratturata >_>
    E pensare che c’è gente che fantastica su certe porcherie -.-

  77. 1009 kib

    Mamma mia che ignoranza che c’è in giro. Ignoranza con la ‘I’ maiuscola.
    Bimbeminkia a frotte, dovunque, che scrivono commenti sgrammaticati in difesa di qualcosa d’indifendibile.
    E’ inutile che ci prendiamo in giro, Gamberetta ha ragione. Ho letto personalmente il primo romanzo, non perchè fossi particolarmente affascinato dall’inesistente trama ma perchè mi è stato consigliato in quanto “fenomeno mediatico”.
    Beh l’ho letto, e per quanto inutile e insulso, ringrazio almeno Iddio che sia scorrevole alla lettura, così da esser finito in un battibaleno!

    La Meyer è melensa, ripetitiva, noiosa e pesante.
    Non è possibile arrivare a usare la parola ‘perfetto’ ad un ritmo di circa 4-5 volte ogni 10 battute. Non ha minimamente senso.
    Il secondo libro, poi, l’ho letto per 20 pagine prima di cestinarlo.
    Lento e noioso, si perde ore a descrivere il più piccolo pelo pelvico di Edward per poi fare – sì, in sole due pagine – un salto temporale di mesi. Mah…

    Riguardo ai commenti delle bimbeminkia…beh, nessuno ha colto l’ironia di Gamberetta che, sono certo, non andrebbe veramente a uccidere la Mayer nè la Troisi, quanto quegli imbecilli che l’hanno pubblicate!
    Scherzi a parte, bisognerebbe saper cogliere l’ironia, il sarcasmo e la retorica, prima di imbestialirsi e sputare veleno addosso a una persona che, per quanto poco simpatica possa starvi, ha fatto una recensione solo per evitarvi di sprecare inutili secondi preziosi della vostra vita!

  78. 1008 Enrico

    Purtroppo quanto scrive Talen è vero, la stesura di ‘Midnight Sun’ è attualmente sospesa e non si sa se e quando ripartirà, la traduzione presente sul blog offre però l’occasione di leggere almeno la prima parte del volume.

    Sui futuri progetti della Meyer, ho letto in un intervista che l’autrice sta lavorando ad un nuovo libro (evviva *_*), non si sa se si tratti di un seguito de ‘L’Ospite’ o un nuovo progetto, ma pare sicuro che non sia legato alla saga di ‘Twilight’.

  79. 1007 Talen

    Io ho letto Twilight – New Moon – Eclipse – Braking Dawn. Sto aspettando che esca quello che racconta Edward. Ciao a Tutti -^^*

    Intendi Midnight Sun? Mi spiace, ma la Meyer ha sospeso il progetto a tempo indefinito; però ha affermato di star lavorando ad altri progetti. Che siano libri o meno non so dire, visto che la scrittrice ha preferito non approfondire.

    Puoi trovare i primi dodici capitoli -pubblicati online senza il consenso dell’autrice, tradotti amatorialmente- su http://midnightforever.iobloggo.com/

  80. 1006 folgorata

    @ my._.
    Beh probabilmente gli amanti delle buone letture sono irritati dallo spettacolo di entusiasmo collettivo per un prodotto che non capiscono. E non ne capiscono i pregi non per colpa, ma per differenza: semplicemente perchè la saga di Twilight non soddisfa i loro bisogni di lettori.
    Non sono d’accordo sul fatto che Twilight sia un fantasy. Infatti, sebbene sia molto diverso come abientazione da “Tre metri sopra il cielo” , appartiene al medesimo genere rosa. Poi sai, non è che tutti i “rosa” abbiano il medesimo pubblico. Georgette Hayer sulle orme della Austin, scriveva un rosa molto brillante e intelligente fondato su dialoghi teatrali. Ovvio che uno a cui piace la Hayer non può subire il richiamo di un libro come “Tre metri sopra il cielo” che fa della sua romanità e del giovanilismo dichiarato il suoi punti di forza.
    Dal canto suo, Twilight credo abbia attratto per l’accenno gotico al vampiro e poi invece che il fenomeno sia esploso in base al passaparola che lo ha promosso come una storia di romanticismo esagerato.

  81. 1005 my ._.

    ma io non riesco a capire perchè alcune persone trovano oppotrunuo odioare qualcosa di famoso che piace ad altre persone.. in questo caso quì si parla di Twilight.. vorrei sapere perchè odiarlo.. cioè.. ci sono persone a cui piace e quelle no.
    E poi è inutile dire che è patetico e cose simili perchè se si ha un po’ di buon senso e si è obbiettivi mettendo a secondo posto i gusti.. si nota che non è roba poco.. se facesse così pena non avrebbero pubblicato nè il libro e le tre continuazioni e non avrebbero fatto il film.
    Il film si che fa schifo lo hanno fatto malissimo, se non si legge il libro non si capisce preticamente niente.
    Poi mi sembra di aver letto che qualcuno lo paragonava con -tre metri sopra il cielo- ma dai cioè cono dua cosa praticamente diversissime 3MSC è una storia reale d’ amore mentre Twilight è fantasy. Non vedo perchè paragonarli..
    Comunque, apparte gli ”insulti” io adoro Twilight e il testo della saga.. e ammetto che parecchie delle mie conoscenze non lo apprezzano.. anche se non hanno nè visto il film nè hanno letto il libro.
    Io ho letto Twilight – New Moon – Eclipse – Braking Dawn. Sto aspettando che esca quello che racconta Edward. Ciao a Tutti -^^*

  82. 1004 folgorata

    L’angolo dei complimenti
    Trovo che questo forum sia magnifico, ha fatto il miracolo di far parlare insieme di libri gente di tutte le età e con gli interessi più diversi. Finchè non abbiamo rivelato le età rispettive, io e “il mio nome è segreto” abbiamo dialogato su un piano di perfetta parità: lei anni 11, io anni 48! Inoltre molti di coloro che scrivono cercano di dare il meglio. A partire dall’autrice della recensione.

    Ma parliamo di Twilight and sequel,
    più che attaccare gli amanti della saga, o i denigratori, prendendo di mira i bisogni che vicendevolmente vengono attribuiti a spiegazione dell’amore o del disprezzo… (sei una sfigata arida che non sa lascarsi andare ai sentimenti ; sei un sfigata in fase ormonale che si fa sfruttatare da un mercato editoriale mistificatore… ) Occorrerebbe dissertare sul punto stilistico. Chiedersi cioè se questi romanzi siano in grado di appagare i bisogni dei lettori per i quali sono stati concepiti.

    Angolo della ripetizione
    Come ho già avuto modo di scrivere qui, Twilight è un romanzo di genere, (genere rosa) e come tutti i romanzi di genere ha come missione l’appagamento di precisi bisogni annidati nel pubblico di lettori cui si rivolge. I romanzi rosa, anche i più tradizionali, soddisfano nelle donne cui si rivolgono un ruolo molto simile a quello che svolge una più esplicità attivita onanistica nei giovani maschi. (l’attività onanistica è quella roba che non fa diventare ciechi).

    Angolo della pedanteria per i paternalisti che cercano lavoro
    a. il mio lavoro è stabile come quello di un idraulico che ha aperto bottega da 15 anni. Prima sturavo tubi sotto padrone, poi il padrone è diventato presidente del consiglio e sti tubi erano sempre così tanto pieni di… che insomma ho deciso di sturare cessi per conto mio. Amo la mia attività ma, come dire, si vive con la tenaglia tra i denti.
    b. la guerra per il lavoro non finisce mai.
    c. la mia età non è un offesa e sono ben felice di esserci arrivata E poi sono una splendida cinquantenne. E non è vero che “Buona Lana” mio marito mi chiama “Dissenteria di cavallo”: era un gioco rivolto a “Il mio nome è segreto”.

  83. 1003 Magico Cagliari

    non scrivi male, ma a tratti traspare un accanimento che va evidentemente oltre l’astio o l’irritazione che possa averti causato il leggere quella roba, così facendo “mostri il fianco” su quelli che potrebbero essere le motivazioni reali di tanto odio, e i risultati li hai sotto gli occhi anche tu.

    ah, sul’augurio di morte all’autrice : anche se personalmente condivido è davvero una trovata becera e caciarona, fossi in te eviterei, è davvero una caduta di stile.

  84. 1002 DelemnO

    Ma questo dato anagrafico mi permette di replicare a Cayman e Sakura87 che fanno un po’ di paternalismo: “Quando sarai grande capirai. Voglio uno straccio di lavoro. Me ne frego dello gnokko”.
    Vorrei timidamente chiedervi se coltivare sogni romantici debba per forza confliggere con le ambizioni professionali

    Mai detto questo. Il “crescerai”, per me era dovuto a un semplice fatto che effettivamente crescendo si evolvono le proprie opinioni in materia di moltissime cose, è successo anche a me. Io sì, voglio un lavoro. Una persona della tua età ( senza offesa, chiaramente), con un lavoro presuppongo stabile è ovvio che non veda il problema, ma data la situazione odierna trovare un lavoro è mooolto più difficile che trovarsi un ragazzo, se poi si tratta di un buon lavoro inerente ai propri argomenti di studi, allora è più probabile essere rapiti dagli alieni.
    Questo è un fatto. Poi è chiaro, non è che uno debba rinunciare all’ammore, (scritto volutamente così XD), io il ragazzo ce l’ho, ma il riferimento alla vicenda dello gnokko voleva essere, almeno per me, una questione del “voglio farcela nella vita senza bisogno di essere salvata dallo gnokko di turno”, credo fosse questo il senso, ecco.

    @Sakura
    Vero, vero Xd Gojyo è simpaticissimo, mi piacevano molto anche Hakkai con quel visino adorabile e il principe Kogaiji.

  85. 1001 Xanadu

    Fortunatamente Sailor Moon e Buffy (anche Ripley si) per qualcuno sono esistite ^^ ci vuole poco a fregare le adolescenti arrapate o semplicemente le persone un pò sole e purtroppo Twilight e soci fanno leva su questo,creando mostri alimentando fantasie imbecilli >_<

  86. 1000 folgorata

    Ringrazio “il mio nome è segreto”, alias “Monichina”, alias sottaceto… Ricambio la stima. E’ stata fatta dell’ironia sulle “bbimbemminchia” ma avercene di gente che a 11 anni legge e scrive che cosa pensa. Se poi lo fa con la delicatezza di Monichina, è ancor meglio.
    A proposito anche per me c’è stato un tempo in cui mi chiamavano Monichina e mio marito ancora a volte usa questo diminutivo, altre volte invece, “dissenteria di cavallo”.

    Eh sì, potrei essere la nonna della mia omonima. Ho 48 anni.

    Ma questo dato anagrafico mi permette di replicare a Cayman e Sakura87 che fanno un po’ di paternalismo: “Quando sarai grande capirai. Voglio uno straccio di lavoro. Me ne frego dello gnokko”.
    Vorrei timidamente chiedervi se coltivare sogni romantici debba per forza confliggere con le ambizioni professionali. E’ l’istinto, il temperamento. che ci getta l’uno nelle braccia dell’altro; altrimenti non saremmo in otto miliardi su questo pianeta. Cayman e Sakura87, anche se vi concentrerete al massimo sul lavoro, nulla vi potrà esimere dall’innamorarvi perdutamente.
    Io faccio un lavoro non ricco ma che mi piace molto, mi occupo di libri, e ho al mio fianco un marito detto “buona lana” per la sua solarità:-).

    Qualcuno ha detto che Twilight è roba per ragazzine in fase ormonale,
    non è vero a me è molto piacuto. Eppure gli anni sono tanti, il marito è in forze e gli ormoni sono ahimè pochi . Anche mia figlia (19 anni, di buoni studi) ha molto apprezzato la saga e “Buona lana” mio marito è strato costretto a leggere il primo libro con il ricatto.
    Può essere interessante forse conoscere l’opinione di un uomo senza grilli per la testa: ha detto che secondo lui è una fantasia malata. E che secondo lui viene magnificato (bello, buono. bravo) un personaggio che si comporta male perchè Edward sa di condurre Bella alla morte e non se ne tiene lontano. Tanto più che Edward sa di poter contare sulla capacità di “incantare” con lo sguardo. E’ consapevole di plagiare Bella senza che la ragazza abbia possibilità di difendersi. Ha giudicato la lettura scorrevole e leggera.

  87. 999 Kalali

    O raga…è da un po’ che non mi faccio sentire, e non escludo la possibilità che per molti di voi sia meglio così, ma non ho potuto fare a meno di fare ogni tanto un salto in questo blog. Devo ammettere che c’erano volte in cui mi sono piegata in due dalle risate nel leggere tutte le stupidaggini scritte in questo blog, altre invece in cui non potevo che qui hanno scritto davvero delle cavolate di proporzioni gigantesche,come direbbe Your Alice.
    Però mi sono accorta anche di un’altra cosa: stare qui a sparare insulti e cretinate di ogni genere non serve proprio a niente. Voglio dire, non possiamo semplicemente discutere con delle valide argomentazioni senza offenderci a vicenda? No, dobbiamo per forza insultarci reciprocamente. Ma fermatevi un attimo e riflettete: alla fine chi é che ha la ragione e la verità nel palmo della mano? Be’, magari la verità non è sempre la stessa per tutti. Una cosa può essere vera per qualcuno, mentre per qualcun altro invece quella cosa può risultare totalmente assurda e priva di senso. Perciò smettiamola con questi commenti sarcastici, e ragioniamo come persone intelligenti, perchè in questo blog non c’è praticamente nessuno con delle valide argomentazioni, e parlo in generale.

  88. 998 Gamberetta

    @Sakura87.

    Infine, avevo una domanda per Gamberetta, anche se (non a torto!) non la vedo intervenire qui da un po’: hai un account su Anobii? Mi piacerebbe conoscere i tuoi gusti e le tue opinioni =)

    Sì, ho un account su anobii, qui. Mancano diverse cose “vecchie” ma riguardo le ultime letture è aggiornato. Però, a parte le stelline, non ci sono giudizi.

  89. 997 Sakura87

    Delemno, sono stata e sono ancora follemente invaghita di Gojyo =) lui sì che, anche senza quattrocento pagine di paroloni, ha una caratterizzazione sovrumana! (lui e anche gli altri)
    Ma beh, io considero Kazuya Minekura un’autrice di talento. E non ho detto ‘fumettista’ perchè sarebbe riduttivo: anche se i suoi disegni sono da cardiopalma, trovo che il suo maggior pregio stia nella poesia delle descrizioni situazioni e personaggi.

    Infine, avevo una domanda per Gamberetta, anche se (non a torto!) non la vedo intervenire qui da un po’: hai un account su Anobii? Mi piacerebbe conoscere i tuoi gusti e le tue opinioni =)

    ^Simona^

  90. 996 DelemnO

    No, forse non hai capito quello che io ho scritto.
    Io non voglio un principe azzurro, da grande. Io voglio uno straccio di lavoro, il marito è secondario, e probabilmente non capirai la cosa perchè hai ancora undici anni. Io intendevo dire che quasi tutte, oltre a una vita reale, hanno sogni e fanrasie, e le mie sono diverse dalle tue e dalle lettrici di Twilight perchè non gradisco i vampiri effeminati e statuari e non gradisco di sognare di essere una preda salvata dal bel figo. Ma i sogni sono sogni, punto. Ho avuto -e ho ancora- una fissa per un manga, tal Saiyuki di Kazuya Minekura, e una cotta piuttosto forte per un personaggio, ma non mi sono mai sognata di considerarla

    Ahaha, concordo in tutto. Che triste che oggi si desideri essere solo la principessina da salvare, anche se a 11 anni è per lo meno sopportabile..io a quell’età volevo fare l’esploratrice, ah , le generazioni di oggi..Posso sapere di chi ti eri presa una cotta in Saiyuki, che adoravo anche io? Ho tutta la prima serie, uno dei pochi manga che mi siano mai veramente piaciuti.
    Comunque, tutti abbiamo sogni, è chiaro, ma veramente, come ha detto Sakura, quello che veramente è difficile ed importante adesso è trovare un lavoro decente, non uno gnokko. Poi vabbè, sei giovine e capirai ;-)

  91. 995 Sakura87

    @Imo: per essere un libro, è un libro. Ha quattrocento pagine, una copertina, e viene commerciato e pubblicizzato :D

    Sul fatto che sia un buon libro, anzi, anche solo un libro decente, beh, questo è da discutersi.

    @Monichina:

    Io so cos’è una recensione: quando una persona legge il libro e lo commenta in modo serio e autorevole,valutando tutte le sue caratteristiche.
    Se per te è serio ed autorevole augurare la morte alla scrittrice e alle sue fans….

    Ehm, monichina, ti sfugge una piccola cosa chiamata ironia.
    Una recensione, come stavo tentando di spiegare a una poco arguta signorina sopra di me, non ha l’intento di far cambiare idea, ma di esprimere il proprio punto di vista perchè i lettori abbiano ben chiaro se il recensore consiglia quel libro o no. Una recensione può far uso o meno di ironia: la satira televisiva ne è piena, e anche la vita quotidiana.
    Se un mio amico mi prende in giro con una battuta poco carina, io a volte gli rispondo ‘Ammazzati!’. La qual cosa non significa che auguro al mio amico una morte lenta e atroce sotto un tir, nè che ve lo spingerò io stesso, intendo semplicemente dirgli che gradirei la smettesse di prendermi in giro, e rendo l’idea più che con un semplice ‘E dai, Guido, smettila!’.
    Quando un noto comico di Zelig canta una deliziosa tarantella al ritmo di ‘Evviva La Russa che sa fare la difesa, evviva Mattioli che sa fare strade e viali, evviva Tremonti che sa fare bene i conti, e la Gelmini che sa fare i p…’, io dubito che effettivamente Checco Zalone intendesse che la nostra carissima ministra batta la tangenziale di Milano. E’ satira, ironia, punto.
    Potrei continuare a lungo, ma credo che, almeno per chi ha occhi per leggere e sinapsi per capire, il messaggio sia chiaro.

    Ah ah ah.No ma perchè ancora non sei a zelig?No perchè faceva ridere la battuta sul cuore (sèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè certoooooo cm no!)

    Puoi aiutare imo a zelig cn la tua nuova battuta sullo stomaco

    Ah, bene, Zelig lo guardi anche tu (forse) =) quindi forse il mio esempio sull’ironia non ti sarà troppo difficile da comprendere.

    Nn credo che si possa giudicare una persona dal fatto ke usi abbreviazioni(certo,troppe poi nn si capisce niente,tipo quando tolgono sl una lettera a una parola,a sto punto scrivila tt!).

    *Io* lo considero sinonimo di ignoranza e poca cura nell’esprimersi. Voi che lo usate non saprei. Personalmente sono in una facoltà di lettere, nonostante lettere sia gremita di ignoranti che scrivono in tal modo.
    Internet non è un sms, e poi ormai quasi tutti li hanno gratis, i messaggini. Quindi non vedo perchè scrivere in aramaico quando le lettere dell’italiano sono ventuno. Personalmente non rispondo alle amiche che mi mandano sms scritti così, e blocco chiunque si permetta di scrivere così su msn. Antipatica e presuntuosa? Può darsi. Ma coerente.

    Cmq anch’io sogno di incontrare il mio bell’Edward quando sarò grande(ho 11 anni),ma ciò nn mi impedisce di essere adesso(e anche dopo magari di qualcun’altro) “invaghita” di un mio compagno,non cerco la perfezione,(come Edward) mi basta la semi-perfezione XD

    No, forse non hai capito quello che io ho scritto.
    Io non voglio un principe azzurro, da grande. Io voglio uno straccio di lavoro, il marito è secondario, e probabilmente non capirai la cosa perchè hai ancora undici anni. Io intendevo dire che quasi tutte, oltre a una vita reale, hanno sogni e fanrasie, e le mie sono diverse dalle tue e dalle lettrici di Twilight perchè non gradisco i vampiri effeminati e statuari e non gradisco di sognare di essere una preda salvata dal bel figo. Ma i sogni sono sogni, punto. Ho avuto -e ho ancora- una fissa per un manga, tal Saiyuki di Kazuya Minekura, e una cotta piuttosto forte per un personaggio, ma non mi sono mai sognata di considerarla

    la mia ragione di vita

    . Il manga restava dentro la libreria, punto.
    Mi fa piacere che tu abbia una vita sociale, sai, ci sono persone che confondono a tal punto la realtà con la fantasia da sentirsi in dovere di restare single per preservarsi fino all’incontro con il cantante giapponese preferito. E no, non sto raccontando la trama di un manga: ne ho conosciute.
    Auguri con il tuo ragazzino.

    Un pessimo libro secondo TE.ci tenevo a precisare.

    Superfluo precisare. Se io scrivo, quando non diversamente specificato, è ovvio che sottintenda ‘secondo me’. Poi non so se tu quando rispondi con un post intendi che tutto ciò che scrivi sia vero.

    ^Simona^

  92. 994 Imo

    Monochina……….

    Ma hai 11 anni, che carina! Spero che il tuo compagno ti noti e, se sarai veramente fortunata, non avrà denti avvelenati! E nonostante tu sia stata piuttosto indigesta nell’esprimerti verso di me, trovo la cosa molto appassionante!
    Se non leggi solo Twilght (come, credimi, molte delle tue coetanee), hai tutta la mia stima.
    D’altra parte immagino che a 11 anni, tu abbia una così vasta conoscenza della letteratura, da poter dire con assoluta certezza che Twilight è “PIU’ CHE DEGNO DI ESSERE CHIAMATO LIBRO”.
    Ma i gusti sono gusti. A te piace, a me ha fatto vomitare!
    Spero di poter essere abbastanza libero per dirlo!
    Grazie!

  93. 993 .:Monichina.:

    Ricordo sempre che sono il mio nome è segreto ma ho cambiato nick:

    Gugand:
    Non lo so,nn ho ancora visto il film…

    Dalemno.
    Certo il libro non doveva essere un bestseller,ma cmq fin da piccola si capiva che aveva “la vena della scrittrice” se così posso dire.

    Sakura
    Io so cos’è una recensione: quando una persona legge il libro e lo commenta in modo serio e autorevole,valutando tutte le sue caratteristiche.
    Se per te è serio ed autorevole augurare la morte alla scrittrice e alle sue fans….

    Imo
    Puoi chiamarmi sottaceto,muffa in scatola,dissenteria di cavallo… ke siceramente nn me ne frega una c***o.
    Cmq Twilighe è PIù CHE DEGNO DI ESSERE CHIAMATO LIBRO,che poi tu non la pensi così è un altro discorso.
    E poi credo che i grandi scrittori(se tali si possono definire)non si sbellichino in faccia a una scrittrice se il suo libro non fa successo e tantomeno se lo fa;inoltre se viene paragonato ingiustamente (come pensi tu)o con ragione(come penso io) a uno dei suoi libri non si mette a rotolarsi nella tomba. Poi magari io vivo in un altro mondo….

    Povero mentecatto:
    Poche parole ,ma giustissime !

    Imo :
    Ah ah ah.No ma perchè ancora non sei a zelig?No perchè faceva ridere la battuta sul cuore (sèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè certoooooo cm no!)
    Nn credo che si possa giudicare una persona dal fatto ke usi abbreviazioni(certo,troppe poi nn si capisce niente,tipo quando tolgono sl una lettera a una parola,a sto punto scrivila tt!).
    IO uso molto le abbreviazioni,e di mia regolare lettura sono la Rowling e Lewis.

    Sakura:
    puoi aiutare imo a zelig cn la tua nuova battuta sullo stomaco!
    Cmq anch’io sogno di incontrare il mio bell’Edward quando sarò grande(ho 11 anni),ma ciò nn mi impedisce di essere adesso(e anche dopo magari di qualcun’altro) “invaghita” di un mio compagno,non cerco la perfezione,(come Edward) mi basta la semi-perfezione XD
    Un pessimo libro secondo TE.ci tenevo a precisare.

    Folgorata:
    Mi lasciano sempre stupita la saggezza nelle tue parole e i termini che usi. Scusa,ma quanti anni hai ?Non sn cose da chiedere a una donna,ma….usi un linguaggio così raffinato…ti ammiro!

    Caiman:
    Ancora twilight nn è la mia ragione di vita,lo ammetto,è arrivato trpp tardi…ormai mi ha conquistato la Rowling con HP….mia “ragione di vita” da due anni ormai…..e cmq nel mio paese (o almeno delle persone che conosco io)nessuno dei due romanzi ha schiere di fan…le mie amiche quando ne parlo fanno una faccia come dire : ” Chèèèèèèèèè hai detto?!?

  94. 992 Cayman

    ma se è questa carica emotiva personale a far diventare il libro la ragione di vita non è perlomeno stupido che succeda solo alle ragazzine troppo ormonali di avere tutte insieme come ragione di vita lo stesso romanzo e che, tra l’altro, cambi ogni sei mesi circa?

    se deve diventare una ragione di vita perlomeno dovrebbe essere una scelta personale… non una scelta di gruppo… secondo me siamo molto più vicini all’autosuggestione di massa che a un’esperienza catartica…

  95. 991 folgorata

    Grazie Mentecatto mi piace il tuo tono disteso.
    Ma la domanda di Sakura 87, “Twilight può mai essere una ragione di vita?”, è stimolante. Un libro può diventare una ragione di vita? Vorrei citare a memoria Carlo Ruiz Zafon che ne “L’ombra del vento” ci dice che “i libri sono specchi”. In essi si riflette il portato del lettore. Se il lettore è passionale, appassionato… anche un libro può diventare ragione di vita. I saggi filosofici in particolare o i testi religiosi possono senz’altro esserlo. Ma può esserlo un romanzo? Beh non escluderei che per chi è passionale in tutti i propri entusiasmi, un romanzo possa alimentare delle piccole ossessioni di ciclo. E lo credo in particolare nel campo del romanzo romantico. Non è un libro, bensì un film… ma “Un uomo e una donna” di Lelouch ha informato l’immaginario sentimentale di una generazione, (quella dei miei genitori che avevano 30 anni negli anni sessanta.) Lo stesso dicasi di “Love story” per la generazione successiva…

  96. 990 Sakura87

    @Povero mentecatto:

    I romanzi delle Meyer non impegnano il cervello dei lettori?
    Forse, ma il loro Cuore di certo si.

    Di certo impegnano il mio stomaco.

    Io non sono contro una visione rosa della vita, quindici anni li ho avuti anch’io e anche adesso che ne ho ventidue mi faccio i miei bei sogni di principi azzurri, che però vista la mia età e i miei gusti non sono più effemminati e pallidi biondini con le occhiaie, ma virili e muscolosi mercenari con la barba e la faccia mezzo sfregiata (sì, mi sono invaghita di Sandor Clegane delle Cronache del ghiaccio e del fuoco). Ma nonostante tutto ho un ragazzo, una vita sociale attiva, e Le cronache restano nella libreria, non sono certo la mia ragione di vita. Il gusto del romanticismo potrà variare da persona in persona (io preferisco gli scontri di cappa e di spada al vampiro che mi salva), ma ciò non toglie che un pessimo libro resti un pessimo libro.

    ^Simona^

  97. 989 Imo

    “Luci e ombre del primo amore”…speriamo che non tutti i primi amori siano stati così!

    Detto questo, dubito fortemente che uno che scrive frasi tipo “nn capite niente x’ la st di edward e bella è tt la ns vita e qndi Twilighters di tt il mondo fate vedè come siamo tt unite” possa veramente apprezzare Virginia Woolf…ma potrei sbagliare!
    In ogni caso qui non si parlava di questo. Ti posto l’ultima parte del mio intervento:

    “Posso capire tutto: gli adolescenti con la loro visione di mondo romantico e tutto rosa; il piacere di leggere un libro che non impegna il cervello; l’infatuazione per i capelli di Robert Pattinson o per la faccia mono-espressione di Kristen Stewart; la gioia di condividere una passione con le amiche; l’idea che i cattivi possano diventare buoni… tutto…
    Ma che la saga della Meyer sia un capolavoro, è uno schiaffo in faccia a oltre 1000 anni di letteratura degna di questo nome: ridicolo, da pazzi e completamente inaccettabile.”

    Era sul fatto che la Meyer sia considerata una GRANDISSIMA scrittrice che dissentivo.
    Anche a me Twilight ha impegnato il cuore: per poco mi veniva un infarto mentre leggevo tutte le scempiaggini che ci sono scritte.

  98. 988 Povero mentecatto

    Si può amare la letteratura classica ed adorare tutte le opere di Virginia Woolf senza per questo snobbare un romanzo sulle luci ed ombre del primo amore (arrivato con qualche decade di ritardo, per uno dei due protagonisti…)

    I romanzi delle Meyer non impegnano il cervello dei lettori?
    Forse, ma il loro Cuore di certo si.

  99. 987 Imo

    Madonna che palle ste bimbeminkia che odiano essere chiamate bimbeminkia e poi scrivono “W Twilight e Twlighters non permettete che persone come questa possa cambiare il vostro pensiero”… Posto che magari sarà “Non permettete che persone come questa POSSANO cambiare il vostro pensiero”, chiudete le stronzate di quella frustrata della Meyer e leggetevi qualcosa che sia degno di essere chiamato LIBRO. Non ne posso più…
    Ma possibile che nessuno si chiede perchè gente che non ha la più vaga idea di cosa sia una recensione, cosa sia un romanzo, cosa sia la letteratura e, ben più grave, come si scriva, riesce a leggere quei romanzetti armony troppo lunghi? Non sarà perchè sono scritti proprio per gente come loro?
    “La Meyer è una grande scrittrice”… Lucy Maud Montgomery, Louisa May Alcott, Jane Austen, Viginia Woolf, Grazia Deledda, si stanno rivoltando nella tomba; Tolkien si sganascia dalle risate dall’aldilà e nel frattempo la Rowling si sbellica in faccia a tutti quelli che hanno paragonato i suoi libri a quelli della Meyer (che in meno di 4 anni ha scritto questo capolavoro della letteratura, mentre lei, più ricca della regina e inserita allegramente nella lista mondiale dei 100 geni viventi, ne ha impiegati 17 per dare forma ad una storia in cui i personaggi sono innumerevoli, profondi, sfaccettati e che potrebbero essere tutti protagonisti di libri a parte…). Non è per difendere Harry Potter, di cui peraltro non me ne frega niente, ma solo per dire che le due opere sono OGGETTIVAMENTE imparagonabili!

    Posso capire tutto: gli adolescenti con la loro visione di mondo romantico e tutto rosa; il piacere di leggere un libro che non impegna il cervello; l’infatuazione per i capelli di Robert Pattinson o per la faccia mono-espressione di Kristen Stewart; la gioia di condividere una passione con le amiche; l’idea che i cattivi possano diventare buoni… tutto…
    Ma che la saga della Meyer sia un capolavoro, è uno schiaffo in faccia a oltre 1000 anni di letteratura degna di questo nome: ridicolo, da pazzi e completamente inaccettabile.

  100. 986 Sakura87

    Your Alice

    Vorrei fare presente alcune cose su questa cavolata di proporzioni gigantesche che hai scritto:

    Vorrei far presente che il tuo intervento è una delle cavolate di proporzioni più gigantesche che ho visto postare su questo blog da mesi a questa parte.

    1)La Meyer è una grande scrittrice e secondo me non è lei poco intelligente e pigra, ma tu!

    E tu sei poco acuta, perchè stai solo puntando il ditino senza argomentare ciò che stai dicendo.
    Per tua conoscenza, dal De Mauro:

    Argomentare: Discutere, ragionare, dibattere.

    Tutte cose che tu non fai. Tu affermi e basta.

    2)Twilight non è pornografico, non ci sono scene di sesso e pochissimi baci

    No, dico, hai letto la recensione? Perchè Gamberetta non parlava di sesso quando nominava la pornografia, e la sua recensione lo spiegava bene.

    3)Sei, con permesso, una stupida.

    E tu sei, con permesso, una maleducata.

    Non ti puoi permettere di insultare quello che oggi è la mia, anzi di molti adolescenti, ragione di vita

    E dopo aver letto questo, credo di essere rimasta senza parole.
    Sai almeno qual è la realtà vera? Quella a scuola, con i tuoi compagnetti, le tue amichette e i tuoi vestitini.
    Non quella dentro le pagine di un (pessimo) libro.

    Con questo termino il mio commento:
    W TWILIGHT e Twilighters non permettete che persone come questa possa cambiare il vostro pensiero

    Qui non si cerca di cambiare il pensiero di nessuno.
    Hai almeno idea di che cosa sia una recensione?

    ^Simona^

Pagine: « 15 14 13 12 [11] 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 » Mostra tutto

Lascia un Commento.
Per piacere, rimanete in argomento. Per maggiori informazioni riguardo la politica dei commenti su questo blog, consultate la pagina delle FAQ.

  

Current day month ye@r *