Lo specchio di Beatrice

Apparso su emule l’ennesimo fantasy nostrano scritto da un’adolescente – Marta Dionisio classe ’92 –, ovvero Lo specchio di Beatrice. Occorre cercare:

Icona di un mulo  [eBook-ITA] qBooks 028 - Marta Dionisio -
 Lo specchio di Beatrice [odt-doc-epub-pdf].zip
(2.895.805 bytes)

Copertina de Lo specchio di Beatrice
Copertina de Lo specchio di Beatrice

Trama:

Jessica: sedici anni, jeans a vita bassa, irrequieta, disordinata, cellulare dipendente. Una teenager come tante. Beatrice: coetanea di Jessica, studiosa e assennata, ligia ai regolamenti di casa. Anche lei, una teenager come tante. Impossibile? Tutt’altro, se si considera che Jessica vive nel 2010, mentre Beatrice è un’adolescente nell’Italia fascista degli anni Quaranta. Due destini paralleli che s’incrociano un magico giorno d’inizio estate, quando, di fronte a uno specchio, i volti di Jessica e Beatrice si scrutano terrorizzati e increduli, un attimo prima che le due ragazzine si ritrovino proiettate l’una nel corpo dell’altra. Per entrambe è l’inizio di una serie di vicende tragicomiche, che le costringerà a misurarsi con mondi e regole sconosciute e a scoprire qualcosa di nuovo su se stesse. Senza le puntate di Lost, senza Internet, lontana dalle amiche e dal fidanzato, Jessica si aggira come una sperduta Alice in un paese dalle poche meraviglie e dalle mille follie, dove le capita d’essere pedinata dalla governante, schiaffeggiata dal fratello per aver rivolto la parola a un ragazzo, costretta a un appuntamento combinato col rampollo di una ricca famiglia. Dal canto suo, Beatrice faticherà non poco a superare il terrore per la sveglia digitale, a non scambiare gli SMS per sos, a respingere scandalizzata gli assalti dei ragazzi, destreggiandosi tra baruffe sentimentali per lei finora impensabili. Finché il peso della Storia non busserà alla porta di entrambe.

A onor del vero la trama, pur non originalissima, suona più interessante di tanta altra roba italiana uscita nell’ultimo anno. Non che questo mi spinga a leggere il romanzo di Marta, ma dovendo scegliere con una pistola alla tempia penso preferirei sorbirmi lo Lo specchio di Beatrice dei soliti elfi, vampiri, licantropi, angeli & brutture varie.

Scritto da GamberolinkLascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

3 Commenti a “Lo specchio di Beatrice”

  1. 3 max

    Ho accolto il tuo suggerimento e letto il libro.

    E’ stato veramante scritto da una adolescente.
    Fortuna che persone capaci contnuano ad esistere.
    E’ un peccato che i suoi revisori tra i quali Cinzia Tani non si siano accorti di numerose sviste.
    LA SIGNORINA FARà STRADA.

    Il libro è per gli argomenti molto interessante, lo avessero scritto a due mani con un “nonno” sarebbe stato il massimo.

  2. 2 AliceCreed

    Dalla trama sembra uguale a miliardi di fanfiction che si trovano su EFP, non fosse per “l’inconveniente” delle epoche diverse.

  3. 1 tzenobite

    beh, forse nn e’ male perche’ nn e’ un fantasy ;-)
    sembra piu’ un doppio quantum leap, ma secondo me se una roba leggerina come questa puo’ portare qualche adolescente a occuparsi di ucronia darebbe un contributo all’innalzamento del livello di lettura adolescenziale medio…non credi?
    o se, tanto meglio visto il periodo che viviamo, spingera’ qualche ragazzetto di oggi a studiare la storia del fascismo, allora avra’ avuto addirittura una portata sociale positiva :-)

Lascia un Commento.
Per piacere, rimanete in argomento. Per maggiori informazioni riguardo la politica dei commenti su questo blog, consultate la pagina delle FAQ.

  

Current day month ye@r *