Archivio per la Categoria 'Libri'

Nascondi elenco articoli ▲
  1. Una gattina in Horror Lovers di Gamberetta
  2. La mela avvelenata e copiona di Gamberetta
  3. Il bacio dell'ingenuo Jude di Gamberetta
  4. Alice nel Paese della Fuffosità di Gamberetta
  5. La Bizzarra Starfish Girl di Gamberetta
  6. Assault Fairies di Gamberetta
  7. Cercando il meraviglioso nei posti sbagliati di Gamberetta
  8. Il mondo lasciato a metà di Gamberetta
  9. Sondaggio su Alice di Gamberetta
  10. Manuali 3 – Mostrare di Gamberetta
  11. Sull'editoria fantasy in Italia di Gamberetta
  12. Funghi assassini! di Gamberetta
  13. Recensioni :: Romanzo :: Il Silenzio di Lenth di Gamberetta
  14. Persa per strada di Gamberetta
  15. Marstenheim di Gamberetta
  16. Vittima natalizia + Bambolina omaggio di Gamberetta
  17. Recensioni :: Romanzo :: Leviathan di Gamberetta
  18. Manuali 2 – Dialoghi di Gamberetta
  19. Il Terzo Occhio di Gamberetta
  20. Manuali 1 - Descrizioni di Gamberetta
  21. Libri come se piovesse di Gamberetta
  22. S.M.Q. di Gamberetta
  23. Haruhi Suzumiya in Libreria di Gamberetta
  24. Esbat di Gamberetta
  25. Gli Indiscussi Maestri di Sanctuary di Gamberetta
  26. Recensioni :: Romanzo :: Wunderkind di Gamberetta
  27. Cuore d’Acciaio di Gamberetta
  28. Recensioni :: Romanzo :: The Year of Our War di Gamberetta
  29. L’Acchiapparatti di Tilos di Gamberetta
  30. Le Avventure della Giovane Laura di Gamberetta
  31. Non c’è gnocca per noi a Boscoquieto di Gamberetta
  32. Lo Specchio di Atlante di Gamberetta
  33. Vampire Kisses!!! di Gamberetta
  34. Recensioni :: Romanzo :: The Dragons of Babel di Gamberetta
  35. La Prossima Vittima di Gamberetta
  36. Recensioni :: Romanzo :: Il Dono di Svet di Gamberetta
  37. Recensioni :: Romanzo :: Bloodsucking Fiends di Gamberetta
  38. Recensioni :: Romanzo :: Fuoco nella Polvere di Gamberetta
  39. Sul Copyright di Gamberetta
  40. Cose da un altro mondo di Gamberetta
  41. Recensioni :: Romanzo :: Pan di Gamberetta
  42. Il Crepuscolo del Fantasy di Gamberetta
  43. Una Ragazza Drago non la si nega a nessuno! di Gamberetta
  44. Recensioni :: Romanzo :: La Setta degli Assassini di Gamberetta
  45. Recensioni :: Romanzo :: Little Brother di Gamberetta
  46. La Situazione dei Draghi del Dolore di Gamberetta
  47. Ratti, Gargoyle & dolciumi vari di Gamberetta
  48. Le Chiavi del Cassonetto di Gamberetta
  49. I Dannati di Malva & altre ghiottonerie di Gamberetta
  50. On Fairy Stories di Gamberetta
  51. Laura e gli Anime di Gamberetta
  52. L’Avido Drago di Ghiaccio di Gamberetta
  53. Videogiochi e Teste Mozzate di Gamberetta
  54. Dalle Cronache alle Guerre del Mondo Emerso di Gamberetta
  55. Recensioni :: Romanzo :: Il Talismano del Potere di Gamberetta
  56. Recensioni :: Romanzo :: La Missione di Sennar di Gamberetta
  57. Recensioni :: Romanzo :: Nihal della Terra del Vento di Gamberetta
  58. Il mio Lettore di ebook! di Gamberetta
  59. Ebook e Distribuzione Gratuita di Gamberetta
  60. Recensioni :: Romanzo :: His Majesty's Dragon di Gamberetta
  61. Recensioni :: Romanzo :: Le Maschere del Potere di Gamberetta
  62. Recensioni :: Romanzo :: Twilight di Gamberetta
  63. Recensioni :: Saggio :: Worlds of Wonder: How to Write Science Fiction & Fantasy di Gamberetta
  64. Le Verità di Andrea Vincenzi di Gamberetta
  65. Recensione: La Rocca dei Silenzi di Signor Stockfish
  66. Arte Noiosa di Gamberetta
  67. Andrea Vincenzi di Gamberetta
  68. Recensioni :: Romanzo :: Sezione Pi-Quadro di Gamberetta
  69. Scrivere: Aristotele, Mosche e Grafici di Signor Stockfish
  70. Recensione: I Boschi della Luna di Signor Stockfish
  71. Crudeltà Editoriale: Due Esempi di Gamberetta
  72. Bullshit! (e la dea nascosta) di Gamberetta
  73. Recensioni :: Saggio :: How to Write Science Fiction and Fantasy di Gamberetta
  74. Robert Löhr - Scacco alla regina di Bubba
  75. Fantasy demenziale: La Magica Terra di Slupp e Blart di Gamberetta
  76. Recensione :: Romanzo :: Amazon di Capitan Gambero
  77. Fenimore Cooper's Literary Offenses di Gamberetta
  78. Nihal & Chariza contro Ash! di Gamberetta
  79. Recensioni :: Romanzo :: Chariza. Il Soffio del Vento di Gamberetta
  80. Il Coniglietto Grumo & l’Arte della Guerra: Edizione Tedesca di Gamberetta
  81. Recensioni :: Romanzo :: Zero no Tsukaima Volume 1 di Gamberetta
  82. Recensione :: Romanzo :: L'ultima profezia di Capitan Gambero
  83. Jeff Lindsay - La mano sinistra di Dio di Bubba
  84. Il Segreto di Krune, il Coniglietto Grumo & l’Arte della Guerra di Gamberetta
  85. Recensione :: Romanzo :: Anharra – Il santuario delle tenebre di Capitan Gambero
  86. Come finisce “Harry Potter and the Deathly Hallows” di Gamberetta
  87. Recensioni :: Racconti :: Overclocked: Stories of the Future Present di Gamberetta
  88. Recensione :: Romanzo :: Anharra - Il trono della follia di Capitan Gambero
  89. Recensioni :: Romanzo :: Geshwa Olers e il Viaggio nel Masso Verde di Gamberetta

Recensioni :: Romanzo :: Zero no Tsukaima Volume 1

Copertina di Zero no Tsukaima Volume 1 Titolo originale: Zero no Tsukaima Volume 1
Titolo inglese: Zero no Tsukaima Volume 1 – The Zero’s Familiar
Autore: Noboru Yamaguchi

Anno: 2004
Nazione: Giappone
Lingua: Giapponese
Traduzione in lingua inglese: The Baka-Tsuki Open Translation Project
Editore: Media Factory

Genere: Fantasy, Fantascienza, Commedia
Pagine: 263

Il termine light novel indica in Giappone un determinato tipo di romanzi, con alcune caratteristiche peculiari. Sono romanzi scritti per un pubblico di giovani, con un linguaggio semplice, e accompagnati da illustrazioni e disegni. Sono spesso di genere fantastico e sono sia fonte d’ispirazione per successivi manga e anime, sia ispirati da manga e anime già esistenti. Si potrebbe far rientrare questi romanzi nell’etichetta occidentale di “romanzi per ragazzi”, chikas_pink23.gif se non fosse che non è del tutto vero, a partire dalla semplice considerazione che quello che è considerato “per ragazzi” in Giappone, spesso non lo è nel resto del mondo.

Copertina di Zero no Tsukaima Volume 5
Copertina del quinto romanzo di Zero no Tsukaima

Questi light novel in pratica sono sempre rimasti confinati in oriente. Poche case editrici specializzate hanno tradotto qualcosina in lingua inglese, ma appena una minuscola frazione di quanto prodotto. In Italia, la Kappa Edizioni, in particolare a cavallo del 2000, ha tradotto chikas_pink16.gif alcuni romanzi giapponesi che potrebbero rientrare nell’ambito del light novel. Si contano sulla punta delle dita, anche se fra questi vi è il romanzo di Video Girl Ai, che una ragazza romantica come me chikas_pink13.gif non avrebbe mai potuto farsi sfuggire! Per trovarlo ho girato mari e monti e decine di librerie e mercatini di libri usati! In verità, mio fratello l’ha ordinato su Internet ed è arrivato in cinque giorni lavorativi. Ma in quei cinque giorni, è stato come se avessi girato mari e monti e pure i mercatini! chikas_pink43.gif Però sto divagando, di Video Girl Ai avrò modo di riparlare in futuro.

Copertina di Video Girl Ai
Copertina del romanzo di Video Girl Ai

Per ora mi occuperò del primo romanzo di Zero no Tsukaima. Da questo romanzo (e dai successivi, finora siamo a dieci) è stato tratto l’anime che seguo con gran piacere chikas_pink22.gif ogni settimana.
Zero no Tsukaima Volume 1 è stato tradotto dal giapponese all’inglese da un gruppo di fan, riuniti nel The Baka-Tsuki Open Translation Project (in collaborazione con Kawaii Heavens e KuroNeko). Un ringraziamento chikas_pink40.gif a tutti costoro è d’obbligo.

Contract Servant
La cerimonia di evocazione si conclude

La storia di questo primo romanzo segue abbastanza fedelmente quella dell’anime, coprendo grossomodo gli episodi dal primo al sesto, ovvero dall’evocazione di Saito al recupero dello “Staff of Destruction”. In realtà sarebbe più corretto dire che l’anime ha seguito fedelmente il romanzo, dato che è stato prima pubblicato il libro.
Le uniche differenze di un certo rilievo riguardano i dialoghi, più lunghi e leggermente più approfonditi nel romanzo e il personaggio di Saito, che nel libro risulta molto più strafottente chikas_pink06.gif (e stupido) rispetto all’anime. Gli altri personaggi invece sono rimasti loro, anche se il comportamento di Louise appare meno manesco e sadico, perché il Saito del romanzo è molto più meritevole di punizione. In ogni caso, il pestaggio con il frustino per cavalli chikas_pink32.gif (un onore che un cane come Saito non meriterebbe!) non si farà attendere…

Saito con l'M72
Anche in un fantasy, un’arma anticarro può venir buona

Come accennato all’inizio, lo stile è semplice. A tratti fin troppo, sfociando un po’ nell’infantile. chikas_pink29.gif In compenso questo significa una lettura veloce e scorrevole e non priva comunque di alcune interessanti trovate stilistiche (ad esempio alcuni piccoli interventi ironici dell’autore, nel bel mezzo dello svolgersi dei fatti).
La storia è sempre la stessa deliziosa storia che ho apprezzato nell’anime e i personaggi di Saito e Louise sanno scavarsi una nicchia nell’immaginario di chiunque legga di loro.

Ballo
Il ballo finale

Perciò se si conosce l’inglese, e magari si è fan di Zero no Tsukaima, vale sicuramente la pena dedicare qualche ora a questo romanzo. Con la speranza che l’opera di traduzione continui chikas_pink17.gif e si possano leggere anche i volumi successivi, dove pare la storia diverga rispetto all’anime, nel contempo diventando ancor più interessante!


Approfondimenti:

bandiera EN Il romanzo al sito Baka-Tsuki
bandiera EN Il sito dei signori KuroNeko

bandiera IT I romanzi tradotti dalla Kappa Edizioni

 

Giudizio:

Stile semplice e scorrevole. +1 -1 Alle volte però troppo semplice.
I personaggi di Saito e Louise non si scordano facilmente! +1 -1 Ma preferisco il Saito dell’anime.
Storia deliziosa. +1

Un Gambero Fresco: clicca per maggiori informazioni sui voti

Scritto da GamberolinkCommenti (0)Lascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

Recensione :: Romanzo :: L’ultima profezia

Ultima Profezia copertina Titolo originale: L’ultima profezia
Autore: Chiara Guidarini
Anno: 2007 (?)
Nazione: Italia
Lingua: Italiano
Casa Editrice: Traccediverse
Collana: D’Istanti (?)
Genere: Fantasy

Pagine: 112
Prezzo: 11 euro (brossura)

I due “(?)” derivano dal fatto che alcune fonti lo danno nella collana “Tralci di vite” per l’anno 2006 (IBS stesso ha commenti che arrivano a dicembre 2006), mentre il sito dell’editore segna “D’Istanti”… la copia che mi è arrivata è stata stampata nel 2007 e non riporta la collana. Vabbé, avranno fatto un cambio di collana tra la prima ristampa e la seconda forse…

La quarta di copertina:

Sono trascorsi venti anni da quando Nime, il Mago Oscuro, con un colpo di stato ha rovesciato la reggenza dell’arcimaga Amelia, proclamandosi sovrano assoluto di tutto il continente di Ancyria. Da quella tragica notte che vede la caduta degli Arcimaghi, viene tratta in salvo Elaine, figlia legittima di Amelia e sua erede, che si troverà ben presto coinvolta nei grandi eventi del suo tempo.

In un mondo leggendario e arcano, dominato dall’epica lotta tra il bene e il male, tra oscuri manieri, templi in rovina e divinità dimenticate, Elaine dovrà fare i conti con una dote affascinante e al contempo terribile insita in lei: la magia.

Quando il Capitano legge un libro, in particolare se pensa di recensirlo, cerca una di queste due cose: una piacevole lettura oppure una brutta lettura, ma con divertenti spunti da commentare.
Il primo libro di Anharra fornì una lettura piuttosto piacevole, con vari spunti negativi da commentare con mio personale sollazzo. I libri di Licia Troisi forniscono anch’essi una lettura “non proprio piacevole” (talvolta decisamente spiacevole), ma sono ricchi di spunti per costruire una divertente critica, arr. I racconti di George Martin uniscono alla piacevole lettura una discreta quantità di ottimo materiale da recensire con abbondante dose di elogi: un vero Maestro della fantascienza.
Questo libro invece, arr, mi spiace dirlo, ma non mi ha dato nessuna delle cose che cerco. Ha insita in sé una bruttezza banale dovuto non al pessimo stile né alla stupidità (vedesi “l’assedio” commentato in Krune da Gamberetta o i casi perfino più eclatanti della Troisi a cui dedicherò spazio in futuro), quanto piuttosto alla mancanza di anima, alla sinteticità, alla sensazione che siano “parole stampate”e nulla di più.
Una sensazione simile a quella che si ha leggendo tanti racconti o incipit di romanzi Fantasy amatoriali: magari la grammatica è corretta, ma non c’è un contenuto né un “mondo in cui entrare grazie alla storia” e l’unica cosa che rimane è la piatta banalità di parole che si inseguono senza dire nulla.
Arr, di fronte a un tal genere di brutto perfino il Capitano ha difficoltà a trovare le parole. E’ un libro che lascia per tutta la lettura la sensazione che sia stato accorciato, tagliato e sintetizzato selvaggiamente.
Una sensazione terribile, che distrugge ogni desiderio di leggere, e che mi ha portato a cercare riscontri all’idea che l’opera fosse stata mutilata.

In rete (ma non da pesca, arr) si trova un intervento del 18 giugno targato Chiara Guidarini che parla proprio dei problemi del libro (UP, Ultima Profezia).

UP è incompleto, spezzato, diviso in due e nuovamente tagliato.
Oggi mi chiedo come posso essere arrivata a questo. Mi si dice che i personaggi sono troppi per stare in cento pagine. Vero. Mi si dice che gli eventi sono troppi e troppo rapidi. Vero anche questo. Chino il capo, con triste rassegnazione, e la domanda torna, più insidiosa e violenta, ed esplode con forza nella mia testa: “come hai potuto permetterlo?”

“Il canto proibito” era un malloppo di 360 pagine, poi 320, poi 200 e poi 100.
Accettai di dividerlo in due per non doverlo tagliare ancora, per tenere più basso possibile il prezzo di copertina, e per tutta una serie di ragioni che mi sembravano sensate.

Centosessanta pagine di tagli! Strappare via il 45% del romanzo: questa è follia pura, mi si passi il termine un po’ forte, arr. Come si può mutilare un’opera, la propria opera, in questo modo? A quale scopo? Solo per poterla pubblicare con una casa editrice di basso livello come “Traccediverse”? Nessun autore degno di questo nome al giorno d’oggi si abbasserebbe a pagare per essere pubblicato, ma neppure accetterebbe di compiere un simile scempio della propria creatura come se non contasse nulla, come se non fosse qualcosa su cui si è messa tutta la propria capacità e le proprie speranze. Nessuno dovrebbe umiliarsi tanto per una pubblicazione, seppur non a pagamento.
Come si può dire di amare la propria opera e poi farle questo?
E’ come amputare la gamba del proprio figlio per apparire in prima pagina su un quotidiano, né più né meno!

Avrebbe potuto pubblicare la propria opera in internet, con licenza Creative Commons come già fece (e ha tutto il mio rispetto per questo) Fabrizio Valenza con il suo Geshwa Olers. Oppure usare Lulu.com (con tanto di numero ISBN e pagina su IBS.it!) se proprio si vogliono avere delle copie cartacee da donare ad amici e famigliari.
C’erano possibilità ottime senza scendere a osceni compromessi e senza distruggere il proprio parto creativo.
Invece no, ha dovuto proprio cercare la casa editrice tradizionale (…almeno fosse stata una casa editrice più decente…) inseguendo il Dio Vanità della pubblicazione. Non dico “Dio Denaro” perchè nessuno, superati i 15 anni, si può illudere di fare soldi con un libro in Italia senza avere un’immensa botta di culo. Il “Dio Vanità” di chi vuole proprio essere stampato da un vero Editore e per questo commetterebbe qualunque atrocità, anche la più efferata come… come tradire la propria opera facendola a pezzi!

Sarò un vecchio marinaio, ma trovo questo atteggiamento IN-CON-CE-PI-BI-LE, arr.
Solo a pensare che uno scrittore possa distruggere la propria creatura per darla in pasto a un editore di bassa lega mi risalgono i gamberi dallo stomaco per lo sdegno.

Ho ripreso in mano “il canto proibito”, ne ho riletto una parte e l’ho confrontato con UP. È un altro scritto, non c’è altro da dire. Non è lo stesso malloppo. È il riassunto della stessa storia, forse.
Ma è un libro che amo, nel quale ho messo me stessa, e nel quale ho cercato di imbrigliare l’essenza di quello che volevo scrivere.

Se ama davvero il suo libro, la sua creatura, torni sui suoi passi signora Guidarini! Lo pubblichi in versione integrale, gratuitamente con licenza CC oppure a pagamento tramite lulu che le farà avere lo stesso il suo bel numeretto ISBN e lo spazio su ibs.
Se ama la sua opera forse è ancora in tempo per porre fine a questa atrocità (contratto permettendo): ci pensi!

Difendere la propria opera letteraria
Autore nell’atto di difendere con ogni mezzo la propria opera!

Giudicare un’opera così violentata dalla sua stessa madre ha poco senso, mi piacerebbe invece poter leggere un giorno l’opera integrale e poter valutare quella, ma in vendita al momento c’è questo libretto e quindi il mio giudizio si può limitare solo al disponibile.

La Storia in sintesi (sperando di ricordarla correttamente… tale era la sensazione di schifo nel leggere che temo di aver già cominciato a scordarla.)
Mostra spoiler ▼

I personaggi sono mal caratterizzati, privi di spessore psicologico, poco più che nomi volteggianti sulle pagine. La storia è banale, come troppo spesso succede col Fantasy, piena di stereotipi come il mago cattivo, il re coraggioso, il mago vecchio e saggio, la giovane segnata dal destino ecc… e non si riscatta con una rielaborazione di alto livello dato che lo stile narrativo risulta piatto, sintetico, tanto da non permettere di immergersi affatto nel mondo.

Un’appassionante lettura!

In parole povere è emozionante come leggere lo scontrino della spesa, arr!


Approfondimenti:
bandiera IT Blog dell’Autrice
bandiera IT Sito del libro
bandiera IT Opera su IBS

Giudizio:

Tristemente vuota… -1 Storia banale
  -1 Personaggi stereotipati…
  -1 …e in più approfondimento psicologico nullo!
  -1 Stile piatto, senza anima
  -1 Non fa immergere MAI il lettore nella storia
  -1 Opera mutilata indegnamente
  -1 Faticosissimo da leggere per la sua bruttezza banale
  -1 Discorsi irreali, forzati

3

Scritto da GamberolinkCommenti (22)Lascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

Jeff Lindsay – La mano sinistra di Dio

Dexter copertina Titolo originale: Darkly dreaming Dexter
Autore: Jeff Lindsay
Anno: 2005
Casa Editrice: Sonzogno editore
Genere: Thriller
ISBN: 88-454-1247-4

Prezzo: 17,50 euro
Pagine: 306

L’idea per la lettura di questo libro mi è venuta guardando in anteprima la serie televisiva ” Dexter ” , 12 episodi da 50 minuti che parlavano di un serial killer contorto e insospettabile, l’ematologo della polizia di Miami Dexter Morgan. Ho scoperto che la serie era tratta da questo romanzo e l’impulso di leggerlo è stato irrefrenabile! In due giorni scarsi ho letto tutte le 306 pagine ( scritte in caratteri enormi… questo spreco di carta è piuttosto comune e fa lievitare il prezzo non poco! ) , colto da una curiosità morbosa e comparativa sulle differenze tra il romanzo e la serie TV.Già dalle prime pagine, risulta chiaro che il protagonista assoluto della storia sarà Dexter Morgan, che narra ogni avvenimento in prima persona, con il suo stile inconfondibile. Cinico ed egoista, Dexter è un mostro, ma riesce a fingere meravigliosamente: segue un rigido codice etico, il ” Codice Harry ” , che è il fondamento della sua vita. A differenza dei serial killer a cui da la caccia, talvolta uccidendoli personalmente per saziare la propria sete di sangue ( anzi, quella del ” Passeggero Oscuro” , la voce interiore che alimenta i suoi appetiti ) , Dexter uccide solo le persone meritevoli di morte. Non lo fa perché sia giusto o sbagliato: lo fa soltanto perchè Harry, il padre adottivo, gli ha insegnato così. Lo fa perchè Harry, ex-poliziotto ormai morto, insieme a sua sorella Deb, è la sua famiglia. Se mai Dexter provasse dei sentimenti, a sua detta, sarebbero tutti per Deb.

Pagina dopo pagina, il lettore si troverà coinvolto nel caso dell’ “ice-truck killer” , un omicida che uccide prostitute e le fa a pezzi dopo aver drenato il loro sangue senza nemmeno lasciarne una goccia. Per Dexter, ematologo e ammiratore dell’ordine e della pulizia, ossessionato dal sangue, gli omicidi del suo ” compagno di giochi ” , sono opere d’arte. Procedendo nel romanzo, inquietanti messaggi faranno scoprire a Dexter che la preda è in realtà cacciatore, che conosce i suoi segreti e la sua vita privata.

La figura chiave dell’educazione del protagonista, quello che l’ha reso diverso da ogni altro serial killer conosciuto, è il padre adottivo Harry, che a quattro anni l’ha trovato su una scena del crimine: quattro anni completamente rimossi dalla memoria di Dexter, che solo tramite la guida del suo compagno di giochi e rivale riuscirà a fare emergere.

La vicenda dell’ ice-truk killer non è l’unica narrata: oltre a vari casi a cui Dexter lavora in qualità di tecnico della polizia, vi sono alcuni omicidi compiuti dallo stesso Dexter, che cancella le proprie tracce con una perizia che solo un tecnico con la sua preparazione e con il suo ordine mentale può ottenere.

Vedrò ora di dare un giudizio generale sul libro.

Gioco tra due menti deviate, partita tra mostri che seguono una loro logica, la vicenda narrata nel romanzo appassiona e coinvolge. Lo stile di Lindsay è pulito e scorrevole, anche se a volte sarebbe piacevole un maggiore dettaglio nella descrizione della personalità degli altri protagonisti della vicenda. La narrazione in prima persona ha il vantaggio di aprirci le porte dell’animo di Dexter, oscurando tuttavia la personalità dei suoi colleghi poliziotti, come il commissario LaGuerta, Angel , Masuka , la stessa Deb… personaggi che nella serie TV sono stati meglio sviluppati che nel romanzo stesso. Uno dei tanti fattori che mi ha colpito di questo romanzo è l’assoluto rifiuto degli schemi classici del thriller, unitamente all’efficace narrazione in prima persona condotta da Dexter stesso.

Giudizio assolutamente positivo per un romanzo breve ma efficace: lo sviluppo della trama è molto rapido ma estremamente godibile, le vicende narrate sono assolutamente originali e il finale è davvero inaspettato e risolutivo.

Un avviso a chi poi guarderà la serie TV: è un capolavoro, gli adattamenti e le aggiunte al romanzo, inclusa qualche modifica alla trama generale, arricchiscono e migliorano la storia di Dexter, preservando però completamente la personalità del protagonista e di ogni personaggio. Una cosa più unica che rara negli adattamenti da romanzo, tanto che avendo letto ” La mano sinistra di Dio ” dopo la sua visione, sono rimasto leggermente deluso!


Giudizio:

Lettura scorrevole e gradevolissima. +1 -1 Alcune vicende sono poco approfondite.
Dexter è un narratore in prima persona perfetto! +1
Trama davvero impressionante. +1
Permette di guardare la realtà con gli occhi di un omicida.+1  
Imperdibile per chi ha visto la serie TV o la vedrà in futuro!+1  

Scritto da GamberolinkCommenti (3)Lascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

Il Segreto di Krune, il Coniglietto Grumo & l’Arte della Guerra

Per chi ancora non lo sapesse, il Coniglietto Grumo è intelligentissimo kaos-whiteusagi03.gif ! E non è solo intelligente: ha una grandissima esperienza nei più disparati campi, ad esempio, una delle sue ultime attività, prima di dedicarsi a tempo pieno a essere il mio Coniglietto, è stata quella di Ufficiale di Marina. kaos-whiteusagi16.gif
Infatti il Coniglietto Grumo ha studiato all’Accademia Navale di Annapolis dove si è diplomato con il massimo dei voti, primo del suo corso. In seguito ha prestato servizio su diverse navi da guerra, prima d’intraprendere la carriera di sommergibilista. Dopo più di quindici anni di studio e addestramento, è diventato comandante di un sottomarino nucleare, proprio nel periodo più caldo della guerra fredda.

Il conflitto navale nell’Atlantico. Rappresentazione schematica.

Il Coniglietto Grumo è stato il primo Coniglietto a comandare un sottomarino nucleare d’attacco, almeno in ambito NATO.

USS Night Rabbit
USS Night Rabbit, sottomarino nucleare di classe Los Angeles

Perciò, è facile capire come il Coniglietto Grumo sia particolarmente esigente in fatto di realismo quando si tratta di leggere romanzi d’ambientazione militare. kaos-whiteusagi05.gif Questo anche in campo fantasy e fantascienza, visto che in entrambi i generi la guerra è uno degli elementi più sfruttati. Da La Guerra dei Mondi a Il Signore degli Anelli, scontri e battaglie hanno sempre avuto ampio spazio nella narrativa fantastica.

Purtroppo, specie in ambito fantasy, l’elemento bellico è sfruttato malissimo, tanto da suscitare indignazione nel lettore un minimo accorto. Gli esempi si sprecano (e gli esempi più truci si meriteranno la loro recensione), ma l’ultimo affronto è stato tale che il Coniglietto Grumo, sdegnato, ha rifiutato la cena! kaos-whiteusagi09.gif

Coniglietto sdegnato
Un Coniglietto sdegnato, ma non è il Coniglietto Grumo!

L’ultimo affronto è Il Segreto di Krune di Michele Giannone (Dario Flaccovio Editore), uscito di recente. Di seguito non ci sarà una recensione di tale romanzo, visto che né io, né il Coniglietto Grumo l’abbiamo letto, bensì solo alcune considerazioni sulle prime pagine dello stesso, disponibili alla lettura presso il sito dell’Editore. Una dozzina di pagine che però già portano con sé un carico di gamberi marci (ed è per questo che nessuno qui sulla barca ha voglia di leggere l’opera completa, anche se forse in futuro qualcuno si sacrificherà in nome del Giornalismo). chikas_pink17.gif

Copertina del Segreto di Krune
Copertina de Il Segreto di Krune

La prima frase del romanzo, già da sola, è stata sufficiente per far rizzare il pelo sulla schiena del Coniglietto Grumo:

L’assedio durava da più di tre ore.

Sembra una frase innocente, tuttavia ha qualcosa che suona sbagliato: perché sottolineare che un assedio dura da più di tre ore? Ogni assedio, nel senso stretto del termine, deve per forza di cose durare più di tre ore! Ben più di tre ore! L’assedio durava da più di tre anni, ecco questo avrebbe avuto senso. Ma forse qui “assedio” è usato in senso metaforico? Autoironico? Basta proseguire di poco per scoprire che l’autore proprio intendeva assedio (o almeno una sua visione del termine assedio, che nessun manuale di tattica militare o vocabolario della lingua italiana accetterebbe).
Infatti la città di Sezzal è assediata da un mostro, un tale Vrula. Di certo, per assediare una città questo Vrula dev’essere creatura terribile, parente di Godzilla! chikas_pink56.gif La descrizione del Vrula rimane nel vago, anche se potrebbe essere quella di un essere simile all’orso, un particolare però viene specificato: è alto più di due metri! Proprio due metri, non venti, due. Ovvero una creatura, di due metri, due, una creatura, sta assediando un’intera città! Già a questo punto si è valicato il confine del fantasy, per entrare con entusiasmo nel territorio dell’Idiozia. E il viaggio è appena iniziato! chikas_pink14.gif

Godzilla
Godzilla assedia Tokyo!

L’assedio prosegue con il Vrula che cerca di abbattere il cancello della città, senza riuscirci (perciò oltre a essere un mostriciattolo, non è neanche particolarmente forte). I difensori della città, invece di rimanere sugli spalti a tirar olio bollente contro l’orso, decidono una sortita, e ignorando bellamente il fatto che sono sotto assedio, chikas_pink12.gif se ne escono da un altro cancello.
Il geniale piano è il seguente: attirare il Vrula lontano dalle mura della città, fin dentro una foresta. Circondarlo, ma non affrontarlo, tenendolo solo impegnato, infine ucciderlo con un colpo di balestra gigante. Primo particolare: è notte, chikas_pink35.gif e pure una notte coperta, ovvero non si vede niente! (e no, non li hanno ancora inventati i visori a infrarossi) Secondo particolare: la balestra ha un solo colpo a disposizione e deve centrare il Vrula dritto al cuore. Inutile sottolineare come sia un piano demente, che non funzionerà (unico particolare realistico di tutta questa storia). Tuttavia è interessante che la protagonista del romanzo, tale Mareq Tha, Prima Vigilante Militare di Sazzal, pensi che sia una buona idea! Non oso immaginarmi cosa avrebbe escogitato la Seconda Vigilante Militare! chikas_pink43.gif

Il piano appunto fallisce e il Vrula rimane vivo. Come accopparlo, ora che il Piano A ha fatto cilecca? Be’, semplice, siamo in un fantasy, e dunque il Piano B è: Magia! Mareq Tha che è strega, usa l’incantesimo Sussurro.
Piccola divagazione. Usare l’incantesimo Sussurro viene genericamente definito “rischioso”, quasi ad anticipare l’inevitabile domanda: perché non è stato subito usato tale sortilegio? chikas_pink03.gif Ma l’autore non avrebbe dovuto preoccuparsi di ciò: è già stato appurato dalla formulazione del Piano A che Mareq Tha è una deficiente, è normale che non faccia subito la cosa giusta!
Dunque,

dalla bocca di Mareq Tha eruppe il suono avvolgente della magia

e probabilmente qualcuno lanciò una coppia di dadi da dodici. Che effetto ha il Sussurro?

Sussurro infondeva in loro [nei soldati] la determinazione che poco prima la paura aveva strappato dai loro cuori.

Perciò è l’equivalente magico di quello che i generali terrestri chiamano ordine, e riproduce quello che negli eserciti terrestri è eseguire un ordine.
Manco a farlo apposta, i soldati uccidono il Vrula. E no, perché i soldati non l’abbiano attaccato prima invece d’inseguire il miraggio della balestra gigante o perché non siano stati inviati più soldati, sono domande che è meglio non fare, sarebbe maleducato.

Finita la battaglia, nel mondo di Mareq Tha non è previsto nessun servizio di assistenza per i feriti chikas_pink34.gif (o di riparazione per i mezzi, visto che i soldati sono considerati più strumenti che non esseri umani). Anzi, la stessa Mareq Tha ammazza uno dei feriti, per dar dimostrazione della propria autorità. Interessante il sistema con cui viene ucciso il povero disgraziato: mediante l’incantesimo Lame di Ghiaccio, che non è rischioso e ha effetto immediato. Usarlo contro il Vrula sarebbe stato sleale!

Tabitha
Anche Tabitha conosce l’incantesimo Lame di Ghiaccio!

Capisco possa sembrare incredibile, ma con le considerazioni di cui sopra ho solo sfiorato l’incompetenza e la stupidità delle poche pagine dell’estratto, un vero monumento all’idea che documentarsi prima di scrivere sia un peccato mortale.
Un’altra perla: chikas_pink28.gif

[I balestrieri si preparano al fuoco, i soldati stanno impegnando il Vrula] Mareq Tha si concesse un’altra occhiata al loro bersaglio.

E già, perché quando si comanda un assalto, una pensa ad altro, a quella definizione delle parole crociate che le sfugge, a se ha lasciato aperto il gas uscendo di casa, se ha dato da mangiare al gatto (o al Coniglietto Grumo! kaos-whiteusagi14.gif ), alla prenotazione del ristorante per la cena col fidanzato, e alla Luna, così romantica! Solo per sbaglio, ogni tanto, si concede un’occhiata allo scopo della missione!

Se fosse una recensione, Il Segreto di Krune sarebbe a dodici gamberi marci chikas_pink06.gif (uno per ogni pagina dell’estratto), ma non lo è, e forse il romanzo completo potrebbe essere meglio. Forse. No. Impossibile.

Mostra MiniFAQ Etica ▼


Approfondimenti:

bandiera IT La scheda del romanzo al sito dell’Editore, per scaricare l’estratto fare clic su “Abstract”

bandiera EN L’Accademia Navale di Annapolis

 

Scritto da GamberolinkCommenti (11)Lascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

Recensione :: Romanzo :: Anharra – Il santuario delle tenebre

Anharra Santuario delle Tenebre Titolo originale: Anharra, Volume 2 – Il santuario delle tenebre
Autore: J.P. Rylan
Anno: 2007
Nazione: Italia
Lingua: Italiano
Casa Editrice: Mondadori
Collana: Omnibus
Genere: Fantasy

Pagine: 334
Prezzo: 18 euro (hardcover)

Pochi giorni dopo aver rigettato in mare il primo volume di Anharra, gambero di seconda scelta, arr, mi ritrovo a pescare un gambero perfino meno promettente: “Anharra, volume 2 – il santuario delle tenebre“.
Se i miei doveri di Capitano di Nave per Gamberi (come sanciti dalla Prima Conferenza dei Pescatori di Gamberi del 1714) non mi obbligassero a recensire questo puzzolente frutto del mare, lo rigetterei volentieri nelle salmastre acque fingendo di non averlo mai trovato. Sfortunatamente i miei obblighi di Capitano di Barca per Gamberi mi costringono a turarmi il naso e a tenere a bordo questo turpe crostaceo quanto basta per sezionarlo dalle antenne alla coda il più in fretta possibile.
E’ un dovere nei confronti dell’Umanità, arr.

Chi ha letto la prima recensione sa che il Capitano non solo non è prevenuto verso il seguito del primo volume di Anharra, ma addirittura nutriva speranze che quel poco di buono che si era intravisto venisse sviluppato e che l’autore, avendo dismostrato con una certa padronanza stilistica di non essere il primo sprovveduto raccolto da sotto un cavolo, si impegnasse maggiormente dandoci un prodotto sempre migliore.
Inutile sperare: quel poco che c’era di buono è sparito, arr!
Le quaranta pagine in più rispetto al libro precedente mi fanno solo pensare ai danni causati dalla deforestazione.

Adolf Hitler e il discorso dell’anguria
La mappa è talmente inutile che non ve la mostrerò:
al suo posto Adolf Hitler che mangia l’anguria!

Perfino la mappa è un’inutile e ridicolo disegno privo di senso: una minuscola città messa a cavolo sopra uno zoccolo roccioso e un tempio a gradoni poco distante, a un tiro di schioppo. Alberi grandi come palazzi a contorno. Una mappa talmente brutta, stupida e inutile ai fine narrativi da non meritare nemmeno di essere mostrata.
Perfino Adolf Hitler nel celebre Discorso dell’Anguria è una scelta migliore da proporvi.

A voi la quarta di copertina, che perlomeno non offende la vista:

Nel cuore di Anharra, la città maledetta, il Re Vemerin ha atteso per trenta secoli, finché le stelle segnassero il tempo del suo ritorno. Un sonno vegliato dalle Tenebre, potenze infernali che gli hanno svelato il segreto della vita e della morte trascinandolo nella loro spaventosa follia. Vargo e Amnor hanno assistito al risveglio del Re pazzo. Alla ferocia con cui Vemerin si è avventato sulle terre dell’Impero, in cerca dei discendenti di coloro che tremila anni prima riuscirono a sconfiggerlo. Ma le sue armate non portano solo morte e distruzione: se riuscirà nel suo intento, il futuro stesso degli uomini sarà negato, e inizierà il regno delle Tenebre. Nessuno può resistere alle sue legioni, composte di vivi e di morti, di ibridi volanti e di terribili draghi meccanici. In una terra sconvolta da terremoti, piogge sulfuree e lotte intestine per il potere, Vargo, Amnor, il sergente Kon e le due Sgualdrine cercano le tracce del Popolo Ribelle, il solo che a suo tempo si oppose a Vemerin. Ma il potere del Re pazzo è troppo forte per sperare di sconfiggerlo in combattimento. Il filo sottile al quale si aggrappano le loro speranze è Athramala, la figlia del Re. Sospesa tra la vita e la morte in un sarcofago di cristallo, Athramala possiede il segreto del Trentesimo Canto, l’unico in grado di annientare Vemerin. I rischi però sono tremendi. Chi conosce il rito per strapparla al suo sonno senza ucciderla per errore? Quali ombre hanno impresso nella sua mente i sogni che l’hanno visitata in un tempo così lungo? E come essere certi che, una volta risvegliata, non decida di unirsi al padre, rendendolo invincibile? Una nuova sfida per Vargo, che può decidere il destino del mondo.

Ecco, questa è l’unica cosa che si salva di tutto il libro: ora che l’avete letta potete pure risparmiarvi la tortura di sorbirvi il resto e potrete rimanere con quei pochi bei ricordi che il primo Anharra ci ha lasciato.

Si conferma anche nel secondo volume la totale mancanza di spessore dei personaggi unita al loro utilizzo pessimo. Il triste passato di Vargo e la sete di conoscenza di Amnor non vengono sfruttati in alcun modo, lasciando spazio a un generale e costante “inno al glorioso eroe”: Vargo monopolizza l’attenzione, presentandosi come l’ennesimo eroe predestinato di serie B.
La facilità con cui reincontra il suo popolo, sbaraglia i nemici e infine giunge allo scontro finale è tale da lasciare basiti…
…di fronte alla consapevolezza di aver sborsato 18 euro per tutto ciò. Diciotto euro che sarebbero stati investiti meglio se fossero stati bruciati.
Perfino il trentesimo canto, la figlia di Vemerin, il tempio e la Torre delle Sgualdrine si riducono a niente, come se l’autore si fosse dimenticato di averli inseriti e li gettasse via in malo modo, senza nemmeno sforzarsi di sfruttare appieno le potenzialità insiste nelle proprie idee. Vemerin stesso non vale nemmeno la fatica di pronunciarne il nome, per quanto male è utilizzato da Rylan.

Le descrizioni diventano confusionarie, spesso abbozzate, e non permettono al lettore di immergersi nell’azione. Eppure la lotta nella capitale dell’Impero sarebbe potuta essere una grande scena di guerra, sangue e massacri. E’ difficile capire per quale motivo Rylan decida di gettare ogni possibilità di rendere l’opera interessante, cavalcando sempre lo spreco narrativo delle buone possibilità. L’unica cosa memorabile degli scontri rimane il fango, causato dalla semplice pioggia che scioglie i palazzi costruiti con mattoni di fango crudo. Nemmeno il buon senso di rivestirli con la calce, cosa che perfino i caprai dello Yemen fanno dall’alba dei tempi. Rylan ci parla del fango ogni volta che può, quasi con gioia feticistica, preferendolo evidentemente alla caratterizazione dei personaggi o alla descrizione degli scontri urbani.

E ora un po’ di Spoiler sul finale…

Mostra spoiler ▼

Terminare la lettura di questa oscenità è stato molto difficile, a differenza del primo libro che si era fatto leggere senza troppi problemi (meritandosi perfino un Gambero +1 per questo). Il Finale (vedi spoiler) lascia aperta la possibilità di un terzo volume, ma in realtà le vicende si sono già concluse con questo libro. La Mondadori sarà in attesa di scoprire i dati delle vendite di questa badilata di concime per decidere se dovrà commisionare a Jeep Rylan un ulteriore seguito.
Dal canto mio mi immagino Rylan che accoglie la notizia di doverlo scrivere con lo stesso entusiasmo con cui reagirebbe alla proposta di scrivere un tomo di mille pagine di ricette a base di pesce: qualunque cosa va bene, basta che venda.

Fate un favore al mondo:
se proprio volete leggerlo, fatevelo prestare!

Combattiamo la deforestazione globale scongiurando la pubblicazione di un terzo volume!


Curiosità:
Il suddetto libro, in data odierna, non è ancora in vendita su BOL, sito di vendita libri ufficiale Mondadori. Curioso.
Su IBS ricordo di aver letto dei commenti negativi, ora misteriosamente spariti da alcuni giorni… che ci sia lo zampino di Lord Mondador?

Approfondimenti:
bandiera IT Sito dedicato ad Anharra

Giudizio:

Evita descrizioni paesaggistiche inutili e altri vezzi lessicali da scrittore fantasy di terza categoria… +1 -1 …ma spesso è troppo sintetico e poco chiaro nelle descrizioni…
  -1 …e si capisce davvero poco di quel che accade nelle azioni concitate!
  -1 Situazioni gestite male, messe là tanto per scriverle, contornate da una trama inesistente.
  -1 Personaggi abbozzati e stereotipati. I pochi personaggi dotati di spunti interessanti vengono sprecati per la pessima gestione della storia.
  -1 Finale affrettato, pessimamente scritto e deludente.
  -1 Scrittura priva di personalità: non trasuda emozioni e non accende l’interesse del lettore.
  -1 Lo scontro nella capitale dell’Impero è a mala pena abbozzato e non permette al lettore di penetrare nell’azione per viverne la paura, il caos e la violenza.

1

Scritto da GamberolinkCommenti (8)Lascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

Pagina 17 di 18

« prima ‹ precedente  ...  14 15 16 17 18  ultima »