Lorelei & Le Armi Segrete del Terzo Reich!

Qualche giorno fa, tra il caos di commenti ai romanzi della Troisi, è emersa una discussione sulle armi bizzarre dell’antichità.
Alcune di queste armi sono celeberrime e ormai entrate a far parte dell’immaginario collettivo, per esempio il misterioso Fuoco Greco, la sostanza incendiaria che continuava a bruciare a contatto con l’acqua, la cui formula rimane un segreto, oppure gli Specchi Ustori, usati da Archimede per dar fuoco alla navi romane che assediavano Siracusa.

Fuoco Greco
Il Fuoco Greco era una delle armi della marina dell’impero bizantino

Ma armi bislacche e misteriose compaiono in ogni epoca, dato che la necessità aguzza l’ingegno e la guerra ha sempre imperversato. Perciò non sembra strano che uno dei periodi più floridi per l’invenzione di armi siano stati gli anni della Seconda Guerra Mondiale e il periodo immediatamente precedente. In particolare gli scienziati e gli ingegneri nazisti si sono guadagnati l’ammirazione e lo sdegno del mondo per i loro progetti, alcuni assurdi, altri geniali. Assurdo e geniale sono ottima compagnia per ogni scrittore, specie scrittore di narrativa fantastica, dunque è il caso di parlare delle Armi Segrete del Terzo Reich!

In più, uno dei film giapponesi che da tempo volevo recensire è basato proprio sul concetto che i nazisti fossero riusciti a sviluppare un super sottomarino, più all’avanguardia di un’astronave!

Di seguito la recensione del film Lorelei: The Witch of the Pacific Ocean, chi non fosse interessato alla cinematografia nipponica può saltare subito alle armi segrete.


Locandina di LORELEI Titolo originale: LORELEI
Titolo inglese: Lorelei: The Witch of the Pacific Ocean
Regia: HIGUCHI Shinji / Cellin Gluck

Anno: 2005
Nazione: Giappone
Studio: Toho
Genere: Guerra, Fantascienza, Sottomarini
Durata: 2 ore e 8 minuti

Lingua: Giapponese / Inglese
Sottotitoli: Inglese (per le parti in giapponese)

Il 6 agosto 1945 gli Americani sganciarono la prima bomba atomica su Hiroshima. Il 9 agosto colpirono Nagasaki, e il 15 agosto il Giappone si arrendeva.
Lorelei parte dalla premessa che gli Americani avessero pronta una terza bomba atomica, e intendessero sganciarla su Tokyo l’11 agosto. Ma i Giapponesi hanno un’arma segreta, l’I-507, un super sottomarino donato dai nazisti agli alleati nipponici prima della disfatta.

Trailer di LORELEI

Lorelei è un film che in occidente sarebbe considerato “politicamente scorretto”. Nel film non c’è alcuna condanna né della guerra, né della condotta dell’Impero Giapponese. I “buoni” sono fanatici nazionalisti, i “cattivi” sono gli Americani e altri fanatici nazionalisti. Non solo, anche i nazisti sono mostrati in una luce favorevole, tanto che un personaggio esclama: “Il capolavoro della tecnologia nazista è la nostra ultima speranza!”, e non capita tutti i giorni di sentire battute del genere!
Guardando il film si ha come la sensazione di essere scivolati in un universo parallelo, come quello descritto da Philip K. Dick ne La Svastica sul Sole.

La Svastica sul Sole
The Man in the High Castle (La Svastica sul Sole)

In contrasto con la filosofia di fondo c’è la realizzazione, di stampo hollywoodiano. Lorelei non si pone problemi a saccheggiare tutti i cliché riguardanti i film di sottomarini, dal Capitano che porta la nave a profondità eccessiva per sfuggire ai nemici (“oddio lo scafo non reggerà!”), all’ammutinamento, al sacrificio eroico dell’ufficiale con famiglia, ecc. ecc. Facendo un copiaincolla di scene dai film di sottomarini degli ultimi anni (film come The Hunt for Red October, Crimson Tide o K-19: The Widowmaker) si può ricostruire il 90% di Lorelei.
Sotto questo punto di vista Lorelei è solo una copia mediocre di modelli americani. Però il restante 10% di originalità è originalità deliziosamente nipponica, in puro stile anime!
Infatti il cuore del super sottomarino è il Sistema Lorelei, un radar in grado di fornire informazioni accuratissime su ogni oggetto in superficie e sommerso nel raggio di 120 miglia, e di guidare gli armamenti di bordo con precisione assoluta. Il radar funziona grazie ai poteri extrasensoriali di una ragazzina giapponese!

Paula Atsuko Ebner
La ragazzina, Paula Atsuko Ebner, è collegata e pronta all’azione!

In realtà ragazzina tedesca di origini giapponesi, sottoposta agli esperimenti nazisti per il miglioramento della razza umana, ha sviluppato tutta una serie di poteri ESP (e ha imparato a cantare). Da notare che nessuno dei personaggi pare scandalizzato o senta il bisogno di argomentare contro la sperimentazione sugli esseri umani.

Il regista di Lorelei è HIGUCHI Shinji, che tra gli altri ha diretto Nihon Chinbotsu (Japan Sinks) un film catastrofico sull’inabissamento delle isole giapponesi, una via di mezzo fra Deep Impact e The Core.
Il signor HIGUCHI dimostra un certo talento per le scene d’azione, ma anche una scarsa capacità di concentrarsi sull’essenziale: sia Lorelei sia Japan Sinks sono lunghi almeno 20 minuti di troppo.

Locandina di Japan Sinks
Locandina di Japan Sinks

Gli attori fanno tutti il loro dovere, ma certo non c’è nessuno che si possa avvicinare allo Sean Connery nella parte del Capitano Marko Ramius dell’Ottobre Rosso.
Gli effetti speciali sono ottimi per quanto riguarda il Sistema Lorelei, con il suo design retrofuturistico, un po’ meno quando si tratta dei combattimenti: è troppo evidente che navi, sottomarini ed esplosioni sono fantasmi CG.

In conclusione Lorelei è un discreto film d’azione. Penso possa piacere agli appassionati di anime e a quelli di film con i sottomarini, se non troppo esigenti in fatto di realismo (oltre alla ragazzina con poteri ESP, quasi ogni particolare tecnico o militare è inverosimile).
Credo Lorelei sia anche interessante dal punto di vista culturale: un film di guerra, per certi versi quasi di propaganda, dove però gli Americani sono i cattivi, non è facile trovarne al giorno d’oggi. Vent’anni fa Lorelei avrebbe fatto furore in Unione Sovietica!

* * *

Curiosità militare: l’I-507 pare ispirato a un sottomarino che ha realmente solcato i mari, solo non era un sottomarino tedesco, bensì il francese Surcouf.

Surcouf
Sottomarino francese Surcouf

I-507
Sottomarino tedesco I-507

Curiosità mitologica: Lorelei è il nome di una ninfa germanica abitante presso il fiume Reno. In maniera simile alle sirene, la ninfa con il suo canto attirava i marinai, causando il naufragio delle imbarcazioni. È probabile che le manie canterine della protagonista siano legate a questo aneddoto.

 

Giudizio:

Stile animoso. +1 -1 Realismo degno di un fantasy italiano.
Il retrofuturistico Sistema Lorelei. +1 -1 CG nei combattimenti pessima.
Diverse divertenti scene d’azione. +1 -1 Troppo lungo.
L’inversione delle parti è interessante… +1 -1 …ma a qualcuno potrebbe non piacere pensare che i nazisti siano fra i “buoni”.

Stivale: clicca per maggiori informazioni sui voti


Le armi del Terzo Reich, anche rimanendo nell’ambito dei progetti più curiosi, è argomento vastissimo, tanto che ci sono decine di libri dedicati all’argomento. Perciò mi limiterò a una carrellata delle idee più folli o interessanti.

Sonnengewehr

L’arma definitiva, che, una volta completata, avrebbe permesso al Terzo Reich di dominare incontrastato su tutta la Terra! Stiamo parlando del Cannone Solare!!!

Nel 1929 lo scienziato tedesco Hermann Oberth (professore di Wernher von Braun), nel suo libro Wege zur Raumschiffahrt (Ways to Spaceflight) aveva preconizzato la costruzione di stazioni spaziali, con tanto di specchi enormi in grado di concentrare i raggi solari in uno specifico punto sulla superficie terrestre. Le idee di Oberth erano pacifiche, il raggio sarebbe dovuto servire per esempio per alimentare le caldaie di turbine a vapore.

Hermann Oberth
Hermann Oberth

Durante la Seconda Guerra Mondiale, gli ingegneri tedeschi del centro ricerche di Hillersleben ripresero le tesi di Oberth, e pensarono di ampliare il concetto e trasformalo in arma.
Si sarebbe dovuta costruire una stazione orbitante a 8.200 chilometri d’altezza; lo scopo della stazione sarebbe stato controllare un ciclopico specchio concavo, con una superficie riflettente superiore ai tre chilometri quadrati.
Opportunamente comandato, lo specchio sarebbe stato in grado di concentrare i raggi solari con intensità letale, colpendo qualunque punto della Terra. Le città dei nemici del Reich sarebbero state vaporizzate all’istante, rase al suolo dalla potenza del Cannone Solare!

Il progetto del Cannone Solare è incredibilmente ambizioso e futuristico. Non si parla solo di mettere in orbita uno specchio gigantesco, ma anche una stazione spaziale con tanto di serre per l’ossigeno degli astronauti, pannelli solari per fornire energia ai macchinari e un sistema di razzi per orientare il Cannone.
Tutto ciò avrebbe dovuto essere preparato a terra, in moduli prefabbricati da trasportare e assemblare in orbita. Per questo gli scienziati nazisti avevo già anche previsto nuovi vettori, razzi a più stadi, evoluzione delle famose V-2.

Assemblaggio in orbita
L’assemblaggio in orbita, illustrato dalla rivista Life (1945)

Nella primavera del 1945 il centro di Hillersleben venne chiuso perché ormai gli alleati incalzavano. Gli Americani riuscirono a evacuare molti degli scienziati, che continuarono a lavorare, questa volta ai progetti di conquista dello spazio statunitensi.
Quanto vicino sono arrivati i nazisti a costruire il Cannone Solare? Purtroppo per loro e per fortuna del resto del mondo, non molto: le stime più ottimistiche degli stessi ingegneri coinvolti parlano di almeno cinquant’anni di lavori.

Schwerer Gustav

Il Cannone Solare non ha mai superato la fase di progettazione, invece lo Schwerer Gustav (il Pesante Gustavo) è stato costruito. Schwerer Gustav è il più grosso cannone mai creato!

Schwerer Gustav è un cannone calibro 800 millimetri. Ha una canna lunga circa 30 metri, e pesa 1.300 tonnellate. Ha una gittata di 38 chilometri con proiettili da 7 tonnellate, mentre con proiettili esplosivi da 4 tonnellate la gittata raggiunge i 48 chilometri. Il ritmo di fuoco è di circa un colpo ogni mezz’ora. Il cannone è trasportato via rotaia da uno speciale treno, per riassemblarlo una squadra di 250 persone deve lavorare per tre giorni, e il personale totale addetto al pezzo supera le 2.000 unità.

Schema del Schwerer Gustav
Visione schematica del Schwerer Gustav…

Disegno del Schwerer Gustav
…disegno del Schwerer Gustav…

Foto del Schwerer Gustav
…e infine il Schwerer Gustav dal vivo!

Schwerer Gustav fu ordinato alle industrie Krupp nel 1934. Doveva servire per demolire le fortificazioni della Linea Maginot. Però la costruzione della canna si rivelò particolarmente ostica, tanto che all’inizio delle ostilità il cannone non era ancora pronto. La rapida vittoria tedesca in Francia rese lo scopo di distruggere la Linea Maginot obsoleto e il lavoro sul cannone rallentò ancora: solo nel 1942 finalmente fu terminato.
Trasportato sul fronte orientale, Schwerer Gustav partecipò al bombardamento di Sebastopoli, sparando in totale 48 colpi. Dopo di che si resero necessari degli interventi di manutenzione alla canna, che dovette essere smontata e spedita in Germania.
Nel frattempo, il posto del Schwerer Gustav sarebbe dovuto essere occupato dal Dora, un cannone gemello con caratteristiche analoghe, da poco completato.

Cannone Dora
Il cannone gemello del Schwerer Gustav, il Dora

Ma la situazione tattica era cambiata ed è quasi certo che il Dora non abbia sparato neanche un colpo, prima della ritirata tedesca.
Schwerer Gustav e Dora tornarono in Germania e non pare abbiano più partecipato a nessuna azione bellica (sebbene ci siano degli avvistamenti non confermati del Dora nei pressi di Stalingrado e Varsavia durante la rivolta del ghetto).

Nel complesso la coppia di cannoni è stato solo un enorme spreco di soldi e risorse.

Curiosità: Schwerer Gustav si chiama così perché Gustav era il nome del presidente delle industrie Krupp.

Landkreuzer P. 1500 “Monster”

Dunque i tedeschi avevano Il Più Grande Cannone del Mondo, perché non montarlo sul Più Grande Carro Armato del Mondo?! Tanto grande che il termine carro armato è riduttivo, si tratta infatti di un landkreuzer, un “incrociatore terrestre”.

Il P. 1500 sarebbe stato una mostruosità con un peso compreso fra le 1.500 e le 2.500 tonnellate, lungo 42 metri, largo 18, alto 7 e con un equipaggio di più di 100 “marinai”. Appunto una vera e propria nave da guerra su cingoli. Oltre al già citato cannone da 800 millimetri, l’armamento prevedeva anche due obici da 150 millimetri e decine di cannoni antiaerei.

Il P. 1500
Il P. 1500 paragonato a un camion e a un normale carro armato

Non fu mai costruito. Come non fu mai costruito un modello meno ambizioso, il P. 1000 “Ratte”. Il progetto del P. 1000 però venne maggiormente sviluppato e di questo secondo “incrociatore terrestre” si conoscono dei particolari in più.

Il P. 1000 avrebbe avuto un peso compreso tra le 900 e le 2.000 tonnellate. 35 metri di lunghezza, 14 di larghezza e 11 d’altezza. L’armamento prevedeva due cannoni navali da 280 millimetri (54.5 Sk C/34), un terzo cannone da 128 millimetri (Kwk 44 L/55), otto cannoni antiaerei da 20 millimetri (Flak38) e due cannoncini da 15 millimetri (MG 151/15). Otto motori Daimler-Benz Mb501, normalmente usati su navi e sottomarini, avrebbero consentito al P. 1000 di muoversi fino a 40 chilometri l’ora. L’equipaggio sarebbe stato di almeno 20 soldati.

Un disegno del P. 1000
Il P. 1000 sarebbe potuto apparire così…

Un altro disegno del P. 1000
…o forse così

Per figurarsi quanto il P. 1000 sarebbe stato impressionante, basti pensare che il peso dell’M1 Abrams, l’attuale principale carro da battaglia dell’esercito U.S.A., si aggira sulle 60 tonnellate. Qui parliamo di 1.000 e passa!

Proprio il peso incredibile avrebbe ridotto i possibili utilizzi del P. 1500 e del P. 1000.
Per esempio nessun ponte avrebbe retto la loro stazza. Non avrebbero potuto sfruttare alcuna strada, se non a patto di distruggerla.
Inoltre la geometria di entrambi i carri avrebbe impedito di poter puntare a bersagli a distanza ravvicinata, e dunque avrebbero sempre dovuto essere accompagnati da altri veicoli di supporto. Infine l’eccessiva grandezza li avrebbe resi facili bersagli per i bombardieri ad alta quota e la stessa artiglieria fissa nemica (anche se per ovviare a questo problema era stato proposto di camuffare i mezzi da… palazzi!)
In altre parole, per quanto questi “incrociatori terrestri” siano impressionanti, è probabile non sarebbero sopravvissuti molto sul campo di battaglia.

Confronto P. 1000 / E-100
Qui il P. 1000 è immaginato con il cannone da 128 mm montato su una torretta separata. Il confronto è con l’E-100, un altro carro sperimentale. L’E-100 pesava 150 tonnellate, era lungo 10 metri, largo 4,5 metri e alto 3,3 metri.

P. 1500 e P. 1000 rappresentano anche un vicolo cieco nel campo dell’evoluzione degli armamenti, dato che con il passare degli anni questa ricerca di gigantismo si è esaurita, e nessuno al giorno d’oggi si sogna più di progettare armi di questo tipo. Probabilmente sarà necessario un altro visionario come Hitler, perché certe idee possano riaffiorare. O forse è meglio di no!

Lo studio sul P. 1000 / P. 1500 iniziò nel 1942 e venne interrotto l’anno successivo per ordine dell’allora Ministro degli Armamenti Albert Speer. Nonostante ciò, i nazisti si possono lo stesso vantare di aver costruito il Più Grande Carro Armato del mondo: infatti nel 1942 cominciò anche la progettazione del Panzerkampfwagen VIII “Maus” e due prototipi di questo carro arrivarono a completamento. Uno dei due con regolare armamento.

Disegno del Maus
Il “Maus” di fronte e di profilo

Foto del Maus
Una foto del “Maus”

Il “Maus” ha un peso di “appena” 188 tonnellate, e dispone come armamento principale di un cannone da 128 millimetri. Come detto ne sono stati costruiti due prototipi, il primo senza armamento, con una torretta finta, solo per studiare quale motore sarebbe stato più efficiente dato il peso enorme del mezzo; il secondo prototipo invece era armato, tanto che agli sgoccioli della guerra venne ordinato che partecipasse alla difesa di Berlino.
Purtroppo il carro si guastò prima di arrivare a destinazione e l’equipaggio dovette distruggerlo per non farlo cadere in mano ai sovietici. I sovietici però riuscirono a catturare i resti di entrambi i prototipi e tra tutte e due ne venne fuori un “Maus” funzionante, che è ancora esposto al museo dei carri armati di Kubinka, nei pressi di Mosca.

Maus in museo
Il “Maus” esposto al museo di Kubinka

Amerika Bomber

Giapponesi e Tedeschi hanno sempre avuto un problema durante la Seconda Guerra Mondiale: l’impossibilità di colpire direttamente il territorio degli Stati Uniti. I Giapponesi provarono a risolvere la questione inviando verso gli U.S.A. migliaia di palloni incendiari: forse qualche centinaio giunse a destinazione, mietendo ben sei vittime.

Pallone giapponese
Uno dei palloni spediti dai Giapponesi contro gli Stati Uniti

Nel 1944, il Ministro dell’Aria del Reich Hermann Göring convocò cinque delle principali aziende aereonautiche tedesche e chiese che venisse approntato un bombardiere con un raggio di 11.000 chilometri e capace di trasportare un carico di 4.000 chili di bombe. Tale bombardiere doveva essere in grado di decollare dalla Germania, raggiungere New York, sganciare il suo carico di bombe e tornare in patria. Senza scalo e senza rifornimento intermedio.

Dopo una serie di discussioni, venne approvato il progetto dei fratelli Horten, l’Horten Ho XVIII A (più tardi una diatriba fra gli ingegneri delle altre aziende aereonautiche e Reimar Horten spingerà quest’ultimo ad aggiornare il suo progetto e a disegnare l’Horten Ho XVIII B).
L’Horten Ho XVIII A sarebbe dovuta essere un’ala volante con un’apertura di 40 metri, spinta a 900 chilometri l’ora da sei turbogetti inseriti nella fusoliera. Basta confrontare il design di tale aereo con quello del moderno B-2 americano per rendersi conto di quanto i fratelli Horten fossero in anticipo sui tempi:

Schema dell'Horton Ho XVIII A
Schema dell’Horton Ho XVIII A

Disegno dell'Horton Ho XVIII A
Come sarebbe apparso l’Horton Ho XVIII A

B-2 Spirit
Il bombardiere americano B-2 Spirit

Il progetto dell’Horten Ho XVIII B fu considerato definitivo e un primo bombardiere avrebbe dovuto essere pronto per l’autunno del 1945 (sebbene i fratelli Horten fossero scettici sulle possibilità pratiche di terminare il lavoro in così breve tempo). In ogni caso la Germania si arrese il 7 maggio 1945, e l’aereo non lasciò mai i tavoli da disegno.

Schema dell'Horton Ho XVIII B
Schema dell’Horton Ho XVIII B

Disegno dell'Horton Ho XVIII B
Come sarebbe apparso l’Horton Ho XVIII B

Tuttavia qualcosa di concreto è rimasto delle idee dei fratelli Horten: l’Horten Ho IX (entrato in produzione con il nome di Gotha Go 229). Questo futuristico caccia a reazione si è calcolato avrebbe potuto raggiungere i 1.000 chilometri orari, grazie ai due turbogetti. L’Horten Ho IX era armato con quattro cannoni da 30 millimetri e poteva portare un carico di 1.000 chili di bombe. Almeno un prototipo armato venne completato e riuscì a volare una volta prima della fine della guerra. Altri quattro aerei simili furono trovati a vari stadi di costruzione.

Gotha Go 229 V3 (fronte)
Un Gotha Go 229 V3 in costruzione trovato dagli alleati: fronte…

Gotha Go 229 V3 (retro)
…e retro

Legato al progetto Amerika Bomber, è l’idea di permettere il lancio di razzi stile V-2 da parte di sottomarini in immersione. Così gli U-boot avrebbero potuto bombardare a piacimento le coste degli Stati Uniti. Neanche questo progetto arrivò a compimento, sebbene pare fosse ormai a un a passo dalla realizzazione.

La Luna, Marte e oltre

Finora ho parlato di progetti che benché folli, sono documentati e sono, anche i più bislacchi, almeno in linea teorica realizzabili. Esiste poi un campo vastissimo di ricerca, spesso esplorato non da storici ma da “scienziati dissidenti”(sic), che si occupa degli aspetti esoterici della tecnologia nazista.
Il cardine di tali studi è l’idea che dalla fine degli anni ’30 i nazisti abbiano avuto contatti con gli extraterrestri o abbiano recuperato qualche nave spaziale naufragata sulla Terra, come nel famoso incidente di Roswell.

Hitler con alieno
Hitler incontra un ambasciatore dei Grigi

Analizzando i manufatti alieni, i nazisti avrebbero compiuto incredibili progressi, tanto da permettere loro di sbarcare sulla Luna nel 1942 e costruirvi una base segreta sotterranea.
Nell’aprile 1945 sarebbe partita una nave spaziale tedesca, che dopo otto mesi di viaggio avrebbe raggiunto Marte. Nel gennaio 1946 la scampagnata si sarebbe conclusa con un disastroso schianto sulla superficie del pianeta rosso.
Ah, gli “scienziati dissidenti” sostengono anche che Marte venne raggiunto nel 1952 dai Sovietici e dagli Americani e nel 1956 da un’astronave del Vaticano, partita dall’Argentina. Tutto vero!

Il Duce aveva già conquistato Marte nel 1939…

Questo grazie al motore tachionico a moto perpetuo, che i nazisti avrebbero acquisito dagli extraterrestri. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, tale tecnologia sarebbe finita in possesso anche di Russi e America (e del Papa).
Oltre a fornire ai nazisti l’affare tachionico, gli alieni avrebbero svelato agli scienziati tedeschi il segreto dell’eterna giovinezza e come costruire mech da combattimento, ma questo è materiale per un altro articolo!

Nazimech
Robot da combattimento nazista

Intanto gli alleati…

Mentre i nazisti preparavano i loro piani per il viaggio su Marte e gli incrociatori terrestri, Americani e Inglesi non si giravano i pollici! Tra i vari progetti più o meno razionali, uno dei più curiosi è il Progetto Habakkuk.

Nel 1942 il giornalista, spia e inventore inglese Geoffrey Pyke propose ai vertici militari inglesi di costruire una gigantesca portaerei, composta da più di 200.000 blocchi di un nuovo materiale, appena scoperto, il “pykrete”.
Il pykrete si ottiene mischiando al ghiaccio la polpa di legno. Si ha così un materiale leggero e facilmente manipolabile ma con la resistenza del cemento.

Pykrete
Pykrete

Tale portaerei sarebbe stata lunga più di 600 metri, larga 100 metri, profonda 60 e con uno scafo di pykrete spesso 12 metri. Sarebbe stata una sorta di isola semovente, praticamente inaffondabile, in grado di trasportare più di 200 aerei e di fungere da testa di ponte per un’eventuale invasione delle isole giapponesi.

La portaerei del Progetto Habakkuk
La portaerei del Progetto Habakkuk…

Portaerei di ghiaccio
…e un’interpretazione artistica

Il progetto si arenò su una serie di quisquilie tecniche: tipo riuscire a mantenere l’intero scafo a una temperatura inferiore ai -15 gradi, per impedire deformazioni nel pykrete, e riuscire a fornire energia sufficiente a far muovere l’intera nave. Con i previsti 26 (!) motori, la portaerei si sarebbe spostata a una velocità massima di 10 nodi (appena 18 chilometri l’ora).

Finita la guerra e con il crescere dell’autonomia dei bombardieri, il progetto della portaerei di ghiaccio venne archiviato. Peccato!

In Italia

Anche in Italia non mancano i progetti di armamenti curiosi e bizzarri, basta pensare al misterioso Raggio della Morte di Marconi. Magari ci dedicherò un articolo, per ora accontentiamoci di questa foto, apparsa nel numero di aprile 1933 della rivista Popular Science.

Cavallo meccanico
Il fascista cavallo d’acciaio!

Un cavallo meccanico, costruito da un non ben specificato inventore italiano. Secondo la rivista, il cavallo galoppa altrettanto bene sulle strade o su terreno accidentato e può essere usato per insegnare ai giovani a cavalcare. Ovviamente la foto potrebbe essere stata manipolata o il cavallo d’acciaio essere solo una scultura, non in grado di muovere un solo “muscolo”. Purtroppo non pare in rete ci siano ulteriori informazioni riguardo a questo prodigio dell’italico ingegno.

Fonti

Oltre ai siti web segnati tra gli Approfondimenti, consiglio due libri sull’argomento: Germany’s Secret Weapons in World War II di Roger Ford, che si occupa quasi esclusivamente dei progetti più realistici, giunti almeno alla fase di prototipo, e My Tank Is Fight! di Zack Parsons, che invece non si fa scrupoli a parlare delle armi più folli.

Copertina di Germany's Secret Weapons in World War II
Copertina di Germany’s Secret Weapons in World War II

Copertina di My Tank Is Fight!
Copertina di My Tank Is Fight!

Inoltre, per chi volesse provare l’ebbrezza di volare con qualcuno degli strani aerei nazisti, il Coniglietto Grumo mi segnala l’esistenza del videogioco Secret Weapons of the Luftwaffe. Non sono riuscita a farlo partire, non essendo neanche stato programmato per Windows, ma dovrebbe funzionare usando l’emulatore DOSBox. Oppure recuperando dalla cantina qualche vecchio PC.

screenshot da Secret Weapons of the Luftwaffe
Uno screenshot da Secret Weapons of the Luftwaffe: qui si sta pilotando il Gotha Go 229!

* * *

Questo articolo è nato grazie all’impegno mio, di mio fratello e del Coniglietto Grumo. Un ringraziamento particolare a Carraronan per la prontezza, la gentilezza e la competenza con le quali ha risposto alle nostre mail.


Approfondimenti:

bandiera EN LORELEI su IMDb
bandiera IT La Svastica sul Sole su iBS.it
bandiera FR Una pagina dedicata al Surcouf

bandiera EN Achtung Panzer! sito dedicato ai carri tedeschi
bandiera EN Luft ’46 sito dedicato agli aerei da guerra futuristici del Terzo Reich
bandiera EN Strange vehicles of Pre-War Germany & The Third Reich
bandiera EN Black Sun: esoterica tecnologia nazista

bandiera EN Fascisti su Marte su IMDb
bandiera EN Un articolo che parla della portaerei di ghiaccio
bandiera EN L’articolo di Popular Science dedicato al cavallo d’acciaio fascista

bandiera EN My Tank Is Fight! su Amazon.com
bandiera EN Un capitolo da My Tank Is Fight!
bandiera EN Germany’s Secret Weapons in World War II su Amazon.com

bandiera EN Secret Weapons of the Luftwaffe su MobyGames
bandiera EN Secret Weapons of the Luftwaffe scaricabile da Abandonware Paradise
bandiera EN Il sito ufficiale di DOSBox

bandiera IT Il blog del Duca Carraronan

Scritto da GamberolinkLascia un Commento » feed bianco Feed dei commenti a questo articolo Questo articolo in versione stampabile Questo articolo in versione stampabile • Donazioni

37 Commenti a “Lorelei & Le Armi Segrete del Terzo Reich!”

  1. 37 tasunka

    il “raggio della morte” non fù ideato da marconi ma bensì da Nicola Tesla come anche la radio…….

  2. 36 Vincent Law

    Grazie mille!
    Mi è stato di grande aiuto, soprattutto la parte sul Landkreuzer P. 1500 “Monster” e le fonti che hai scritto alla fine. Oltre alle recensioni e alle segnalazioni, anche questi articoli sono molto interessanti :3

  3. 35 Gamberetta

    @Vincent Law.

    Ti spiace se prendo spunto dal tuo articolo per scrivere una tesi? :3

    No, non mi spiace, figurati! Anzi, sono contenta che i miei articoli siano utili.

  4. 34 Vincent Law

    ciao gamberetta!
    Ti spiace se prendo spunto dal tuo articolo per scrivere una tesi? :3

  5. 33 zeros

    Infatti io mi sono fermata al secondo… Tanto le chicche migliori (mi dicono amici che li hanno letti tutti) erano fondamentalmente lì…

  6. 32 Gamberetta

    @zeros. È vero, bella segnalazione. I primi romanzi del ciclo dell’Invasione sono molto divertenti e meritano di essere letti (poi la storia è tirata troppo per le lunghe).

  7. 31 zeros

    Curiosità che “manca” nell’articolo: il Dora fa la sua comparsa (e anche la sua porca figura, se è per questo) nei libri di Harry Turtledove sull’Invasione della Terra da parte dei rettili (la Razza). In “Invasione anno zero” il buon cannone viene messo in posizione dai tedeschi sulla piana russa, caricato e usato per abbattere ben due navi dei rettili, protette efficacemente contro i razzi ma non contro un colpo solido di quelle dimensioni. Dopo i due colpi, il Dora viene distrutto dai rettili, ma il suo lavoro l’ha fatto.
    Per info sul primo libro della serie:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Invasione_anno_zero

  8. 30 vash

    volevo innanzi a tutto comunicare che i due mega cannoni sono esistiti veramente anzi volevo comunicare che il “dora” è tutt’ora esistente, anche se un po a pezzi!!!!!!!
    volevo comunicare che se siete dei maghi del pc o semplicemente dei bravi informatici in “Combat Flight Simulator 3″ si possono inserire aeri “disegnati” dal programmatore!!!!!!!!!!
    l’idea delle porta aeri in “pykrete”(14 parti su 100 di truciolato di legno e 86 parti su cento di acqua) sarebbe stata anche accettabile in quanto il “pykrete” è effettivamente molto resistente( molto più del cemento. un cubo in cemento armato e un cubo in “pykrete” se vengono munite di cariche esplosive da 700 juole riportano danni rilevanti, ma il “pykrete” ne riporta in minor quantità) e ha una resistenza al calore 80 volte superiore al calore del normale ghiaccio!dunque l’unico vero problema sorge sull’impiego di questi vascelli su lunga distanza e sull’apparecchiatura elettronica e meccaniche
    io sostengo che la migliore arma bellica sia il carro armato di Michelangelo:)
    @gamberetta. aspetto il tuo articolo sul raggio della morte di Marconi!!!!!!!!!!! non mi deludere è importante per me!!!!!sarò molto critico :-)
    no no scherzo tranquilla

  9. 29 Fitz

    In realtà i giapponesi non avrebbero dovuto cercare l’arma navale suprema tanto lontano. Il vascello mostrato nel film sembra effettivamente ispirato ad una classe di sommergibili nipponici realmente realizzati al termine della seconda guerra: gli I-400 stazzavano oltre 6000 tonnellate ed erano dotati di una vasta stiva di carico in grado di alloggiare tre o quattro idrovolanti d’attacco i quali venivano lanciati mediante una lunga catapulta pneumatica installata sul ponte. Pare che nessuno di questi mostri marini sia mai stata utilizzato in azione, sebbene pochi mesi prima della fine delle ostilità gli equipaggi furono addestrati ad eseguire il bombardamento del canale di Panama, operazione che il volgere degli eventi rese irrealizzabile.

  10. 28 Gamberetta

    @Tyreal. Purtroppo rimpicciolendo l’immagine per farla stare nel tema del blog non è più risultato leggibile l’URL del sito dell’autore.
    È questo.

    @Stefano. Sì c’è una certa somiglianza, però il mezzo disegnato da Miyazaki è enorme, basta confrontarlo con le venti persone che sono in piedi davanti.

    @Loreley. Non avevo visto un’immagine grande abbastanza per notare micky mouse. Comunque la mia copertina di Tempo fuori luogo ha come illustrazione dei tizi sulle sdraio.

  11. 27 Tyreal

    Scusate se mi intormetto ma…
    Il mecha nazista da dove salta fuori? E’l’illustrazione di qualche gioco di ruolo?

  12. 26 Loreley

    Vista adesso la copertina. Verde con un orologio. Mah! Forse si sono confusi e quella sarebbe dovuta essere la copertina di Tempo fuori luogo, sempre di Dick.

    Uhm, non penso. L’orologio raffigurato è quello di cui si parla nel libro, con sopra mickey mouse. Più che altro è lo sfondo verde ad essere veramente atroce. Poi non so come sia la copertina di Tempo fuori luogo =)

  13. 25 Stefano

    LOL
    Il carro di Miyazaki sembra un ARL44 francese (http://it.wikipedia.org/wiki/ARL-44)
    un tardivo tentativo di attualizzazione dei carri CHAR B degli anni 30

  14. 24 avvocatospadaccino

    x Gamberetta, per molti lavori di miyazaki, tipo porco rosso, hai ragione che il riferimento appare riferibile all’epoca 1860-1919, anche io ho questa forte impressione. altri lavori suoi sembrano più fantasy che fantascienza (tipo principessa mononoke). Non mi entusiasmano molto, anche se riconosco che sono molto belli. Invece conan per me resta su un altro livello, sarà perchè è più fantascienza che fantasy. quel cartone mi ricorda molto anche Moebius, e se si parla di armi fantastiche, non può non citarsi Moebius. Ok, sto andando OT come al solito, tu sei comunque partita da un dato reale, anche per le armi poi magari mai realizzate.

  15. 23 ZioBlood

    @Gamberetta:
    Per i tedeschi carburante e carri armati è stato da sempre un binomio maledetto:
    basti pensare al fatto che durante la campagna di Russia, quando l’inverno gelò tutte le riserve di benzina all’interno delle taniche dei carri armati, von Paulus fu costretto da Hitler a fare saltare in aria tutto nel tentativo di sciogliere il carburante.
    Ah la stupidità, cha brutta bestia!

  16. 22 Gamberetta

    @avvocatospadaccino. Non sono un’esperta di Miyazaki, però diversi disegni nel volume Hayao Miyazaki’s Daydream Note potrebbero essere illustrazioni per le armi segrete del Terzo Reich, tipo quello qui sotto:

    Un incrociatore terrestre?

    Anche se in generale mi pare che il look delle armi e dei mezzi di Miyazaki sia qualcosa a metà fra la guerra civile americana e la prima guerra mondiale.

    @Loreley. Vista adesso la copertina. Verde con un orologio. Mah! Forse si sono confusi e quella sarebbe dovuta essere la copertina di Tempo fuori luogo, sempre di Dick.

    @Stefano. Da quel che ho capito molti di questi progetti dovevano avere soprattutto un valore simbolico: il Carro Armato Più Grande del Mondo doveva essere il simbolo della potenza del Reich più che un effettivo aiuto nelle operazioni militari. Comunque non ci sarebbe stato niente da fare: già nel ’44 Tedeschi e Giapponesi avevano enormi problemi di carburante, qualunque mezzo avessero schierato non si sarebbe potuto muovere.

  17. 21 avvocatospadaccino

    sulla gigantomania ricordo forse l’esempio più costoso e relativamente inutile: le grandi corazzate.
    Fonte di attrito tra germania ed inghilterra già nella prima guerra mondiale, dove fecero ben poco, e praticamente inutilizzate durante la seconda guerra mondiale, perchè gli oceani erano delle portaerei e dei sommergibili.
    pensate alla megacorazzata yamato e alla sua fine da pollo.
    Certo, a qualcosa sono servite… ad esempio la corazzata yamato ha creato un bel cartone animato sulle tigri dello spazio dove c’è una poetica della morte che a pensarci fa venire brividi e sudori freddi.
    un quesito per i gamberi: il muso del gotha mi ricorda la falena gigante che si vede in conan, miyazaki si sa che è un grande esperto, avrà scopiazzato da lì?
    e prima che i fan di miyazaki mi saltino alla gola per aver detto scopiazzato, preciso di averlo detto con grande rispetto e ammirazione.

  18. 20 Loreley

    Ottimo articolo, non c’è che dire. Peccato che l’argomento non sia esattamente di mio interesse.
    Una sola cosa, un po’ OT: ma quanto è orrenda la copertina de “La svastica sul sole” dell’editrice Fanucci? Completamente fuorviante, a mio avviso, specie rispetto all’edizione inglese postata da Gamberetta. Boh.

  19. 19 Stefano

    Un bel articolo, con una linea comune: Hitler pensava, come la cinematografia odierna, che le cose grandi fossero le più efficaci. Parlare in un film di un sommergibile avvenieristico e ispirarsi al Surcouf, soprannominato “gigante buono” per la sua dubbia efficacia è abbastanza comico. A proposito di carri armati, se invece di quei pachidermi, Hitler avesse puntato su una versione rinnovata del Panther…

  20. 18 mitoancess

    Scusate ma per errore ho messo il precedente messaggio anche qui:
    abbiate clemenza…

  21. 17 mitoancess

    Per tutti:

    Tante chiacchiere ma ancora non ho visto la risposta al mio quesito:
    etimologia della parola “elisione” e suo utilizzo nella metrica classica.

    Oltre alle ciance e bazzecole riuscite a rispondermi appropriatamente ?
    Ripeto, non fate i furbi con wikipedia, dizionari, enciclopedie ecc… Sono pronto prontino prontuccio a beccarvi in flagrante.
    Il concorso è aperto anche per ECO, su mi faccia sognare Chiarissimo Docente.
    Ravvedersi, ravvedersi, ravvedersi …

  22. 16 Rob

    Ah, voglio aggiungere che, per esperienza personale, è molto difficile trovare testi di assoluto “equilibrio storico” sul Terzo Reich. Si è detto davvero di tutto e di più e le teorie sono infinite. Io ho letto moltissimi libri sul nazismo, al punto da elaborarci una tesi di laurea. La difficoltà maggiore era senza dubbio quella il dover distillare acutamente le diverse analisi di studiosi riguardo le ampie categorie in cui il nazionalsocialismo aveva agito (sfera politica, sociale, economica etc… etc…) . A parer mio, Joachim Fest ci è riuscito. E’ stato il primo storico (tedesco) a scrivere con implacabile perizia e distacco emotivo (davvero difficile da tenere per un argomento come il Terzo Reich) una grande biografia sul Führer da cui ne trapela naturalmente, uno studio dell’enorme apparato totalitario formatosi attorno a lui .
    Il testo è “Hitler. Una biografia” , edito in Italia da Garzanti.
    Ciao.

  23. 15 Rob

    a Gamberetta e Vanamonde:

    Io infatti ho citato i testi di Irving e Romersa come letture da farsi “senza cadere nella pedanteria di un risvolto troppo storico”.
    Era soprattutto riferito a chi avesse qualche curiosità di approfondimento che esulasse da un profilo prettamente storico.

    Ovviamente gli storici del nazionalsocialismo sono ben altri… a partire da quello ritenuto finora più valido e attendibile: Joachim Fest.

    Ciao

  24. 14 ZioBlood

    Su IBS purtroppo non ho trovato nessuno dei due suddetti volumi. mi sa che mi toccherà andare in libreria non appena avrò accumulato un po’ di grano.

  25. 13 Gamberetta

    @Rob. Oltre al problema di Irving (per carità, per me ognuno può scrivere quel che gli pare, ma certo poi non puoi pretendere che ti prendano sul serio come storico), anche il libro di Romersa da quel che ho sentito dire è “sospetto”. Non l’ho letto, ma dovrebbe sostenere la tesi che i nazisti nel 1944 avessero già un prototipo funzionante di bomba atomica, il che non è semplicemente vero (a tal proposito, se si è interessati all’argomento, uno dei testi più completi e documentati è: Richard Rhodes “L’Invenzione della Bomba Atomica”, editore Rizzoli).
    Comunque anche un libro non del tutto accurato può essere affascinante, basta avere la consapevolezza che non sono notizie storiche verificate.

    @Tyreal. Grazie della segnalazione. Combat Flight Simulator 3 è un ottimo gioco, ma da quel che so simula solo aerei reali (infatti tra gli aerei “strani” della Luftwaffe c’è solo il Gotha Go 229, che come detto nell’articolo almeno una volta ha volato).

    @Angra. L’idea dei super cannoni di per sé poteva anche non essere malvagia, nell’ottica di un conflitto stile Prima Guerra Mondiale. Perciò l’ordine per tale tipo di arma nel 1934 non è insensato. Ha meno senso che si sia proseguito dopo la capitolazione della Francia.
    Comunque lo stesso Gustav ha ammesso che dal punto di vista militare è stato uno spreco di soldi, ma dal punto di vista scientifico i dati ricavati su resistenza e affidabilità dei materiali si sono rivelati utili in generale per l’industria degli armamenti.

    @ZioBlood. Sì, i due testi che ho segnalato sono in inglese. “Germany’s Secret Weapons in World War II” lo puoi trovare anche via P2P, mentre “My Tank Is Fight!” non credo sia mai stato “scannerizzato”.
    In italiano non saprei indicarti un titolo specifico, che si occupi solo delle armi strane. Magari dai un’occhiata ai libri segnalati da Rob, con la cautela però di non prenderli del tutto sul serio.
    Per quanto riguarda argomenti più esoterici c’è “Hitler e il nazismo magico” di Giorgio Galli (Rizzoli).

  26. 12 Vanamonde

    Rob, visto che David Irving è uno dei principali esponenti del negazionismo (cioè di coloro che negano l’esistenza dei campi di sterminio nazisti), non mi sembra molto attendibile come storico. E sicuramente non mi va di foraggiarlo comprando i suoi libri…

  27. 11 Tyreal

    Volevo aggiungere al videogame citato il suo poco conosciuto seguito: Secret Weapon Over Normandy, molto più recente e disponibile per pc:
    http://www.spaziogames.it/content2/archivio/articolo.asp?id=5774&zona=pc

    Senza contare che nel celeberrimo Combat Flight Simulator 3 si possono pilotare il Gotha e i vari 262 della Luftwaffe.

  28. 10 Lo Sparviero

    Aggiungo anche che è uscito il nuvo libro “I carnefici di Hitler”.

  29. 9 Rob

    Be certo, alcune cose erano un po’ surreali… ma lo erano altrettanto le loro menti…
    Per chi avesse piacere di approfondire, senza cadere nella pedanteria di un risvolto troppo storico, ma comunque interessante, consiglio questi 2 testi:

    Die Geheimwaffen des Dritten Reiches (Le armi segrete del Terzo Reich) di David Irving, Edizioni Arnoldo monadadori (in italiano)

    Luigi Somersa, Le armi segrete di Hitler, (la casa editrice credo sia Mursia) …

    Per chi fosse invece interessato ad un aspetto storico qualsiasi (oltre le armi) del Reich hitleriano posso consigliarvi qualche bibliografia decente in merito ai vari argomenti.

    Un saluto a tutti.

  30. 8 Angra

    @Rob: la V2 sì, era una cosa seria. Altre cose come il supercannone invece puzzano un po’. Ach, se ci fosse staten una Gabanellen… ;)

  31. 7 Rob

    per Angra:

    ciao, ti assicuro che erano pronti e disposti ad usarle quelle armi, eccome !! I nazisti erano molto determinati. Prendiamo ad esempio i V2. Purtroppo per loro gli esperimenti andarono avanti tra mille difficoltà e l’epilogo della guerra, unitamente al declino della Germania incombevano. Ma se le sorti fossero state diverse ci sono prove documentate che i primi missili avrebbero raso al suolo Londra, l’unica che all’epoca (grazie ai radar) aveva resistito alla spaventosa forza d’urto tedesca. Per fortuna la storia ha riservato esiti più decenti…
    Poi ovviamente, su tangenti, corruzioni e altro presente nelle sfere politiche, economiche e culturali del Terzo Reich penso non basterebbe un’enciclopedia per descriverle… Ciao.

  32. 6 Angra

    Bellissimo articolo, vario e interessante.

    Una considerazione sulle super armi inutili: l’impressione è che nessuno intendesse usarle davvero, ma che servissero solo a foraggiare gli industriali amici del regime come i Krupp. Non è escluso che poi qualche grosso gerarca ne ricavasse un tornaconto sotto forma di tangenti.

    Altre cose come lo specchio orbitante mi fanno venire in mente che i professori universitari sono molto bravi a farsi finanziare progetti mirabolanti quanto al di là della loro portata. Conosco professori che non sono in grado di far muovere un carretto con due ruote nel proprio laboratorio e prendono finanziamenti europeri per la robotica su Marte…

  33. 5 ZioBlood

    Articolo interessantissimo. Complimenti.
    Volevo chiederti:
    I libri che hai segnalato sono in inglese? Dove sono reperibili? Esiste qualcosa che parli dell’argomento anche fra testi italiani (ad esempio nella collana Mondadori)?

  34. 4 Rob

    Bene. Un articolo “storico”. Il progetto sulle armi del Terzo Reich è davvero ambizioso. Numerosi storici si stanno ancora oggi interrogando sulle varie questioni. Per le informazioni sui missili V2 che i nazisti progettarono, a cui Heinrich Himmler fu molto affezionato, nella speranza che fossero l’ultima risorsa per il riscatto del conflitto bellico, si possono trovare informazioni anche su alcuni siti che parlano della fabbrica dove vennero progettati e costruiti, quella di Peenemünde , in Germania appunto.
    Sarebbe bello ampliare anche il discorso che collega i sottomarini ( gli U-BOOT), con l’operazione “Odessa” e la vicenda particolare dell’U-BOOT 234, quello che avrebbe portato negli Stati Uniti il “patrimonio” di ricerche scientifiche/ingegneristiche del Reich hitleriano… ma forse è una cosa troppo specifica.

  35. 3 Lo Sparviero

    Un articolo eccelente, brava!
    Ho trovato molto avvincente la teoria di quegli “sic”(pazzi) secondo cui i nazisti avrebbero avuto contatti con gli extraterrestri, anche se ci accorgiamo subito che è un po’ campata per aria.
    Se i avessero disposto di armi così avanzate come mech e cosi tachionici(xd):
    1. I nazisti le avrebbero condivise con noi italiani.
    2. Hitler avrebbe messo in ginocchio chiunque si fosse opposto al suo folle regime (a parte i Grigi stessi).

  36. 2 Vanamonde

    Post piacevole e interessantissimo, come sempre.
    Ho qualche dubbio, però, che in Unione Sovietica avreebbero apprezzato il film. D’accordo l’inimicizia con gli Americani, ma la Grande Guerra Patriottica contro i nazisti era un mito intoccabile nell’URSS. Non sarebbe mai passato un film con nazisti “buoni”.

  37. 1 avvocatospadaccino

    secret weapon of luftwaffe, mitico!!!!!!!
    (io avevo il II però)
    giovinastri, non avete idea di quanti fottuti mustang ho abbattuto con il mio M. Rocket. Neanche mi vedevano, lenti amerikanen e kaputt. E vogliamo dire di quanto, finiti i pochi proiettili, mi lanciavo letteralmente dentro un fortress?
    Poi i traditori hanno firmato la resa incondizionata e… il resto lo sapete. Ovviamente combattevo senza finalità politiche, lol.

Lascia un Commento.
Per piacere, rimanete in argomento. Per maggiori informazioni riguardo la politica dei commenti su questo blog, consultate la pagina delle FAQ.

  

Current day month ye@r *